Batterie, entro il 2025 l'Europa sarà autosufficiente nella produzione

La Commissione Europea fissa al 2025 il paletto per l’autonomia del vecchio continente nella produzione delle batterie elettriche. Sarebbe un grosso successo in vista della neutralità climatica da raggiungere entro il 2050

fabbrica impianto batterie elettriche volkswagen

Getty Images | Jens Schlueter

L’Europa potrebbe essere un passo più vicina al traguardo della neutralità climatica fissato per il 2050. La Commissione Europea ha infatti stimato che il Vecchio Continente potrà raggiungere la piena autonomia nella produzione di batterie per i propri veicoli elettrici già entro il 2025.

Oltre al fabbisogno, l’UE potrebbe esportare

Il vicepresidente della Commissione, Maros Sefcovic, ha anche aggiunto che l’Europa non solo sarà in grado di provvedere al fabbisogno energetico della flotta continentale, ma sarà anche in grado di avviare l’esportazione delle proprie batterie.

Questo secondo obiettivo sarebbe un successo per il settore automobilistico, inserito nel piano comunitario di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Batterie per 6 mln di veicoli elettrici entro il 2025

Attualmente, la Cina è il principale esportatore di celle agli ioni di litio necessari alla costruzione delle batterie elettriche, coprendo da sola l’80% della produzione mondiale. L’Europa quindi punta ad un’espansione molto rapida: le fabbriche già in costruzione sono 15. Tra questi gli impianti della svedese Northvolt in Svezia e Germania, lo stabilimento tedesco del produttore cinese Catl e la seconda fabbrica della sudcoreana SK Innovation in Ungheria. Secondo le stime di Sefcovic, entro il 2025 le strutture del nostro continente produrranno energia sufficiente ad alimentare almeno 6 milioni di veicoli elettrici

Un parco auto green da 13 mln di veicoli in 5 anni

È però previsto che, entro il 2025, anche il parco auto green europeo si espanderà. Entro meno di cinque anne la Commissione ha stimato di raggiungere quota 13 milioni di veicoli elettrici, il che porterebbe l’industria automobilistica a farsi carico di un grosso impegno sostenere l’intera filiera delle batterie.

Attenzione alle materie prime per la produzione delle batterie

Sempre con l’obiettivo di ottimizzare la produzione rientrando nei paletti di eco sostenibilità richiesti da Bruxelles, si sta anche lavorando all’uso di fonti interne per l’approvvigionamento delle materie primenecessarie alla produzione degli accumulatori. Per questo scopo è stata creata un’alleanza pubblico-privata all’interno dell’Unione Europea.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection

Potrebbe interessarti