Budget Cap, scoppia un altro scandalo? Arriva il chiarimento della FIA

La F1 teme un altro nuovo scandalo Budget Cap, che farebbe davvero male allo sport. Ora c’è una spiegazione della FIA in merito.

Tra pochi giorni, il mondo della F1 dovrebbe venire a sapere quelli che sono i bilanci relativi al Budget Cap per la stagione 2022, nel tentativo di capire se ci sono squadre che, ancora una volta, sono andate oltre i limiti concessi. Il responso è atteso per il 30 di luglio, ed in questi giorni, Stefano Domenicali ha fatto un annuncio molto importante.

F1 scandalo Budget Cap
F1 Red Bull con Verstappen in azione (ANSA) – Allaguida.it

Il CEO di Liberty Media ha dichiarato che quest’anno ci potrebbero essere delle sanzioni sportive in caso di superamento del limite del tetto di spesa, visto che da lui stesso è partita la richiesta verso la FIA di agire in maniera dura. Impossibile dare torto all’ex team principal della Ferrari, visto che qui c’è di mezzo l’integrità della F1, già pesantemente compromessa per altri motivi.

Il Budget Cap è stato introdotto nel 2021, anno in cui la Red Bull lo ha oltrepassato, ma rimediando solamente una multa di 7 milioni di dollari ed una riduzione del 10% del tempo di lavoro in galleria del vento. Per una squadra così organizzata e ricca, si è trattato di un buffetto, ed anche i risultati di questa stagione lo stanno confermando.

Riguardo al 2022, c’è stata già qualche voce, in questi mesi, relativa a possibili squadre che potrebbero aver superato il tetto di spesa, tra cui anche la Ferrari. Il team di Milton Keynes, lo scorso anno, fece uno sviluppo molto aggressivo della monoposto, ed un’altra violazione non ci sorprenderebbe. In queste ore, è arrivato il messaggio da parte della FIA.

Budget Cap, ora c’è la spiegazione da parte della FIA

Il Budget Cap aveva l’obiettivo di avvicinare le squadre tra di loro, dando una mano a quelli che sono i team più piccoli a stare in lotta. Visti i responsi, tutto ciò non è riuscito, visto che la Red Bull sta dominando, ed i valori in campo sono rimasti più o meno uguali tra le varie compagini. La Haas, nelle parole di Gunther Steiner, ha fatto sapere che senza l’introduzione del tetto di spesa non sarebbe più in F1, per cui, c’è qualcuno che crede che questa misura abbia funzionato.

Red Bull ed il Budget Cap
Red Bull con Verstappen in azione (ANSA) – Allaguida.it

Come appassionati di F1, dobbiamo augurarci che non ci siano state violazioni nel 2022, perché altrimenti, staremmo di nuovo qui a parlare di polemiche. A tal proposito, la FIA è stata contattata dal giornalista di “SKY Sports F1 UK“, ovvero Craig Slater, il quale ha poi riportato ciò che gli è stato detto dai grandi capi, tranquillizzando l’ambiente.

Ecco le sue parole: “La Federazione ha sottolineato che parlare di squadre a rischio infrazione per ciò che riguarda il Budget Cap al momento è infondato. Le analisi riguardo il regolamento finanziario sono ancora in corso e si concluderanno nelle prossime settimane“. Dunque, per ora la FIA vuole spegnere le polemiche, ma mancano davvero pochi giorni per scoprire la verità. La speranza è che tutto ciò venga poi confermato dai fatti.

Impostazioni privacy