Controlli auto prima di partire per le vacanze, cosa verificare per non correre rischi

Prima di partire per le vacanze estive è bene effettuare dei controlli auto: dal livello dell'olio ai tergicristalli, passando per l'aria condizionata, ecco quali sono i più importanti

Controlli auto prima di partire per le vacanze

Foto Shutterstock | di 4 PM production

I controlli auto prima di partire per le vacanze sono uno dei leit motiv dell’estate ed è bene che ogni automobilista, prima di mettersi in viaggio, si rechi in un’officina specializzata per verificare che tutto sia a posto sulla propria vettura. Leggerezze nella manutenzione dell’auto, infatti, possono essere origine di incidenti, anche molto gravi, ed è bene che prima di affrontare un lungo viaggio, magari per raggiungere la meta estiva tanto sognata, tutto sia in ordine.

Continua a leggere

Continua a leggere

Un check-up curato a scadenze regolari, ossia quelli che vengono definiti controlli periodici all’auto, è sempre il miglior modo per allungare la vita della propria vettura. Ma sono i controlli auto prima di partire per le vacanze quelli da non tralasciare. In questo caso, infatti, è bene prestare attenzione alle gomme in primis, senza dimenticare i filtri, i liquidi e gli spessori legati ai freni. Accertarsi che l’impianto luci sia in perfetto ordine e infine avere tutto il materiale necessario (vedi ruota di scorta, kit di riparazione, triangolo di emergenza e altro). Ecco una breve guida sui controlli auto da eseguire

Pneumatici auto

pressione pneumatici auto
Foto Pexels | Andrea Piacquadio

La verifica della pressione dei pneumatici va fatta rigorosamente a freddo. E almeno una settimana prima di partire per le vacanze in modo da verificare eventuali perdite d’aria su una delle quattro gomme e poter rimediare in tempo. Da ricordare, inoltre, che al contrario una pressione eccessiva, cosi come una inferiore, rispetto a quanto riportato sul manuale di istruzione dell’auto, può far perdere stabilità al veicolo.

Tra i controlli, poi, non bisogna tralasciare il battistrada che deve essere sempre almeno superiore al minimo legale di 1,6 millimetri. A tal proposito si può utilizzare una moneta da 2 euro e controllare che la cornice esterna sia del tutto nascosta dal tassello. Visivamente se le gomme anteriori sono “scalinate” ai lati vanno fatte controllare in officina.

Continua a leggere

Continua a leggere

Leggi anche: pneumatici estivi, quando montarli e perché conviene

Livello olio e filtri

come cambiare olio motore

Tra i principali controlli dell’auto prima di partire, il più semplice, da fare da soli, è quello del livello dell’olio e del liquido di raffreddamento (entrambi con motore freddo). Va sempre verificato che non siano sotto i limiti indicati. Quello fornito dall’asticella, per l’olio, e nel piccolo serbatoio in plastica con tappo nero per il refrigerante. Liquido a parte si può aggiungere anche semplicemente dell’acqua, soprattutto in estate. Per l’olio sempre meglio avere un litro di scorta in auto quando si fa un lungo viaggio.

Rabboccare non è mai male se ci si accorge di cali improvvisi. Uno sguardo va dato anche al livello del liquido freni, in tal caso è opportuno che scegliere un olio di qualità, resistente alle temperature elevate, per una frenata sempre sicura e pronta. Tra i liquidi da controllare, occhio anche a quello del servosterzo.

Continua a leggere

Continua a leggere

Altezza dei fari

L’altezza dei fari va regolata con uno strumento apposito che ne indica la regolarità della profondità. Non avendolo a disposizione la cosa migliore è posizionare l’auto di notte con fari accesi contro una parete (muro) e ad occhio capire se l’altezza dei fari è troppo bassa o troppo altra evitando così situazioni nella quale potrebbe venire meno la sicurezza. Chiaramente attenzione alle lampadine; è sempre bene verificare che esse siano tutte funzionanti, specialmente quelle di posizione e anabbaglianti.

L’impianto dell’aria condizionata

Foto Shutterstock | di David Jancik

Il troppo caldo può far innervosire e rendere il proprio viaggio insopportabile. Oltre alla lunga portare a sonnolenza e senso di spossatezza. Un abitacolo che raggiunge una temperatura elevata può infatti avere lo stesso effetto dell’alcol sull’attenzione del guidatore. Almeno due settimane prima di partire è consigliabile azionare il condizionatore al massimo della temperatura in raffreddamento per verificarne il funzionamento.

Innanzitutto, con motore al minimo (auto ferma) quando scatta il compressore i giri dell’auto rallenteranno e si percepirà a orecchio l’azionamento dell’aria condizionata. All’avvio, infatti, il compressore cambia proprio il regime del propulsore. Se nel compressore c’è gas la temperatura nel giro di 5 minuti si riduce facendo uscire aria fredda dalle bocchette. Per essere ancora più sicuri che tutto sia ok si può aprire il cofano e appoggiare la mano sul tubo principale dell’impianto di condizionamento. Se una toccato questo è freddo o ghiacciato sicuramente c’è gas nell’impianto, altrimenti l’aria condizionata va ricaricata.

Continua a leggere

Continua a leggere

Leggi anche: aria condizionata, come fare per ricaricarla

I tergicristalli

tergicristalli

Le spazzole dei tergicristalli sono sempre le più bistrattate in una vettura. E invece sono importanti. Estate e sole non sono, infatti, sinonimo di mancate perturbazioni. Facile poi in viaggio incappare i tipici temporali estivi. E se le spazzole sono consumate possono essere guai. Visibilità ridotta, infatti, equivale a pericolo.

Per questo, tra i controlli auto prima di partire per le vacanze, è bene verificare che le spazzole riescano a pulire bene il parabrezza e il lunotto; se così non fosse sono da cambiare. A tal proposito è consigliabile anche verificate sempre che la vaschetta del liquidi lavavetri sia piena per pulire l’auto dalla sporcizia.

Continua a leggere

Continua a leggere

I freni dell’auto

Foto Shutterstock | di pdsci

Uno dei controlli auto prioritari prima di partire per le vacanze è quello dell’impianto frenante. Per verificare che le pastiglie dei freni e dischi freni funzionino a dovere è bene prima di spegnere l’auto, sterzare il volante o tutto a destra o tutto a sinistra, sfruttando il servosterzo da fermi. A quel punto sulle ruote anteriori si creerà un angolo visivo per verificare lo spessore delle pastiglie dei freni e per valutare il consumo dei dischi. Anche se la spia dei freni non si accende, questo tipo di monitoraggio è comunque consigliabile.

Leggi anche: auto per la famiglia, le migliori sul mercato

Continua a leggere

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

Da non perdere