Automobili più veloci al mondo: la classifica

Quali sono le automobili più veloci del mondo? Tra nomi storici e qualche sorpresa, ecco i modelli che raggiungono le maggiori velocità

SSC Tuatara

SSC Tuatara -Foto credits SSc press

Le automobili più veloci al mondo sono anche quelle capaci di far sognare gli automobilisti. Un concentrato di tecnica automobilistica e ingegneria spinta ai limiti umani che spesso portano i modelli in questione a raggiungere velocità che nemmeno il più ottimista degli uomini avrebbe mai sognato, vetture capaci di spostare il limite sempre un chilometro orario più avanti alla ricerca di quel limite che spesso può essere superato e spesso anche dedicate a pochissimi visto che sono anche le auto più costose. Ma quali sono le automobili più veloci al mondo e soprattutto quale modello può vantarsi di essere, in maniera incontrovertibile, l’auto più veloce del mondo? Ecco quindi una classifica dei modelli che hanno toccato le velocità più elevate di sempre e anche di quelli che, nel prossimo futuro, sono pronti a toccarle.

Aston Martin Valkyrie 

Aston Martin Valkyrie
Aston Martin Valkyrie – Foto credits Aston Martin press

Di solito, quando si parla di automobili più veloci al mondo, le case costruttrici che le producono sono spesso di nicchia, abituati a sfornare pochissimi modelli nell’arco di un anno. L’eccezione è rappresentata dall’Aston Martin Valkyrie, vettura nata direttamente dall’esperienza in Formula 1 del marchio che può contare sulla potenza di un V12 6.5 aspirato da 11.100 giri al minuto abbinato ad un motore elettrico, per un totale di 1.155 CV e 700 Nm che fa raggiungere all’auto una velocità massima dichiarata di 402 km/h.

Bugatti Veyron

Bugatti Veyron
Bugatti Veyron – Foto credist Bugatti media

Bugatti è uno di quei nomi che, quando si pensa alle automobili più veloci del mondo, non può non venire in mente. Un’esperienza sviluppata nelle corse – delle quali fu splendida protagonista agli albori del motorsport – e trasferita poi ai bolidi da strada, Bugatti Veyron rappresenta uno dei modelli più prestazionali della casa francese. Spinta da un motore W16 da 7.993 centimetri cubici sovralimentato grazie a 4 turbocompressori, in grado di erogare 1001 cavalli, questa vettura è stata capace di fissare nuovi standard di velocità massima, grazie ai suoi 408,47 km/h.

Bugatti Veyron Supersport

Bugatti Veyron Supersport
Bugatti Veyron Supersport – Foto credits Bugatti media

Più leggera di circa 60 kg e con ben 200 Cv, Bugatti Veyron Supersport rappresenta l’evoluzione della sua sorella minore. Un’auto creata appositamente per riprendersi lo scettro di macchina più veloce del mondo, dopo averlo perso nel 2010, e che riuscì nell’impresa sfruttando la propria potenza per spingere a 431, 07 km/h sulla media dei due giri – requisito fondamentale per essere valido il record mondiale – toccando addirittura i 434 km/h in uno dei due.

Koenigsegg Agera RS 

Koenigsegg Agera RS
Koenigsegg Agera RS – Foto credits Koenigsegg press

La lotta per il titolo di macchina più veloce del mondo non conosce pause tanto che nel 2015 tocca a Koenisegg Agera RS tagliare il prestigioso traguardo piazzando l’incredibile velocità di 447,49 km/h. Un limite superato grazie a un peso di 1.395 kg, ma soprattutto per merito del cinque litri V8 sovralimentato da oltre 1.300 CV di potenza massima che permisero all’auto di diventare per un periodo l’auto più veloce al mondo.

Bugatti Chiron Super Sport 300+ 

Bugatti Chiron Super Sport 300+
Bugatti Chiron Super Sport 300+ – Foto credits Bugatti media

Quando ci si avvicina ai 500 km/h la realtà assume contorni difficile da definire. Come nel caso di Bugatti Chiron Super Sport 300+, capace di toccare i 490,48 km/h e conquistando il primato di “auto di serie più veloce al mondo”. Un’auto creata con il preciso intento di diventare una pietra miliare della velocità con un motore W16 8.0 da 1.600 Cv e con un prezzo capace di mettere i brividi: i 30 esemplari previsti in edizione limitata di Chiron Super Sport 300+ costano infatti di 3,5 milioni di euro l’uno.

Hennessey Venom F5  

Hennessey Venom F5
Hennessey Venom F5 – Foto credits Hennesse press

Il titolo di auto più veloce del mondo può non arrivare per forza dalla pista. Sembra un controsenso, ma prima di spingersi sull’asfalto, infatti, le case automobilistiche effettuano diverse prove e proprio in queste la Hennessey Venom F5 ha dimostrato di poter toccare la mitica soglia dei 500 km/h sfruttando il motore V8 da 6,6 litri sovralimentato in grado di sviluppare 1.817 cavalli e 1.617 Nm di coppia motrice. Per ora ha mostrato solo un piccolo assaggio arrivando alla velocità massima di 322 km/h con motore V8 biturbo da 6,6 litri depotenziato a 912 Cv, un biglietto da visita che fa propendere per la veridicità delle prove.

Koenisegg Jesko Absolut

Koenigsegg Jesko Absolut
Koenigsegg Jesko Absolut – Foto Koenigsegg press

Nata con il chiarissimo intento di diventare l’auto più veloce del mondo, Koenisegg Jesko Absolut, ulteriore evoluzione del modello Jesko, ha messo nel mirino quota 531 km/h. Il lavoro di sviluppo sul fronte della velocità massima, però, ha subìto un’interruzione a causa della pandemia, ma le premesse ci sono tutte visto il peso di 1.320 kg, la potenza di 1.600 Cv e di 1.500 Nm di coppia motrice.

SSC Tuatara

SSC Tuatara
SSC Tuatara -Foto credits SSc press

Il titolo – con tanto di giallo – di automobile più veloce del mondo spetta però a SSC Tuatara. Una vettura, la SSC Tuatara, nata con il preciso scopo di riuscire a fregiarsi di questo titolo. Per l’impresa, con al volante il pilota Oliver Webb, è stato necessario spingere l’auto fino ai 484,53 km/ nel primo passaggio mentre nel secondo ha toccato i 532,93 km/h facendo segnare così una media di 508,73 km/h che vale alla SSC Tuatara il titolo di auto più veloce del mondo. Poco dopo, però, un post dell’azienda specificò di non aver raggiunto le velocità dichiarate ma di impegnarsi a rompere il record in maniera trasparente ufficiale e senza dubbio, lasciando così il dubbio se la velocità sia mai stata raggiunta o sia stata fatta segnare solo tramite test.


Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti