Lamborghini Huracán STO, progettata per la corsa

Sviluppata dal Settore Corse di Lamborghini, la Huracán STO ha 640 CV. L’aereodinamica è estrema per una vera auto da corsa omologata per strada. In vendita dalla primavera 2021 a partire da 304.282 euro

Lamborghini Huracan STO

foto Ufficio Stampa Lamborghini

L’ultima supersportiva di casa Lamborghini è stata pensata per offrire tutte le sensazioni della guida sportiva di una vera auto da corsa in un modello omologato per uso stradale. La Huracán STO si sviluppa grazie all’esperienza del Settore Corse, dalla tecnologia che utilizza all’aerodinamica estrema.

Lo spirito della corsa è la componente fondamentale che ha guidato il team della Casa del Toro nella scelta di componenti ultra leggere (Huracán STO pesa infatti 43 chilogrammi in meno rispetto alla Performante) e del motore V10 con le prestazioni più elevate realizzato finora.

Lamborghini Huracan STO
foto Ufficio Stampa Lamborghini

Massima aerodinamica e pannelli di carbonio per la Huracán STO

Come già detto, la volontà era quella di utilizzare materiali leggeri per sviluppare un design funzionale che garantisse prestazioni ancora più alte dei modelli precedenti. 
La Huracán STO strizza un occhio alla Super Trofeo EVO nel design esterno, ma si arricchisce di un profilo completamentenuovo per ottimizzare l’aerodinamica della vettura. La carrozzeria è dotata di pannelli composti per oltre il 75% da fibra di carbonio.

Lamborghini Huracan STO
foto Ufficio Stampa Lamborghini

Il “cofango”, come lo chiama la Casa del Toro, è un elemento progettato appositamente, commistione tra cofano e parafanghi anteriori, che sviluppa contemporaneamente l’aereodinamica del lato frontale e ne riduce il peso. 

Prestazioni e funzionalità dei materiali Lamborghini

Gli interni della Huracán STO riuniscono perfettamente prestazioni e funzionalità e l’altissima qualità deimateriali che rispetta la volontà di leggerezza di Lamborghini.

La fibra di carbonio torna a mostrarsi nei pannelli delle porte, nei dettagli interni, nei sedili e nei tappetini, permettendo non solo di sentire la forza della corsa su pista attraverso il volante e i pedali. Questo materiale innovativo ed esclusivo offre infatti una vista da supersportiva accompagnata dalle rifiniture in Alcantara e Carbon Skin della vettura.

Lamborghini Huracan STO
foto Ufficio Stampa Lamborghini

Anche se ricordano la Huracán EVO, le soluzioni per gli interni della nuova Huracán STO contribuiscono a una riduzione complessiva del peso rispetto al modello precedente. Nuove finiture e una barra antirollio in titanio con cinture a 4 punti le donano infine un’anima da vera corritrice.

Dischi freno carboceramici CCMR di Brembo

Una delle caratteristiche che distingue la Huracán STO è il suo impianto frenante all’avanguardia. Gli speciali dischi freno carboceramici CCMR sono stati sviluppati appositamente da Brembo ispirandosi a quelli utilizzati in Formula 1

Lamborghini Huracan STO
foto Ufficio Stampa Lamborghini

Rapporto di sterzo fisso e tre modalità di guida

Sulla Huracán STO, per offrire il massimo delle prestazioni di un’autentica vettura da corsa, un rapporto di sterzo fisso con tre nuove modalità di guida (STO, TROFEO e PIOGGIA) ha preso il posto del tradizionale Lamborghini Dynamic Steering (LDS).

Un ingegnere personale Lamborghini con UNICA

Lamborghini Connected Telemetry è poi l’ultima chicca regalata da Lamborghini a chi, dall’aprile 2021 quando sarà immessa sul mercato con un prezzo a partire da 304.282 euro, vorrà regalarsi l’esperienza di guida in pista ogni giorno. Il sistema fornirà informazioni per migliorare la guida, analizzando le proprie performance attraverso l’app UNICA. Come avere un ingegnere in tasca.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection