Lazio in moto: i 5 migliori itinerari per gli appassionati dei viaggi in moto

I migliori itinerari panoramici da percorrere in moto alla scoperta del Lazio. Il perfetto mix di storia e natura in una delle regioni che offre davvero molta scelta di itinerari da fare in moto.

vista di roma dal tevere

Roma, Lazio Foto di Shutterstock | ESB Professional

Il vantaggio di organizzare un itinerario in moto in una regione come il Lazio sta nell’enorme patrimonio storico, culturale ed artistico che si mescola perfettamente con il panorama naturale tutto intorno.

Quindi se avete intenzione di organizzare una piccola gita fuori porta oppure qualcosa di più complesso come uno dei viaggi in moto in giro per l’Italia, qui troverete tanti spunti utili sui migliori itinerari panoramici che potrete fare in moto nel Lazio.

Ma non perdiamo altro tempo, è ora di scoprire le mete più belle e nascoste del Lazio da raggiungere in moto. Perciò, preparate tutto ciò che serve per il viaggio in moto, infilate il casco e scaldate i motori, si parte!

Civita di Bagnoregio: itinerario verso la città che muore

civita di bagnoregio
Civita di Bagnoregio, Lazio Foto di Shutterstock | Nehmadov

Il borgo sospeso di Civita Bagnoregio, è uno dei più suggestivi d’Italia e si è conquistato l’appellativo di “città che muore”.

Situata nella Valle dei Calanchi, è diventata meta turistica per la sua particolare bellezza.

Il percorso per raggiungere questa cittadina abitata da sole 11 persone, è costituito da ripidi saliscendi.

Con partenza da Tarquinia, il tragitto si sviluppa nel viterbese sfiorando località come Tuscania, le sponde del Lago di Bolsena e Montefiascone, per poi giungere davanti alla bellezza di Civita Bagnoregio.

Forca d’Acero: percorso in moto immerso nella natura incontaminata del Lazio

forca d'acero
Forca d’Acero, Lazio Foto di Shutterstock | Sirio Carnevalino

Immerso in un paesaggio altamente suggestivo, il valico di Forca d’Acero seppur non posizionato ad altezze sconvolgenti è di una bellezza da togliere il fiato.

Questo valico è l’unico collegamento tra la Ciociaria e il Parco Nazionale d’Abruzzo.

Il percorso è davvero caratteristico in ogni stagione e nonostante l’evidente pendenza è davvero piacevole da percorrere, fatto di curve che si fondono con la natura circostante.

Giardini di Ninfa: itinerario alla scoperta del giardino romantico

giardini di ninfa
Giardini di Ninfa, Lazio Foto di Shutterstock | LifeCollectionPhotography

Il percorso intorno ai Giardini di Ninfa vi catturerà con i suoi scorci naturali mozzafiato. Si tratta di un’oasi di pace in cui la natura ha preso il sopravvento su quello che forse in passato era un borgo.

l’itinerario si snoda intorno al parco naturale, per circa 50 km in un’area compresa tra la Ciociaria ed i Castelli Romani.

Con partenza da Norma, è d’obbligo fermarsi per poter ammirare i giardini in tutto il loro splendore per poi proseguire alla volta di Sermoneta, Sezze e Monticchio.

Valle di Comino: tour in moto alla scoperta della Ciociaria

ponte sul fiume ciociaria
Ciociaria, Lazio Foto di Shutterstock | Italian’sGentleMan

Nel cuore della Ciociaria, si apre una zona naturalistica davvero suggestiva, la Valle di Comino meta di molti turisti e motociclisti.

L’itinerario alla scoperta di questa valle si svolge in maniera circolare, con partenza da Alvito.

Il tracciato è un’ alternanza di rettilinei più panoramici e tratti più adrenalinici ed impegnativi fatti di curve sinuose che si srotolano sotto le vostre ruote.

In ogni tratto ammirerete degli scorci paesaggistici davvero meravigliosi, distribuiti lungo tutto il percorso.

Castelli Romani: un itinerario tra storia e natura

strada parco castelli romani
Castelli Romani, Lazio Foto di Shutterstock | Yuka Kayu

La perfetta gita fuori porta domenicale non può non essere quella alla volta dei Castelli Romani.

Con un itinerario in moto nel Lazio che parte da Frascati e giunge fino a Monte Porzio Catone, passando per le località di Grottaferrata, Marino, Castel Gandolfo, Genzano di Roma, Velletri e Nemi in un percorso che tocca borghi caratteristici.

Da Nemi poi proseguite per l’ultimo tratto che attraversa i boschi alla volta di Rocca di Papa. Dopo aver esplorato l’area dovrete rimettervi in marcia verso Rocca Priora.

Da qui attraverserete un suggestivo sentiero all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani che vi porterà dapprima a Monte Compatri per poi terminare l’itinerario a Monte Porzio Catone.

Parole di Susanna Cicconi