Jeep Compass

Accoglie bene i passeggeri, meno i bagagli

55
Jeep Compass 2018
  • N.D.
  • 25.000 - 39.750 €
  • 4,4 - 6,9 L/100KM
  • 5
  • 438 L
La nuova Jeep Compass 2018 arriva in Europa. Il mercato dei SUV di segmento C è arrivato a fare numeri similari a quelli delle classiche berline e, secondo gli analisti, potrebbe crescere di un ulteriore 20% entro il 2020. Un’occasione ghiotta da non farsi assolutamente sfuggire, insomma. La scheda tecnica del nuovo Compass vede motori benzina e diesel, prezzi a partire da 25.000 Euro, interni inediti e spaziosi ed un design molto interessante. Non eccezionale invece (per la categoria) il bagagliaio: la capacità minima è di 438 litri. C’è una rivisitazione della calandra, sempre con i tradizionali 7 elementi, ma ridotti in altezza, per dare l’idea di un muso avvolgente, che pone i gruppi ottici sulla stessa fascia. La nuova Jeep Compass 2018 è un prodotto globale, venduto su oltre 100 mercati e, per soddisfare le richieste diversificate di un pubblico eterogeneo, ricorre a 17 motorizzazioni, ovviamente specifiche per ciascuna area. Trattamento a contrasto dei montanti, insieme al tetto, che ne offre uno grande apribile. Interessante notare anche l’occhio della telecamera frontale, inserito sul paraurti anteriore, vicino all’occhiello di traino di sinistra. L’abitacolo integra bene l’infotainment sulla plancia, con una maschera sulla quale trovano spazio anche le bocchette del clima. La plancia ha una forma trapezoidale ed è un elemento di design caratteristico del marchio Jeep. A seconda degli allestimenti, ci sono display touchscreen da 5,0″, 7,0″ o 8,4″ del sistema Uconnect. Nella consolle centrale sono integrati gli elementi funzionali della Jeep Compass, tra cui il cambio, i comandi del sistema Selec-Terrain, il freno di stazionamento elettronico, i comandi del sistema Stop&Start (ESS), le manopole del volume e del climatizzatore e le prese di ricarica e connettività multimediale. Il quadro strumenti è dotato di display a LED da 3,5″ o 7″. Il display da 7″ a colori, di serie sulle versioni Limited, Trailhawk e Opening Edition, visualizza informazioni che il guidatore può configurare facilmente mentre è alla guida. Le capacità off-road vogliono diventare il punto di riferimento nella categoria. Sono garantite da due avanzati sistemi 4×4 full-time: Jeep Active Drive e Jeep Active Drive Low, quest’ultimo con un rapporto di riduzione di 20:1. Ciascun sistema è in grado di inviare il 100% della coppia disponibile a qualsiasi ruota se necessario. Entrambi sono dotati del dispositivo Jeep Selec-Terrain che offre diverse modalità (Auto, Snow, Sand e Mud, oltre alla modalità Rock specifica della versione Trailhawk) per garantire le massime prestazioni 4×4 su qualunque superficie, in strada o in fuoristrada, e in qualsiasi condizione climatica. La Jeep Compass è inoltre dotata di un dispositivo di disconnessione dell’assale posteriore e di un’unità di trasmissione della potenza (PTU) per ridurre ulteriormente i consumi sui modelli con configurazione 4×4. Entrambi i sistemi Jeep Active Drive e Active Drive Low entrano automaticamente in funzione quando si rende necessaria la trazione integrale. La versione Trailhawk presenta inoltre un’altezza da terra aumentata di circa 2,5 cm, piastre di protezione sottoscocca, gancio di traino posteriore di colore rosso, esclusivi fascioni anteriori e posteriori che garantiscono un angolo di attacco di 29,1 gradi, un angolo di dosso di 23,7 gradi e di uscita di 33,1 gradi, pneumatici off-road da 17 pollici e un’altezza libera da terra pari a 22,9 cm. Per prestazioni in fuoristrada “Trail Rated” ancora più estreme, il Selec-Terrain include sull’allestimento Trailhawk anche il sistema Selec-Speed Control con Hill-descent Control. E’ una sport utility che è andata a prendere il posto, in una volta sola, delle vecchie Jeep Patriot e Jeep Compass, per occupare il segmento dei SUV di segmento C. Una via di mezzo come dimensioni tra la Jeep Renegade (SUV di segmento B) e la Jeep Cherokee (SUV di segmento D): la lunghezza è nell’ordine dei 4 metri e 45 centimetri circa. La piattaforma è la Small Wide (quella della Renegade, insomma), opportunamente allungata, mentre le motorizzazioni sono prese in prestito dalle solite del gruppo FCA. Per soddisfare tutte le esigenze e le preferenze dei clienti, la nuova Jeep Compassa è offerta in sei diverse combinazioni, tra cui una motorizzazione a benzina con due livelli potenze e due diesel con tre livelli di potenze oltre a due trasmissioni, un’automatica a nove rapporti e una manuale a sei rapporti. La motorizzazione a benzina comprende un MultiAir2 Turbo da 1.4 litri con Stop&Start, 140 CV di potenza a 5.000 giri/min e 230 Nm di coppia a 1.750 giri/min, abbinato al cambio manuale a sei marce e alla configurazione 4×2, oppure un MultiAir2 Turbo da 170 CV a 5.500 giri/min e 250 Nm di coppia a 2.500 giri/min, abbinato al cambio automatico a nove marce e alla configurazione 4×4, quest’ultimo disponibile in un secondo momento. La motorizzazione diesel comprende l’efficiente MultiJet II da 1.6 litri con Stop&Start, 120 CV di potenza a 3.750 giri/min e 320 Nm di coppia a 1.750 giri/min, abbinato al cambio manuale a sei marce e alla configurazione 4×2, oppure un MultiJet II da 2,0 litri da 140 CV a 4.000 giri/min e 350 Nm di coppia a 1.750 giri/min, abbinato al cambio automatico a nove marce o manuale a sei marce e alla configurazione 4×4. Una versione più potente del MultiJet II da 2.0 litri con Stop&Start, in grado di erogare 170 CV in combinazione con il cambio automatico a nove marce e la configurazione 4×4 (inclusa la modalità a marce ridotte specifi

Versione consigliata

Una Jeep Compass con il 1.6 diesel da 120 cv se vi può bastare la trazione anteriore, con l’allestimento “Longitude” è già ben equipaggiata: di serie cerchi in lega da 17”, cruise control, fendinebbia, sensori posteriori di parcheggio e barre sul tetto. Non mancano nemmeno aiuti alla guida come l’hill holder, sistema anti-uscita involontaria di corsia e frenata automatica d’emergenza. Fra i motori da 170 cv, ovvero il 1.4 benzina e il 2.0 diesel, ci sono oltre 3.000€ di differenza. Sono entrambi abbinati alla trazione integrale e al cambio automatico a nove rapporti; l’unico allestimento disponibile è “Limited” a cui davvero non manca nulla, incluso antifurto, accesso keyless, fari bixeno e portellone elettrico.

PRO

  • Comfort: durante la marcia le sconnessioni delle strada si sentono poco
  • Abitabilità: lo spazio riservato ai cinque passeggeri è più che adeguato
  • Dotazione: per tutte le versioni della Jeep Compass c’è di serie il necessario

CONTRO

  • Baule: viste le dimensioni esterne dovrebbe essere più capiente
  • Dettagli: non tutte le finiture sono curate, migliorabili alcune plastiche
  • Portaoggetti: sono un po’ piccoli e ne manca uno refrigerato

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio manuale, automatico
Trazione anteriore, integrale
Coppia Massima 230/1.750 - 380/1.750 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo urbano 8,7 - 5,3/100 km
Consumo extraurbano 5,9 - 3,8/100 km
Consumo medio 6,9 - 6,9/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Suv
Lunghezza 4.394 - 4.398 mm
Passo 2.636 mm

PROVA SU STRADA

Jeep Compass 2018: prova su strada, prezzo, dimensioni e motori [FOTO]

Jeep Compass 2018: prova su strada, prezzo, dimensioni e motori [FOTO]

Nuova prova su strada di AllaGuida.it: abbiamo avuto il piacere di effettuare un lungo test drive della nuova Jeep Compass 2017....

NEWS

MODELLI

Parole di Paride Lupo

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.