Auto a metano più economiche-skoda octavia

Auto a metano più vendute in Italia: classifica e foto

1 di 13

1 di 13

Auto a metano più economiche-skoda octavia

La classifica delle auto a metano più vendute in Italia comprende modelli molto noti e popolari, fra i quali sono poche le variazioni. La top ten è un affare riservato tra i gruppi Fiat e Volkswagen. Tuttavia i numeri dicono che questa alimentazione se la passa molto male. Le vendite sono nettamente crollate, contestualmente alla forte crescita delle auto ibride. Il problema del tramonto delle auto a metano non dipende molto dalla tecnologia in sé ma da altri fattori. Sicuramente conta parecchio l’aumento dei modelli ibridi disponibili, soprattutto microibridi. D’altra parte le vendite delle auto a metano sono precipitate perché non ci sono più incentivi all’acquisto, le agevolazioni sul bollo auto sono abbastanza poche e in alcune città non le auto a metano non vengono nemmeno esentate dai divieti relativi alle zone a traffico limitato. Resta poi l’annoso problema delle stazioni di rifornimento: anche se negli ultimi anni il loro numero è molto aumentato, ci sono ancora parecchie zone d’Italia dove è quasi impossibile rifornirsi. Aggiungiamo anche le prestazioni molto scarse di quando si marcia con questa alimentazione. La forte differenza di prezzo d’acquisto rispetto alle auto a benzina rende quindi convenienti tali veicoli solo quando si hanno percorrenze annue molto elevate, pari se non superiori a quelle tipicamente da diesel. Il destino delle auto a metano, cioè le auto a gas naturale, sembra quindi segnato. Un vero peccato, perché da un punto di vista dell’inquinamento il metano è ancora il combustibile tradizionale più pulito e consente, in determinate condizioni, notevoli risparmi. Ma ora leggiamo la classifica delle auto a metano più vendute in Italia.

1 di 13

Pagina iniziale

1 di 13

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.