Autovelox e Tutor

Notizie e approfondimenti sugli autovelox e tutor: come fare ricorso per le multe e le norme da rispettare per non ricevere contravvenzioni e sanzioni.

Autovelox Milano 2014: mappa delle nuove installazioni

Autovelox milano 2014

Non c’è pace per gli automobilisti Milanesi, che sulle loro strade hanno fatto conoscenza con dei nuovi autovelox. Per contrare e prevenire le azioni delittuose dei pirati della strada, a Milano sono state allestite nuove postazioni fisse per il controllo della velocità - più comunemente conosciute come “autovelox” – nei punti della metropoli che vengono considerati più critici per la circolazione stradale. Sono ben sette i dispositivi ad essere stati installati per misurare la velocità dei conducenti su alcuni tratti in particolare e sono attivi da ieri, lunedì 10 marzo. Questa iniziativa, come precisa il comune di Milano, punta soprattutto a sensibilizzare i cittadini e ad informarli sul pericolo della velocità, fattore che influenza di molto gli incidenti della strada, piuttosto che a fare cassa.

Leggi l'articolo

Cosa non fare per non prendere una multa per eccesso di velocità [FOTO]

Bolzano beffava gli autovelox con l auto di 007_h_partb

Generalmente gli italiani sono persone disposte veramente a far di tutto pur di non ricorrere a sanzioni amministrative per eccessi di velocità, per cinture non allacciate, per l‘utilizzo del cellulare durante la guida o molte altre infrazioni che non stiamo qui ad elencarvi ora. Singolare è stato però l’episodio successo in autostrada A4 in direzione Milano ad un imprenditore di Bolzano. Se pensiamo ai precedenti di questa “invenzione” dobbiamo risalire all’agente James Bond di 007 nella sua Aston Martin in quanto la vettura disponeva di un dispositivo che permetteva di nascondere la targa quando il conducente lo riteneva opportuno.
Tornando al caso di specie, l’imprenditore bolzanino ha fatto la medesima cosa ma non più in un’Aston Martin ma in una sportiveggiante berlina come appunto la sua Skoda Octavia RS ed è stato scoperto da un poliziotto trevigiano non in servizio.

Leggi l'articolo

Mappe autovelox fissi in Italia

Mappe autovelox e tutor

Dagli automobilisti italiani, una delle cose più ricercate nel web sono le cartine stradali comprensive di tutte le macchinette autovelox collocate in territorio nazionale. Sia questo un modo magari per evitare una multa salata e una decurtazione dei punti della patente? Lo scopo sicuramente è quello di rispettare tutti i limiti di velocità imposti dal codice della strada. Ma questo non sempre è possibile, ne siamo consapevoli. Così c’è anche un altro modo per evitare problemi e per non pagare multe e cioè quello di sapere dove sono posizionati gli apparecchi per la rilevazione della velocità.
Le sanzioni per la violazione di questi limiti sono regolate dall’articolo 142 del codice della strada. L’entità della sanzione viene modulata in base alla gravità del comportamento e successivamente vi riporeremo tutte le cifre in base a quanto superate il limite posto sulla strada in questione.

  • Tutor autostrada segnaletica
  • Tutor autostrada
  • Autovelox in Italia avvertenza
  • Autovelox fisso tangenziale
  • Autovelox in Italia funzionamento
Guarda le foto e leggi l'articolo

Multe autovelox e non solo: record di aumenti in Italia

Multe autovelox e non solo: record di aumenti in Italia

Come se non bastassero i continui rincari delle polizze assicurative, del prezzo del carburante, delle tasse sull’auto. In Italia c’è un altro triste primato, quello di paese europeo più tartassato dalle multe negli ultimi 10 anni. Possibile che in dieci anni l’automobilista medio sia passato da un comportamento al volante irreprensibile a un pericoloso pirata?
Difficile da credere, così appare un’altra lettura dei dati del Centro studi e ricerche sociologiche Di Benedetto: elevare contravvenzioni è diventato nel tempo un malcostume generalizzato per far cassa.

Leggi l'articolo

Autovelox fissi: Vergilius attivi dal 27 luglio 2012 sulle statali

Autovelox fissi: Vergilius attivi dal 27 luglio 2012 sulle statali

Arriva un’estensione degli autovelox in prossimità degli spostamenti per le vacanze estive, con i rilevatori finora impiegati sulla rete autostradale che verranno utilizzati anche sulle strade statali.
Da venerdì 27 luglio 2012 gli automobilisti faranno conoscenza con i Vergilius. Si tratta di rilevatori di velocità, di dispositivi che rilevano la velocità media, ma anche quella istantanea in un tratto definito di strada. Questa la logica per sommi capi dell’autovelox che esordirà da metà luglio sulle seguenti strade statali: SS 1 Aurelia, SS 7 quater Domitiana, SS 309 Romea. Quindi è a metà tra un Tutor e un Autovelox, dato che misura sia la velocità istantanea che quella media, e sarà installato sulle strate statali.

Leggi l'articolo

Ricorso multa autovelox: come fare

Multe Autovelox

L’ennesima diatriba occorsaci con i famigerati autovelox, perché beccati ad una velocità che riteniamo di non aver raggiunto, oppure per via di contestazioni su chi, in quel momento, guidava la nostra vettura, o sugli orari impossibili in cui è stata rilevata l’infrazione, ben sapendo che a quell’ora del giorno,l’auto era regolarmente parcheggiata in garage e, tanti, tanti altri casi…
Una cosa è certa, da quando è stato istituito l’autovelox, le aule dei tribunali si sono ingolfate di ricorsi, la calma dei cittadini è stata messa a dura prova e, a complicare il tutto, ci si è messa anche la patente a punti, col rischio di vederseli decurtati rendendo la vita ancor più difficile agli automobilisti.

Leggi l'articolo

Autovelox, ministro Cancellieri: quelli mobili non devono essere segnalati

autovelox2012

Iniziamo col dire che se si parla seriamente di sicurezza stradale, allora la questione non può riguardare solo i limiti di velocità, il loro rispetto e il dovere di accertare le infrazioni. Perché sicurezza stradale significa anche il diritto per gli utenti della strada, dai ciclisti agli automobilisti, di muoversi su infrastrutture degne e non campi minati.
Fatta questa doverosa premessa, il quotidiano Il Giornale ha riportato l’intervento del ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri durante un question time alla Camera. Elemento scatenante della polemica, l’obbligo di segnalazione degli autovelox mobili.
Il ministro ha fornito un’interpretazione dell’articolo 25 della legge 120/2010: l’obbligo di segnalazione della presenza dell’autovelox non andrebbe applicato alle postazioni mobili utilizzate dalle forze di polizia e dei Comuni.
Fermo restando il dovere di rispettare i limiti di velocità, è un diritto dell’automobilista, del motociclista e di quanti guidano per mestiere non essere preda di agguati tristemente rivolti all’esigenza di fare cassa e rimpinguare le casse sulle spalle degli automobilisti, genere inteso in senso quantomai ampio.

Leggi l'articolo

Autovelox che insulta gli automobilisti: bizzarra idea dalla Francia [VIDEO]

Autovelox che insulta gli automobilisti: bizzarra idea dalla Francia [VIDEO]

Spesso si dice che gli automobilisti italiani siano più indisciplinati degli altri e che facciano molta fatica a rispettare le regole. A quanto pare, però, il rispetto delle regole del Codice della Strada non è solo un problema italiano, ma un po’ di tutti: nonostante le tecnologie per prevenire le infrazioni si siano sempre più evolute nel tempo gli automobilisti ‘biricchini’ non mancano mai. Non bastano le telecamere per rilevare i passaggi con il semaforo rosso, gli autovelox o addirittura i tutor: la gente non ne vuole sapere di andare piano e di essere prudente, così si cerca in ogni modo di trovare delle soluzioni, più o meno innovative, in questo senso. Come potrete vedere nel video che vi proponiamo di seguito nell’articolo l’ultima proposta, forse una delle più bizzarre, arriva dalla Francia. Andiamo a capire di cosa si tratta.

Leggi l'articolo

Multa per eccesso di velocità: i nonni salvano figli e nipoti

multa eccesso velocita anziani

Qualcosa di molto singolare è stato scoperto dalle forze dell’ordine: dal 2009 ad oggi gli autovelox sulle strade di competenza, hanno segnalato 125 infrazioni per eccesso di velocità a guidatori che avevano più di 70 anni. Questo è quanto accaduto a Pisa, anche se potrebbe essere un fenomeno che si è verificato altrove e rappresenta indubbiamente un fatto molto curioso. Le forze dell’ordine però sono anche riuscite a capire come mai ci sono state così tante infrazioni da parte di automobilisti più anziani.

Leggi l'articolo

Autovelox: nuove regole a difesa della privacy

autovelox nuove regole privacy

Il ministero dei Trasporti ha fornito a tutte le varie forze dell’ordine, agli operatori del settore e agli automobilisti dei chiarimenti in merito a quelle che sono le nuove regole sugli autovelox. In particolare sono stati spiegati i temi riguardo la distanza dai cartelli che indicano il limite di velocità sulle strade extraurbane e sulla privacy di chi viene fotografato dai rilevatori. La nota indica che l’autovelox deve essere posizionato ad almeno 1 chilometro dal segnale stradale che indica la velocità massima che è consentita in quel tratto.

Leggi l'articolo

Auto senza assicurazione: le scoprirà l’autovelox

autovelox auto senza assicurazione

Recentemente abbiamo parlato dell’alta percentuale di auto senza assicurazione che circolano sulle strade del nostro Paese. Le ultime modifiche al Codice della Strada, passate con la nuova Legge di Stabilità, prevedono che a partire dall’inizio del 2012 saranno direttamente dispositivi come autovelox, tutor e varchi ZTL ad individuare e smascherare questo tipo di trasgressione. Da gennaio infatti i dati relativi alle targhe dei veicoli fotografati saranno incrociati con quelli in possesso delle compagnie assicurative, permettendo così alle Forze dell’ordine di scoprire eventuali mancanze in tema di assicurazione RC Auto.

Leggi l'articolo

Telelaser: multa annullata senza segnaletica

telelaser multa non valida

Le multe prese con il telelaser non sono valide in mancanza di segnaletica. La Corte di Cassazione ha stabilito che sono da ritenersi non valide tutte le contravvenzioni inflitte con tale modalità in caso di mancanza, nei pressi della strada, la segnalazione preventiva dell’apparecchio. Una notizia che di sicuro farà molto piacere alla maggior parte degli automobilisti.

Leggi l'articolo

Tutor autostrada controllerà assicurazione e revisione

tutor autostrada assicurazione revisione

Il sistema dei tutor in autostrada sarà presto utilizzato anche per calcolare la velocità media tenuta in determinati tratti della rete dalle autovetture, ma sarà anche in grado di verificare se l’auto è in regola con la revisione e l’assicurazione RCA che sono obbligatorie. Ad annunciare questa importante e innovatova novità è stato il caposervizio della Polizia Stradale Roberto Sgalla, che ha spiegato come le funzioni di monitoraggio del tutor in autostrada saranno potenziate.

Leggi l'articolo

Autovelox: non saranno più segnalati in Francia

autovelox francia

In Francia entro la fine del 2012, saranno installati altri 1.000 autovelox in aggiunta ai 1.895 autovelox fissi, 933 mobili e 9 discriminanti, un tipo di autovelox che è capace di distinguere la categoria di veicolo e il limite di velocità consentito. Verranno rimossi i pannelli di segnalazione degli apparecchi e le carte della loro posizione, che in Italia sono consultabili sul sito della Polizia di Stato e non saranno più rese pubbliche

Leggi l'articolo

Autovelox evitato con copritarga – Denunciato napoletano

autovelox tendina copritarga polizia

Un 53enne napoletano è stato denunciato per aver installato sulla propria Alfa Romeo Brera un congegno speciale che, al momento opportuno, era in grado di nascondere la targa della vettura. In questo modo l’uomo era in grado di evitare di essere fotografato dagli autovelox e, in particolare, dalle telecamere del sistema Tutor. Il dispositivo è stato notato sulla A14 da un carabiniere fuori servizio che ha immediatamente segnalato la cosa alla Polizia Stradale. Il 53enne è stato così intercettato presso un’area di servizio e denunciato. L’auto è stata sequestrata.

Leggi l'articolo
Seguici