Umbria in moto: i migliori 5 itinerari panoramici per gli amanti delle due ruote

Strade immerse nel territorio verdissimo dell'Umbria, perfette per percorrere degli itinerari in moto alla scoperta di storia e cultura che caratterizzano questa regione. Scopriamo quali sono i migliori itinerari da fare in moto.

panorama con vista assisi

Assisi, Umbria Foto di Shutterstock | canadastock

Conosciuta come il polmone verde dell’Italia, l’Umbria si presta molto bene per essere visitata in moto.

La varietà di panorami che offre questa regione è molto vasta, luoghi immersi nella natura delle campagne, borghi ricchi di arte, laghi e montagne. Insomma non manca proprio nulla!

Se avete deciso di intraprendere uno degli itinerari in moto in Italia e volete fare un giro in Umbria con la vostra amata motocicletta, o volete provare uno degli ultimi modelli di moto prima di acquistarla allora siete nel posto giusto.

Vedremo insieme i migliori itinerari da fare in moto in Umbria. Infilate il casco, preparate il necessario per il viaggio in moto, scaldate il motore e si parte.

Monte Peglia: itinerario tra le sue curve sinuose

strada montagna dall'alto
Foto di Shutterstock | MNStudio

Si tratta di un itinerario circolare che corre lungo le pendici del Monte Peglia, regalandovi un panorama verdissimo immerso nella natura.

Durante il tragitto attraverserete boschi e borghi dal fascino medievale ricchi di arte e davvero caratteristici.

La strada, ricca di tornanti, curve e saliscendi si presenta molto divertente da percorrere in moto e la vista di sicuro non vi deluderà.

Strada del Sagrantino: itinerario in moto alla scoperta del vino umbro

montefalco borgo dall'alto
Montefalco, Umbria Foto di Shutterstock | ekko81

Se oltre ad essere amanti delle moto, siete anche ottimi buongustai allora questo itinerario è proprio quel che ci vuole per voi.

Un percorso che si scandisce tra le suggestive colline umbre, dove le curve vi accarezzano le ruote e la natura vi regala scorci meravigliosi.

Questa strada, lunga circa 53 km vi darà la possibilità di conoscere la terra del vino sfiorando borghi dalla bellezza mozzafiato come Montefalco, Castel Ritaldi o Giano dell’Umbria.

Il percorso delle acque: un giro tra laghi, fiumi e cascate

vista gole del nera
Gole del Nera, Umbria Foto di Shutterstock | ValerioMei

L’aspetto che contraddistingue la regione è di certo la natura e con questo itinerario potrete veramente catturare l’essenza di questa regione.

Si tratta di un percorso di circa 100 Km, parte da Corbara sino ad arrivare a Terni e collega tra loro specchi d’acqua davvero suggestivi.

La strada si dirama in maniera semplice, perfetta anche per i meno esperti o per esempio avete deciso di testare la vostra nuova moto elettrica, ma la vista ripaga di sicuro. Durante tutto il percorsi si toccano il parco fluviale del Nera, il lago Piediluco, la cascata delle Marmore ed la riserva naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile.

Monte Subasio: itinerario in moto nelle verdissime valli dell’Umbria

strada con cipressi assisi
Assisi, Umbria Foto di Shutterstock | Claudio Giovanni Colombo

Con partenza da Spello, uno dei borghi più caratteristici dell’Italia, l’itinerario è caratterizzato dalla perfetta fusione di storia, cultura e natura.

Il percorso, contornato da distese di uliveti è piuttosto comodo e vi rapirà con le sue curve ed i suoi tornanti conducendovi dapprima ad Assisi e subito dopo arrivando al parco del Subasio in cui potrete ammirare fitti boschi e pascoli incontaminati.

Lasciatevi incantare dalla natura immacolata che questo itinerario ha da offrirvi.

Valico di Bocca Trabaria: l’itinerario in moto sul confine dell’Umbria

panorama collinare con strada
Foto di Shutterstock | MNStudio

L’itinerario che attraversa il valico di Bocca Trabaria, si snoda lungo il confine tra Umbria e Marche.

Percorrendo questa strada dal lato umbro, vi troverete ad attraversare tratti veloci e curve molto strette e per la prima metà, si sviluppa a quote collinari e si rivela essere semplice e per niente impegnativa.

Continuando a salire però, cominciano ad arrivare le prime curve e tornanti, con parapetti merlati come se si trattasse di una fortezza ed il panorama inizia ad evolversi e diventare sempre più montano.

Parole di Susanna Cicconi