Motor Show Bologna 2016

Jeep Renegade: 1.6 Multijet 95 CV e cambio automatico doppia frizione sul 120 CV

Jeep Renegade: 1.6 Multijet 95 CV e cambio automatico doppia frizione sul 120 CV

La versione da 95 cavalli è adatta anche a neopatentati

    Jeep Renegade: 1.6 Multijet 95 CV e cambio automatico doppia frizione sul 120 CV

    Sono arrivate due importanti novità di prodotto per la Jeep Renegade, il SUV compatto che spicca nella categoria per le sue doti in fuoristrada. Cominciamo con il parlare subito della novità più sostanziosa: il debutto di una nuova motorizzazione. Si amplia la gamma delle unità a gasolio con una nuova versione del turbodiesel 1.6 Multijet II da 95 CV di potenza e 320 Nm a 1.750 giri al minuto di coppia. Questo motore è abbinato al cambio manuale a sei marce e alla trazione anteriore ed è stato pensato per consentire ad un pubblico più ampio di entrare nel mondo Jeep, da sempre sinonimo di guida off-road.

    Ma non finisce qui, perchè la nuova Jeep Renegade 1.6 Multijet 95 CV per la prima volta è guidabile anche dai neopatentati, grazie allo specifico rapporto potenza/peso conforme ai parametri di legge.

    Disponibile esclusivamente con l’allestimento Sport, la nuova Renegade 1.6 Mjet II da 95 CV non soltanto soddisfa un cliente giovane, ma è anche capace di rispondere ai tanti clienti che in un veicolo ricercano funzionalità ed efficienza, oltre a significativi benefici economici in termini di consumi e costi di manutenzione. La dotazione di serie è già piuttosto completa: cerchi in lega da 16″, climatizzatore manuale, quadro strumenti con display da 3,5″ e radio Uconnect con schermo touchscreen da 5″, presa USB e sistema vivavoce Bluetooth con comandi al volante. Il listino prezzi della nuova Renegade Sport 1.6 Mjet II da 95 CV parte da 22.800 euro.

    LEGGI ANCHE: Jeep Renegade, prova su strada: dimensioni, consumi, motori e pareri [FOTO e VIDEO]

    La seconda novità di prodotto si basa sul propulsore più venduto della gamma Renegade: il 1.6 Mjet II da 120 CV in abbinamento, per la prima volta, al cambio automatico a doppia frizione DDCT e alla trazione anteriore. La nuova versione nasce con l’obiettivo di conquistare i clienti abituati a una guida confortevole, persone esigenti che puntano alle versioni top di gamma o che utilizzano la vettura prevalentemente per lavoro.

    Tecnicamente, il sistema DDCT (Dual Clutch Transmission) è costituito da due cambi automatizzati, uno con le marce pari e uno con le marce dispari, disposti in parallelo.

    In dettaglio, l’innesto della marcia si effettua in uno dei due, mentre l’altro continua la trazione con un’altra marcia. Il cambio di marcia effettivo si ottiene modulando le corrispondenti frizioni in modo tale da garantire la continuità della trazione durante l’intera manovra. Le frizioni sono “a secco” per minimizzare l’impatto sul veicolo e per massimizzare l’efficienza dell’intero sistema e il piacere di guida. Ovviamente si può selezionare il cambio in funzione completamente automatica o sequenziale.

    Disponibile esclusivamente con gli allestimenti Business e Limited, la motorizzazione 1.6 Mjet II da 120 CV in abbinamento al cambio automatico a doppia frizione DDCT è proposta, rispettivamente, ad un prezzo di 27.300 euro e di 28.900 euro. In particolare la prima versione, che come dice il nome si rivolge ad una clientela business, offre di serie il navigatore satellitare da 5″, il sedile anteriore con regolazione lombare elettrica e l’antifurto.

    556

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI