Citroen: nel 2017 in Italia crescita di quasi il 30%

Anno molto positivo il 2017 per Citroen in Italia, che ha venduto oltre 78.000 auto e raggiunto la quota di mercato del 3.97%

da , il

    Citroen: nel 2017 in Italia crescita di quasi il 30%

    Quando termina un anno si cominciano a stilare tutti i bilanci su come sia andato, che questo andamento sia positivo o negativo. Per Citroen il 2017 è stato un anno estremamente positivo sul mercato italiano, poichè è riuscita ad incrementare il numero di vendite rispetto al 2016 di quasi il 30%.

    A trainare le vendite ci ha pensato sicuramente una delle best seller del suo segmento e non solo, la Citroen C3, ma anche i veicoli commerciali come Citroen Berlingo e Citroen Jumper hanno fatto sentire la propria voce in capitolo.

    Guarda anche:

    Nel corso del 2017 le auto immatricolate in Italia sono state quasi 2 milioni, un numero che fa ben sperare il mercato dell’auto poichè segna anche un incremento del 7.9% rispetto l’anno precedente. In questo contesto poi si vanno ad inserire i vari marchi, che hanno combattutto l’uno contro l’altro, in senso figurato, e si sono divisi il mercato. Citroen, ad esempio, ha raggiunto una quota complessiva di mercato del 3.97% in Italia, con poco più di 78.000 vetture immatricolate nel corso del 2017.

    Vogliamo soffermarci poi su un dato particolare: di queste 78.191 nuove immatricolazioni sotto il segno del doppio chevron, ben 40.000 sono riferite alla nuova Citroen C3, segno che la compatta francese è apprezzatissima dagli utenti italiani, soprattutto dopo l’ultimo restyling che l’ha vista maturare non solo nell’aspetto ma anche nei contenuti. Questo dato posizione di diritto la C3 anche al terzo posto delle auto di segmento B più vendute, mentre unificando tutti i segmenti la C3 è comunque ancora in TOP5.

    C’è da sottolineare poi che la nuova Citroen C3 Aircross non ha avuto un tempo a sufficienza per imporre il proprio dominio in modo marcato, anche se i 4.500 ordini già maturati in Italia possono far sperare in un 2018 ancora più roseo dal punto di vista della fidelizzazione cliente e del passaggio clienti sotto la propria ala.