Stop auto a combustione: sale la preoccupazione in Italia, mentre Francia e Germania annunciano battaglia

Preoccupa la proposta della Commissione Europea: Francia e Germania chiedono di ritardare la misura

auto elettrica

Foto Pexels | Rathaphon Nanthapreecha

L’Unione Europea ha intenzione di vietare la vendita di auto a combustione a partire dal 2035. Ma la proposta della Commissione Europea solleva preoccupazione nei costruttori di automobili che si appellano ai governi per chiedere una ulteriore proroga rispetto alla scadenza fissata dall’UE. Nonostante la proposta sia ancora lontana dal diventare legge, è scontro aperto tra l’Unione Europea e i governi francese e tedesco, pronti a un braccio di ferro per ritardare la misura e introdurre un periodo di eliminazione più graduale.

Leggi anche: GRUPPO RENAULT, STORICA SVOLTA PER AUTO ELETTRICHE

Stop auto a combustione dal 2025: preoccupazione in Italia

Forte preoccupazione anche nella filiera automobilistica italiana. L’Anfia ha infatti definito “insostenibile” lo sforzo che il comparto dovrà sostenere per adeguarsi alle richieste annunciate ieri dalla Commissione Europea.

Pur essendo consapevoli dell’importante ruolo che l’industria dell’automotive può giocare” nel raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione del Green Deal europeo, “riteniamo che lo sforzo richiesto dall’attuale proposta non tenga in debito conto degli impatti industriali, economici e sociali di scelte così ambiziose e categoriche“, spiega ancora l’Anfia.

Ma la risposta critica di Anfia non finisce qui. Anche la scelta “di non prevedere meccanismi di flessibilità nella transizione, tra cui quelli per i piccoli costruttori” evidenzia da parte della Commissione europea un approccio ideologico, “penalizzando fortemente le nicchie d’eccellenza“, in particolare quelle italiane.

Leggi anche: FOCUS ANFIA, +90% AUTO ELETTRICHE IN EUROPA NEL PRIMO TRIMESTRE 2021

Francia e Germania annunciano battaglia

Al via il braccio di ferro tra Unione Europea da una parte e Francia e Germania dall’altra. Infatti, rispetto a quello adottato dall’Europa, la Francia ha previsto un approccio più indulgente, con una riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030, a fronte del 60% stabilito dall’UE. La posizione del presidente Macron si delinea dopo gli incontri con i massimi dirigenti di aziende come Stellantis e Renault, oltre a fornitori come Valeo, Faurecia e Plastic Omnium.

Anche il ministro tedesco dei trasporti, Andreas Scheuer, è intervenuto sulla questione: “Credo che tutti i produttori di auto e camion siano consapevoli che stanno arrivando indicazioni più rigide. Ma devono essere tecnicamente fattibili“. Il governo tedesco ha ribadito inoltre l’importanza di supportare maggiormente i veicoli ibridi plug-in e i camion pesanti a idrogeno, senza contare che diverse case automobilistiche hanno espresso preoccupazione anche per i posti di lavoro che potrebbero andare persi nella transizione verso l’elettrico.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.