Auto più costosa della storia: vince la Ferrari 250 Gto 1963 [FOTO]

Auto più costosa della storia: vince la Ferrari 250 Gto 1963 [FOTO]

Torna a essere la Ferrari 250 Gto l'auto più costosa della storia

da in Auto d'epoca, Ferrari, Supercar
Ultimo aggiornamento:

    Ferrari 250 GTO

    Quanto può valere la perfezione? Per alcuni facoltosi appassionati, fino a 52 milioni di dollari, tanti quanti ne sono stati sborsati per una Ferrari 250 Gto del 1993. Mai prima d’ora si erano raggiunte queste cifre e se il valore “monstre” dello scorso anno, i 35 milioni di dollari pagati per un’altra Gto – l’originale verde di Stirling Moss, mai pilotata dal campione inglese – sembravano un valore stratosferico, con l’asta privata tenutasi lo scorso settembre si è incrementato quasi del 50% il valore.
    Cosa rende unica la 250 Gto? Senza dubbio il fatto che ne siano state prodotte appena 39, che fossero tutte auto da corsa, che abbiano una storia ricca di aneddoti e poesia.

    Ha un’anima la Gto. Il ricco collezionista ha avanzato l’offerta vincente al telefono, mentre il proprietario che ha ridato vita all’esemplare battuto all’asta, Paul Pappalardo dello stato del Connecticut (Usa), non ha voluto commentare la notizia. La acquistò nel lontano 1974, nove anni dopo la produzione e la vittoria nel Tour de France, con Jean Guichet al volante: interamente restaurata, è arrivata ai giorni nostri mettendosi in mostra nelle gare riservate alle auto storiche. Erano gli anni in cui i gentlemen drivers si recavano in circuito con l’auto impiegata poi in gara, un prototipo con targa e fanali la definiremmo oggi.

    Niente della moderna produzione delle supercar si avvicina al concetto espresso dalla Gto e dalle sue rivali del tempo, come la Ford Gt40 o la Shelby Cobra.

    L’esemplare passato di mano per 52 milioni di dollari è monta un motore V12 3 litri, perché fu dal 1964 che entrò in produzione la versione da 4 litri di cilindrata, con qualche cavallo in più ma anche costretta a portarsi dietro del peso extra: ne vennero realizzati appena tre esemplari con motore 4.000.
    Investire sul settore delle auto d’epoca risulta essere un trend in forte ascesa negli ultimi anni, tanto da avanzare ipotesi di un rischio bolla, come riportano gli analisti. Quel che è certo è il fascino assoluto di un’opera d’arte fatta a mano, come un grandissimo quadro che si rispetti. La carrozzeria in alluminio, le forme sinuose e aerodinamiche, tutto opera di autentici maestri come Giotto Bizzarrini e Sergio Scaglietti.

    411

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto d'epocaFerrariSupercar
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI