Smart e-bike: prova della bicicletta elettrica all’Urban Mobility Store di Roma [FOTO]

Smart e-bike: prova della bicicletta elettrica all’Urban Mobility Store di Roma [FOTO]

Smart e-bike, abbiamo avuto l'occasione di provarla all'inaugurazione dell'Urban Mobility Store di Roma

da in Smart
Ultimo aggiornamento:

    Nuova prova su strada di Alla Guida. Stavolta non un’auto, ma una bici, elettrica: Smart e-bike. E’ stato inaugurato il primo Urban Mobility Store d’Europa, una sorta di showroom/negozio di Mercedes-Benz e Smart collocato in un punto strategico della capitale. Tra i servizi presenti sarà possibile pure noleggiare le Smart e-bike, comode bici elettriche per muoversi senza sforzo in una delle metropoli più trafficate d’Italia.
    Al momento dell’inaugurazione erano presenti diverse bici e per giornalisti ed addetti ai lavori era possibile testarle attraverso diversi percorsi che ne esaltavano le varie caratteristiche. Siamo stati invitati anche noi di AllaGuida a prendere parte sia all’inaugurazione che alla prova su strada dell’interessante e-bike della Casa tedesca.

    Mobilità integrata

    Mercedes-Benz e Smart credono molto nell’Urban Mobility Store. Alla presentazione hanno posto l’attenzione più volte alla mobilità integrata ed al fatto che questo store è molto importante per ridimensionare l’approccio tra cliente e venditore che è rimasto uguale a quello che c’era all’inizio del 1900. Si vuole quindi “futurizzare” il concetto di concessionario offrendo, ad esempio, la possibilità di configurare l’autovettura tramite semplici gesti davanti a monitor ad alta risoluzione sensibili al tocco e forniti di telecamera frontale. Questo servizio è stato definito “Visionary Store” ed è visualizzato su schermi da 40 pollici.
    Spazio anche per tutto il merchandisign del Gruppo Daimler, compresi orologi, magliette, cappellini, modelli delle vetture e molto altro.
    Tutto questo su di uno spazio di 220 metri quadrati che vuole proporsi come nuovo punto di interesse per gli appassionati di Mercedes-Benz e di Smart ed offrire un “punto panoramico” sulla mobilità integrata del futuro che per entrambe le Case tedesche è già iniziata.

    Dopo 17 anni

    Non è la prima volta che il Gruppo Daimler esce dagli schemi tradizionali di concessionario. Basta tornare indietro al 1997 quando è stata aperta la prima boutique Mercedes in occasione del lancio sul mercato della Classe A, vettura concepita appositamente per il pubblico femminile e quindi perché non venderla in uno showroom con le sembianze di un tipico negozio di un centro città? Quest’idea si è dimostrata vincente fin da subito e di store della Casa a tre punte ora ce n’è uno per ogni grande città italiana.

    Il nostro Urban Mobility Store contribuirà ad alimentare un successo basato su prodotti e soluzioni di mobilità innovativi, in grado di venire incontro e spesso di anticipare le esigenze dei clienti“, questo il commento che più ha segnato l’inaugurazione del nuovo negozio di Roma da parte di Vittorio Brugaglia, amministratore delegato uscente di Mercedes-Benz nella capitale che a settembre diventerà direttore generale Aftersales&Retail Operations Europe del Costruttore della Stella.

    Primo salotto Brabus

    espositore Brabus

    Quello della Capitale sarà il primo salotto Brabus. Vi sarà infatti personale dedicato che consentirà letteralmente di cucirsi addosso la vettura, elencando ed illustrando nel dettaglio la quasi infinita possibilità di personalizzazione. Durante la presentazione è stata posta l’attenzione sul fatto che il Bel Paese rappresenti il 50% del mercato Brabus: gli italiani che comprano Smart si dimostrano quindi attenti ai dettagli ed alle tendenze dettate dalle mode.

    Non è casuale la scelta di aprire il primo Urban Mobility Store nella capitale poiché Roma è la Smartcity per eccellenza: ben 125 mila infatti le Smart che vi circolano.
    Notevole successo nella città del Colosseo anche per il Car2Go, il car sharing che solamente nei primi 4 mesi ha già ottenuto ben più di 45.000 iscrizioni segnando una media di 15 mila noleggi a settimana.

    Smart e-bike, caratteristiche

    Ma veniamo ora a parlare della Smart e-bike, la nuova bici elettrica del Costruttore con sede a Böblingen è dotata di un motore elettrico Bionx da 250 watt di potenza alimentato da una batteria agli ioni di litio da 423 wattora di capacità. I quattro livelli di assistenza del motore consentono di regolare la spinta dello stesso in base alle proprie esigenze e permettono di arrivare senza il minimo sforzo ai 25 chilometri orari. Non manca comunque il cambio a tre marce che consente comunque di ottenere discrete velocità ed alle gambe migliori anche di raggiungere i 40 chilometri all’ora.
    E’ presente poi il sistema di recupero dell’energia in frenata che, oltre a ricaricare il pacco batteria, consente di rallentare e quasi fermarsi praticamente senza utilizzare l’impianto frenante idraulico composto da disco a margherita anteriore e posteriore.
    La Smart dichiara un’autonomia di oltre 100 chilometri ma varia in base all’utilizzo del motore elettrico ed a come viene sfruttato il recupero dell’energia. La ricarica completa avviene in circa 5 ore mentre è possibile ottenere una carica dell’80% già in sole tre ore grazie al sistema di carica rapida.
    Le ruote sono da 26 pollici di diametro e montano pneumatici Continental EcoContact Plus che risultano particolarmente resistenti a forature e strappi.
    La cinghia di trasmissione è in fibra di carbonio e, stando alle dichiarazioni ufficiali, ha una durata pressoché infinita.

    Nella dotazione di serie fa parte anche una porta USB con relativo supporto per smartphone per caricare il proprio cellulare.
    Il telaio è realizzato in leggero alluminio ma il peso è pari a circa 26 chili con la batteria.

    Smart e-bike, prova su strada

    Dopo aver assistito alla presentazione ed aver ritirato i gadget, ci viene assegnata una Smart e-bike e veniamo divisi in gruppi partiamo per il nostro tour nel centro di Roma.
    Appena iniziamo a pedalare apprezziamo l’assistenza del motore elettrico che ci fa partire con slancio dopo un colpo di pedale e senza sforzo siamo già a circa 20 chilometri orari.

    Smart e-bike

    Proviamo subito i quattro diversi livelli di spinta e “giochiamo” ad abbinarli con i tre rapporti del cambio. Le nostre gambe da buon appassionato di bici apprezzano il rapporto più alto e decidiamo di togliere l’elettroassistenza per “sentire” meglio il telaio della e-bike. Indubbiamente è di buona qualità anche se l’assorbimento delle buche è quasi nulla. L’elevato peso però ci fa demordere dalla voglia di usare la bici solamente a pedali, i 26 chilogrammi si sentono tutti soprattutto nelle manovre da fermo o a bassa velocità. Tramite l’utilizzo dell’assistenza del motore elettrico viene annullata la fatica delle partenze ed è possibile arrivare in ufficio oppure ad un appuntamento in poco tempo e senza nemmeno una goccia di sudore.
    La Smart e-bike secondo noi (e secondo la Casa tedesca) è il mezzo migliore per spostarsi a Roma poiché consente di avere l’ottima agilità tipica delle ruote, unita al motore elettrico che diminuisce gli sforzi e la rende quasi uno scooter con in aggiunta la possibilità di percorrere le zone pedonali.

    Smart e-bike computerino di bordo

    Per curiosità in un rettilineo iniziamo a pedalare velocemente per provare la velocità massima che si riesce a raggiungere: con una buona gamba e si riescono a superare i 40 chilometri orari senza troppa difficoltà.
    Nelle discese e nei rallentamenti si fa apprezzare particolarmente il recupero dell’energia che funge da freno motore. Tramite i tasti del computerino è possibile regolare anch’esso su quattro diversi livelli per rallentare più o meno velocemente ed allo stesso tempo caricare più o meno le batterie.
    Sullo schermo del computer di bordo è possibile visualizzare anche il livello di carica della batteria, la velocità istantanea e quella media, il tempo di percorrenza, i chilometri percorsi e molto altro.
    Inoltre questo computerino è legato alla batteria: se viene montato su di un’altra e-bike infatti non funziona.

    Nelle pedalate all’imbrunire o con il buio si apprezzeranno particolarmente il potente faro anteriore a led ed il fanale posteriore, anch’esso in tecnologia led.

    Pro e contro Smart e-bike

    PRO

    -motore elettrico: con i suoi 4 livelli di assistenza sia in pedalata che come “freno-motore” è perfetto in qualsiasi occasione
    -faro anteriore: con il suo led fa davvero una bella luce
    -autonomia: con 100 km mediamente è possibile utilizzare l’e-bike per andare a lavoro praticamente tutti i giorni

    CONTRO

    -peso: nelle manovre da fermo i 26 chilogrammi si fanno sentire tutti, si poteva fare qualche sforzo per ridurre il peso
    -tempo di carica: in 3 ore si arriva all’80%, ma 5 ore per la carica completa secondo noi sono ancora troppe

    Smart e-bike a noleggio

    Nell’Urban Mobility Store sarà possibile pure noleggiare la Smart e-bike. Inizialmente vi sarà una flotta di 15 e-bike che aumenterà a 25 quando lo store arriverà a pieno regime e, dopo opportuna registrazione, sarà possibile noleggiarle per 10 euro all’ora.

    Prezzo

    La Smart e-bike è venduta in Italia al prezzo di 2.923 euro.
    Più avanti arriverà pure la versione Brabus che aumenterà la potenza del motore elettrico consentendo di superare i 40 chilometri orari: per questo motivo sarà però obbligatorio targarla ed assicurarla come un ciclomotore, il prezzo di questa versione non è ancora stato diffuso.

    1519

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Smart
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI