Motor Show Bologna 2016

Volkswagen Golf Variant metano: prova su strada del 1.4 TGI, prezzo e consumi [FOTO]

Volkswagen Golf Variant metano: prova su strada del 1.4 TGI, prezzo e consumi [FOTO]

Ci siamo messi a bordo della Nuova Golf Variant dotata del 1.4 TGI a Metano da 110 cavalli, opinioni complessive ottime.

da in Auto 2015, Auto a Metano, Auto Ecologiche, Auto nuove, Bifuel, Prove auto su strada, SW Station Wagon, Volkswagen, Volkswagen Golf Variant
Ultimo aggiornamento:

    Nuova prova su strada di AllaGuida.it: Volkswagen Golf Variant a metano. Quando parliamo di Auto a Metano pensiamo a vetture che macinano chilometri facendoci spendere poco in carburante. E’ stata infatti così la nostra prova su strada a bordo della Nuova Volkswagen Golf Variant TGI, dotata del 1.4 bifuel benzina/Metano con potenza complessiva di 110 cavalli ed una coppia di 200 Nm disponibile già a 1500 giri.
    Golf Variant a Metano èl’auto ideale per la famiglia e per il business, consuma davvero poco e offre tanto spazio a bordo senza far mancare un ottimo comfort per i passeggeri. La variante da noi provata era in allestimento Highline, il top di gamma quindi con tutto di serie e pochi optional aggiunti. Il prezzo per accedere alla Golf Variant TGI Highline? 25.900 Euro. Scopriamo ora com’è andato il nostro test drive.

    Bagagliaio Volkswagen Golf Variant TGI

    Dimensioni. Rispetto alla versione berlina compatta, che si rivela esser la scelta più gradita dalla clientela, la Golf Variant aggiunge 30 centimetri alla sua lunghezza con una larghezza pari ad un metro e 80 centimetri ed un’altezza di un metro e 48.
    Spesso le vetture dotate di doppia alimentazione benzina/Gpl o benzina/Metano fanno rinunciare allo spazio a disposizione per i bagagli ma la Golf Variant TGI no. Rimane infatti invariata la capacità di carico a 605 litri viaggiando con i cinque posti attivi e abbattendo il divanetto posteriore si arrivano ad ottenere 1620 litri, uno dei migliori nella sua categoria di station wagon medie.

    Motore Volkswagen Golf Variant TGI

    In listino la Golf Variant vuole adattarsi ad ogni tipologia di clientela presentandosi con motori a benzina, tutti TSI BlueMotion nelle unità 1.2 ed 1.4 litri con potenze che vanno da 86 a 150 cavalli e possibilità di cambio automatico DSG. Si passa poi ai propulsori diesel dove la scelta è ben più articolata per via dei 1.6 TDI da 90 e 110 cavalli e 2.0 TDI da 150 cavalli per arrivare fino alla versione più potente, la GTD, con un 2.0 sotto al cofano da 184 cavalli di potenza massima.
    Chiudono le varianti bifuel benzina/Metano dotate del 1.4 TGI da 110 cavalli (81 kW).
    Per non far mancare nulla al cliente, la Golf Variant negli anni si è “vestita” da campagnola con grandi fascioni paracolpi in plastica a vista, altezza rialzata e con tutte le carte in regola per affrontare percorsi offroad. Si chiama Golf Variant Alltrack e si presenta in listino solamente con motorizzazioni diesel 1.6 e 2.0 da 110, 150 e 184 cavalli.

    Volkswagen Golf Variant Youngster 5000 GTI

    Caratteristiche Volkswagen Golf Variant TGI

    Oggetto della nostra prova su strada è stato il 1.4 TGI, quindi a Metano appunto, da 110 cavalli in tecnologia BlueMotion: un motore davvero parco nei consumi, adatto ai lunghi viaggi, non affronta con difficoltà anche le tortuose salite di montagna e se la cava bene anche circa la sua silenziosità in autostrada. E’ elastico e “macina” chilometri senza far percepire la differenza tra quando si viaggia a Metano piuttosto che a benzina.
    Le sue prestazioni parlano di una velocità di punta raggiunta di 195 chilometri orari con uno scatto da 0 a 100 km/h effettuato in 11,5 secondi. Dati quindi generosi per una station wagon media che pesa attorno ai 1382 chili.
    La Casa madre dichiara consumi medi attorno ai 28,6 chilometri con un chilo di Metano ed emissioni di CO2 pari a 97 grammi per chilometro con un’autonomia di 427 chilometri viaggiando solamente in Metano.

    Volkswagen Golf Variant HyMotion

    Prova su strada Volkswagen Golf Variant TGI

    Considerando che in una vettura a Metano l’autonomia ed i consumi sono l’aspetto principale ci soffermeremo molto su questo dettaglio. Il pieno di Metano lo si fa con una spesa media di circa 16 Euro (dipendentemente da quanto costa dove ci si rifornisce) e, naturalmente, fare il pieno porta via più tempo rispetto a fare benzina, diesel o Gpl. L’autonomia con un pieno arriva a segnalarci, dal computer di bordo, un totale di circa 430 chilometri ma che poi questo dato sia reale c’è da discuterne poiché il tutto dipende logicamente dalla guida del conducente e dal tipo di tragitto che si fa. Il serbatoio di benzina, invece, promette una percorrenza totale di 740 chilometri con un consumo medio che sta oltre i 16 chilometri con un litro testato da noi nel misto.
    Una delle pecche di questa vettura sta nel fatto che non c’è la possibilità di “switchare” dal serbatoio a Metano a quello benzina qualora si voglia, ma bisogna aspettare che si esaurisca il Metano per viaggiare in benzina. A dire il vero però c’è da dire anche che provandola in percorsi montani per metterla a dura prova, viaggiando in Metano non si percepisce assolutamente la differenza. La vettura sale bene, il turbo spinge con vigore e la Golf Variant TGI affronta senza problemi asperità e tortuose salite con un consumo medio che sta ben al di sopra dei 20 kilometri con un chilo.
    Si sa, i distributori di Metano al momento non sono ancora così ampiamente diffusi su larga scala nazionale ma stanno prendendo piede sempre più fortunatamente.

    Questo incide non di poco sulle “scarse” vendite delle vetture a Metano.
    L’allestimento Highline della nostra Golf Variant, il top di gamma, propone tutto quel che ci si aspetta da una vettura di questo segmento e volendo aggiungere qualche optional il prezzo non tende a “lievitare” di molto.

    L’abitabilità è ottima per cinque persone, lo spazio a bordo per i bagagli certo non manca ed il comfort è impreziosito da sedili avvolgenti e rivestiti in tessuto ed Alcantara che ben si associano all’ambiente della SW media di Wolfsburg con un cruscotto gradevole al tatto e che non presenta molte plastiche dure. Anzi, danno un’aria di eleganza e sportività tutti i dettagli in nero lucido del tunnel centrale e della plancia. Il volante è in pelle e propone non pochi comandi di cui la maggior parte sono di facile intuizione, tranne quelli per il cruise control e radar di distanza per i quali serve non poca esperienza prima di adoperarli con maneggevolezza. Il cambio della Golf Variant TGI oggetto della nostra prova su strada è il comodo DSG: un robotizzato a doppia frizione a sette marce che fa viaggiare rilassati e trova sempre il giusto rapporto per affrontare anche i percorsi più angusti. Adoperandolo in modalità “S” abbiamo la possibilità di cambiare secondo il nostro stile di guida e c’è il comodo ed utile indicatore di cambio marcia qualora ne avessimo la necessità.

    Le sospensioni sono ben tarate ed assorbono bene le peculiarità del fondo stradale, fanno percepire comfort sia in autostrada che nei percorsi montani facendo rimanere inalterata la stabilità su strada della vettura.

    Volkswagen Golf Variant GTD

    Interni Volkswagen Golf Variant TGI

    Sono in tutto sette gli allestimenti disponibili in listino e pure “generosi” nella dotazione sin dall’entry-level. Si inizia con il Trendline per passare poi agli intermedi Comfortline e Business ed arrivare all’Highline e l’Executive al top di gamma; allestimenti “speciali” sono quelli delle versioni GTD ed Alltrack. Di serie infatti nella Trendline si trovano l’airbag conducente e passeggero e quest’ultimo pure disattivabile, airbag per la testa per passeggeri anteriori e posteriori, airbag laterali integrati negli schienali dei sedili anteriori, airbag per le ginocchia lato conducente, appoggiatesta anteriori ottimizzati contro il colpo di frusta WOKS, ESC con assistente di controsterzata e stabilizzazione del rimorchio, ABS, ASR, EDS, MSR, sistema di frenata anti collisione multipla, differenziale autobloccante XDS, Fatigue Detection, Hill Holder, attacchi ISOFIX, indicatore controllo pressione pneumatici, mancorrenti sul tetto neri, sistema Start&Stop con recupero dell’energia in frenata, climatizzatore manuale, alzacristalli elettrici, chiusura centralizzata con telecomando, servosterzo elettromeccanico con Servotronic in funzione della velocità, specchietti retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente, volante regolabile in altezza e profondità, sedile lato guida regolabile in altezza, freno di stazionamento elettrico, radio Composition Touch con schermo monocromatico da cinque pollici, quattro altoparlanti, presa multimediale AUX-IN e SD card, piano di carico variabile, sedili posteriori abbattibili in modalità 40:60, copertura vano bagagli e cerchi in acciaio da 15 pollici per quanto riguarda appunto questo allestimento “base”.
    Salendo di un livello e andando quindi ad analizzare il Comfortline, si trovano i cerchi in lega Toronto da 16 pollici, il Cruise Control, radio Composition Colour con schermo a colori da cinque pollici, otto altoparlanti, lettore CD/MP3/WMA, sedili anteriori comfort regolabili in altezza e con supporto lombare, bracciolo anteriore e posteriore, cassetti portaoggetti sotto i sedili anteriori e la finitura cromata per bocchette di aerazione.
    Infine, per l’allestimento al top di gamma, l’Highline si ha pure il climatizzatore automatico Climatronic, fari fendinebbia, radio Composition Media con schermo a colori da 5.8 pollici, presa USB, predisposizione per telefono cellulare con Bluetooth, sedili anteriori sportivi con rivestimenti in Alcantara/tessuto e supporto lombare, volante multifunzione a tre razze rivestito in pelle, cerchi in lega Dijon da 17 pollici e assetto sportivo, mancorrenti sul tetto cromati ed il sistema di illuminazione Ambient Light nei pannelli delle porte.

    Volkswagen Golf Variant Alltrack

    Benzina:

    Volkswagen Golf Variant 1.2 TSI 86 cavalli BlueMotion Technology Trendline 19.300 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.2 TSI 110 cavalli BlueMotion Technology Comfortline 22.650 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.4 TSI 125 cavalli BlueMotion Technology Comfortline 23.300 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.4 TSI 125 cavalli BlueMotion Technology Highline 24.900 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.4 TSI 150 cavalli BlueMotion Technology Highline DSG 28.150 Euro

    Prezzi Volkswagen Golf Variant TGI

    Diesel:

    Volkswagen Golf Variant 1.6 TDI 90 cavalli BlueMotion Technology Trendline 22.250 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.6 TDI 110 cavalli BlueMotion Technology Comfortline 25.600 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.6 TDI 110 cavalli BlueMotion Comfortline 26.350 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.6 TDI 110 cavalli BlueMotion Technology Business 26.600 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.6 TDI 110 cavalli BlueMotion Technology Highline 27.200 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.6 TDI 110 cavalli BlueMotion Technology Executive 28.300 Euro
    Volkswagen Golf Variant 2.0 TDI 150 cavalli BlueMotion Technology Highline 29.350 Euro
    Volkswagen Golf Variant 2.0 TDI 150 cavalli BlueMotion Technology Executive 30.450 Euro
    Volkswagen Golf Variant 2.0 GTD 184 cavalli BlueMotion Technology 34.200 Euro
    Volkswagen Golf Variant Alltrack 1.6 TDI 110 cavalli BlueMotion Technology 4Motion 29.400 Euro
    Volkswagen Golf Variant Alltrack 2.0 TDI 150 cavalli BlueMotion Technology 4Motion 31.400 Euro
    Volkswagen Golf Variant Alltrack 2.0 TDI 184 cavalli BlueMotion Technology 4Motion DSG 34.400 Euro

    Metano:

    Volkswagen Golf Variant 1.4 TGI 110 cavalli BlueMotion Technology Trendline 22.350 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.4 TGI 110 cavalli BlueMotion Technology Comfortline 24.600 Euro
    Volkswagen Golf Variant 1.4 TGI 110 cavalli BlueMotion Technology Highline 25.900 Euro

    PRO:

    CONSUMI. Della Golf Variant TGI non ci si può certo lamentare alla voce consumi, uno dei suoi punti di forza e punto cardine sotto certi aspetti. I dati dichiarati dalla Casa madre sono forse un po’ troppo generosi ma si sta ben al di sopra dei 24 chilometri con un chilo viaggiando nel misto e pure in benzina non delude, si viaggia tranquillamente al di sopra dei 16 chilometri con litro.

    ABITABILITA’. Parlando di spazio a bordo ce n’è davvero molto ed è ottimo anche viaggiando in cinque poiché non fa stare “sacrificati”. Per gli occupanti del divanetto posteriore ci sono le bocchette d’aerazione ed il bagagliaio offre tanta capacità.

    MOTORE. Per molti un 1.4cc sotto al cofano della Golf Variant potrebbe sembrare un’unità “piccola” ma non è così. La potenza della coppia arriva già ai 1500 giri ed affronta molto bene anche i percorsi in salita grazie al brio del turbo, non è parco nemmeno in ripresa.

    CONTRO:

    COMANDI AL VOLANTE. Fino a che non si prende dimestichezza, regolare il cruise control ed il radar della distanza di sicurezza è davvero difficile alle prime volte perché i comandi non sono così intuitivi.

    SWITCH BENZINA/METANO. Dato che la Golf Variant TGI è a tutti gli effetti una bifuel sarebbe di buon gusto trovare la possibilità di passare dall’alimentazione a Metano a quella a benzina in qualsivoglia momento ma è impossibile, non c’è l’opzione.

    NAVIGATORE SATELLITARE. Il navigatore satellitare è parte dell’equipaggiamento della versione Highline, è facile da impostare ma spesso il Gps perde il segnale, anche su strade urbane quindi si potrebbe aver a che fare con il proprio istinto.

    2266

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2015Auto a MetanoAuto EcologicheAuto nuoveBifuelProve auto su stradaSW Station WagonVolkswagenVolkswagen Golf Variant

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI