Honda Civic

Dopo ben 45 anni, in forma più smagliante che mai

42
Nuova Honda Civic 2017 berlina
  • N.D.
  • 22500 - 38700 €
  • 7 L/100KM
  • 5
  • Da 478 a 1668 L
La Honda Civic rappresenta per la storia della Honda un vero e proprio caposaldo: con questa attuale, in commercio da pochi mesi, siamo alla decima generazione, a più di quarant’anni dalla prima. Venduta in 3 varianti (berlina-coupè 4 porte, compatta 5 porte e station wagon, non è una hatchback), la nuova Honda Civic è prodotta in Europa, nello stabilimento inglese di Swindon. Seguendo la filosofia del celebre Costruttore giapponese, se la concorrenza è spietata, allora meglio diversificarsi, piuttosto di proporre qualcosa di già visto. E allora ecco che, per contrastare le agguerrite Golf e Classe A, la Honda Civic sfodera caratteristiche peculiari: altezza ridotta per la categoria (142 cm), piano di seduta abbassato di 3,5 cm rispetto alla precedente e linee ultra moderne. Il tutto con un bagagliaio record per la categoria: quasi 500 litri (520 sulla 4 porte!). Di dimensioni più lunga e in generale più dinamica di prima, la nuova Honda Civic ha subìto un grande lavoro sulla rigidità del telaio, aumentata del 50%, il che si traduce in una spiccata vocazione per la guida sportiva e di qualità. Le sospensioni elettroniche (solo sugli allestimenti più ricchi) ed il raffinato schema Multilink al posteriore sono la dimostrazione concreta di questo. E su strada si fa presto a prendere la mano: la nuova Honda Civic è aggrappata all’asfalto, sicura, e permette una guida veloce in stile Honda. I motori aiutano in questo: nella scheda tecnica ci sono due unità nuovissime, un 1,0 a 3 cilindri (guidabile dai neopatentati) e un 1,5 a 4, con la raffinata tecnologia i-VTEC (albero a camme regolato elettronicamente) e il turbocompressore. Il diesel 1,6 l è previsto solo per fine anno. Disponibile il classico (per Honda) cambio automatico CVT con 7 rapporti “virtuali”. Se sul piano della scheda tecnica la nuova Honda Civic è “ben messa”, per quanto riguarda la dotazione vale lo stesso discorso. E’ previsto un cruscotto digitale, l’Honda Connect con schermo touch da 7” (ora di seconda generazione e con interfaccia sia Android che Apple) e tutta la schiera di sistemi di assistenza alla guida racchiusi nel pacchetto “Sensing”, offerto di serie su tutte. Quest’ultimo comprende: FCW, che avvisa il conducente in caso di rischio di impatto, coadiuvato dal CMBS che frena l’auto se l’impatto viene giudicato inevitabile, rilevando anche pedoni e veicoli in senso opposto; e, infine, il monitoraggio della corsia, il riconoscimento della segnaletica stradale, il monitoraggio dell’angolo cieco, del traffico in avvicinamento e il controllo automatico degli abbaglianti. L’interno ha un design piuttosto avveniristico, con un cockpit orientato al guidatore che fa capire le intenzioni sportive dell’auto. Se cercate la qualità e il dettaglio premium, non è il posto adatto a voi, ma il livello qualitativo è comunque soddisfacente. In compenso, gli occupanti sono ripagati da molti vani portaoggetti, la ricarica induttiva per smartphone, e un notevole pacchetto luci ambiente (a pagamento) per sentirsi a teatro. Esiste anche una versione estrema per gli appassionati della pista, denominata Type-R, che attualmente detiene addirittura il record al Nurburgring Nordschleife per vetture a trazione anteriore, completando un giro in appena 7’43”80. Questo grazie ad un 2,0 l turbo da 320 CV pensato specificatamente per la pista, differenziale autobloccante meccanico, aero-kit specifico, controllo elettronico dell’assetto, e varie altre chicche per intenditori. Peccato per le possibilità di personalizzazione limitate, e gli allestimenti “tutto compreso”, che non danno molta scelta all’acquirente per costruirsi una Civic tutta personale. Ottimo il prezzo, con ventaglio da 22 a 31 mila euro. La Typer-R costa poco meno di 39 mila: cifra onesta visti i contenuti tecnici di alto livello.

Versione consigliata

In attesa del diesel, tra i due motori a benzina, meglio puntare sul 1,5 l in virtù dei suoi 4 cilindri, che lo rendono più amabile e generoso se si ama guidare. I consumi, però, risentono molto del piede. In abbinamento a questo propulsore, meglio puntare sull’allestimento alto Prestige: si resta comunque sotto i 30 mila euro.

PRO

  • Guida: La nuova Civic ha tutte le carte in regola per far godere alla guida anche gli appassionati, grazie ad un pacchetto tecnico di alto livello.
  • Linea: Sportiva, adatta alle caratteristiche del mezzo, e finalmente diversa in una categoria di auto affollatissima e a volte monotona.
  • Dotazione: E’ il pregio delle Honda, l’offrire tutto e più di tutto e a prezzi contenuti. Eccellente la presenza di serie su tutte le versioni dei sistemi di guida intelligente.

CONTRO

  • Interni: Qualità complessivamente buona di Honda Civic, ma materiali non all’altezza delle migliori concorrenti europee.
  • Scheda tecnica: L’offerta motori è piuttosto sfornita: solo due a benzina (per quanto moderni ed efficienti); diesel fra qualche mese, e comunque in un’unica versione.
  • Visibilità: dietro la visuale è scarsa, a causa dello spoiler a metà lunotto sulla 5 porte; se è vero che per questo ci sono gli aiuti elettronici per le manovre, ai passeggeri resta un ambiente non arioso.

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambiomanuale, automatico
Trazioneanteriore
Coppia Massima200/2250 - 400/2500 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo medio5 - 5/100 km
Consumi reali7 - 7/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeriaBerlina, Stationwagon, Coupe
Lunghezza4518 mm
Larghezza con specchietti2076 mm

NEWS

MODELLI

Parole di Fabio Psoroulas

Fabio Psoroulas è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2019, occupandosi di tecnologia, sport, motori.

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.