Jaguar E-Pace 2018, svelato il SUV compatto: dimensioni, uscita e prezzo

Scopriamo le dimensioni, prezzo e tutti i motori del Nuovo Jaguar E-Pace 2018, il UV compatto della casa inglese. Versioni Hybrid? Ancora non ufficializzate.

da , il

    Jaguar E-Pace 2018, il suv compatto viene svelato in anteprima il 13 luglio. L’uscita sul mercato avverrà verso la fine del 2017 con un prezzo di listino a partire da circa 36.800 Euro, con consegne previste nei primi mesi del 2018. Per quanto riguarda i motori, saranno sicuramente disponibili propulsori benzina, diesel, mentre della versione ibrida ancora non se ne parla. Jaguar E-Pace va a posizionarsi al di sotto della F-Pace, che gioca la partita tra suv di medie dimensioni, per intenderci Stelvio, Q5, X3 e GLC. Si tratta di un prodotto da 4,39 metri di lunghezza e con un passo di 2,68 metri, per differenziarlo dalla F-Pace di cui è inferiore di 19 centimetri. E-Pace sarà la proposta premium un gradino più in basso quanto a dimensioni rispetto alla sorella maggiorne. Dovrà intercettare un pubblico che, oggi, guarda alla “cugina” Range Rover Evoque, andrà a sfidare la futura BMW X2.

    Jaguar E-Pace 2018: interni ricchi di connettività e sicurezza

    Gli interni di Jaguar E-Pace 2018 sono vicini a quanto fatto con la sorella maggiore F-Pace. La plancia è orientata al guidatore e contraddistinta dal grande schermo touch del sistema multimediale Touch Pro, che formerà parte della dotazione di serie. Ma questo SUV compatto britannico potrà contare come dotazione anche l’head-up display, il rilevatore di ostacoli e pedoni sulla carreggiata (con frenata automatica d’emergenza) e la nota Activity Key, un bracciale che permette di lasciare la chiave all’interno dell’auto.

    Secondo quanto dichiara Ian Callum, direttore del design di Jaguar: “La combinazione tra un design sportivo e le tipiche prestazioni Jaguar garantirà alla E-Pace di primeggiare nel suo segmento. Ogni Jaguar viene progettata per eccitare i sensi e riteniamo che la E-Pace riesca in questo intento pur mantenendo la propria spiccata personalità“.

    Lo stile è da puro SUV sportivo

    Potremo definirlo come la copia esatta dell’F-Pace in formato ridotto vista la strettissima vicinanza in termini di stile, qualità e meccanica.

    All’anteriore si scorge l’ormai caratteristica enorme “bocca” impreziosita al centro con il logo Jaguar, dinamici ed affusolati i gruppi ottici anteriori, sotto ai quali campeggiano ancora grandi prese d’aria. Tutto sinonimo di grande aggressività e sportività. Dietro gli enormi terminali di scarico e la linea dei fari, anche in questo caso sottili e dal look sportiveggiante. Esteticamente trasmette una sensazione di sportività grazie alle linee della carrozzeria con i passaruota ben marcati e i paraurti anteriore e posteriore affilati, in stile Jaguar.

    Jaguar E Pace in rosso

    Jaguar E-Pace 2018, Motori: anche elettrico?

    La gamma motori della Jaguar E-Pace sarà composta da una famiglia di 4 cilindri benzina e diesel. I propulsori a gasolio verranno proposti con potenze di 150, 180 o 240 CV mentre i benzina saranno da 249 o 300 CV. Queste unità potranno essere abbinate alla trasmissione manuale o all’automatica a nove rapporti con possibilità di scegliere tra la trazione anteriore o integrale. Jaguar E-Pace Hybrid? Non c’è l’ufficialità ancora ma potrebbe essere una buona alternativa da inserire in gamma.

    Jaguar E-Pace 2018, curiosità

    Prima della presentazione, Jaguar aveva dettagliato il percorso che ha portato alla nascita del suo primo suv compatto, E-Pace. Sono stati realizzati oltre 150 prototipi, sviluppati su 25 mesi di test, che hanno visto impegnato il suv a temperature estreme, dai -40° C dell’Artico ai 48° C del deserto mediorientale, passando anche dal Nurburgring (oltre 400 giri percorsi) e dall’anello di Nardò. Non è mancata una puntata anche alle quote più elevate delle province cinesi, dove è scontato attendersi una E-Pace ibrida, vista la legislazione antinquinamento locale.

    Una curiosità: Jaguar E-Pace è stata allagata di proposito, introdotta in un guado di 50 centimetri a motore acceso, poi spento e portiere aperte. Dopo un’ora lasciata “a mollo”, i tecnici hanno verificato che il motore fosse ancora in grado di mettersi in moto e ripartire: operazione completata con successo.