Multa per eccesso di velocità: costo, punti e come contestare

Qual è l'importo multa per eccesso di velocità? Come contestare la multa per eccesso di velocità? Ecco le norme del Codice della strada, quanto costa una multa per eccesso di velocità e i punti sottratti dalla patente

da , il

    Multa per eccesso di velocità: costo, punti e come contestare

    Esaminiamo la multa per eccesso di velocità, il costo dell’ammenda in funzione del superamento dei limiti, i punti decurtati sulla patente – non sempre previsti – e gli strumenti a disposizione dell’automobilista per contestare una multa per eccesso di velocità. Anche su quest’ultimo punto, entrano in gioco aspetti di convenienza al ricorso contro la multa per eccesso di velocità, non sempre esistente.

    Ma partiamo con l’elencare i limiti di velocità sulle strade italiane, primo passo per non incorrere in infrazioni. Nei centri urbani la velocità massima consentita è di 50 km/h, di 70 km/h se indicato dalla segnaletica verticale. Sulle strade extraurbane secondarie il limite è di 90 km/h, sulle superstrade, le extraurbane principali, il limite è di 110 km/h, mentre in autostrada è consentita una velocità massima di 130 km/h. Collegato al tema della multa per eccesso di velocità esiste, oltre al naturale aspetto della sicurezza stradale da garantire, che passa dal rispetto dei limiti, il tema non poco antipatico degli strumenti di rilevazione della velocità utilizzati “per fare cassa”, posti su strade sulle quali il limite, in tanti, troppi casi, è oggettivamente non idoneo.

    Multa per eccesso di velocità

    Al superamento di questi limiti, ridotti in caso di scarsa visibilità e condizioni meteo avverse (110 km/h in autostrada e 90 km/h su strade extraurbane principali) si può incorrere nella multa per eccesso di velocità. Costi che variano, a seconda del superamento del limite. La multa per eccesso di velocità autovelox, scatta al di sopra di una soglia di tolleranza di 5 km/h sotto i 100 km/h. Pertanto, se il limite da rispettare è di 90 km/h e la velocità effettiva rilevata è di 95 km/h, non sarete in contravvenzione. Scatta al superamento di 10 km/h, pertanto se in un tratto da 90 km/h transiterete a 100 km/h, subirete la multa per eccesso di velocità nella misura minima. Al di sopra dei 100 km/h, invece, la soglia di tolleranza, per definire l’eventuale multa, è del 5%. Quindi, transitare a 116 km/h in un tratto con limite a 110 km/h non comporterà alcuna ammenda.

    Oltre alle postazioni fisse, non presidiate dalle pattuglie delle forze dell’ordine, l’eccesso di velocità può essere rilevato mediante telelaser o anche Tutor, in quest’ultimo caso, non è la velocità di punta a essere contestata, bensì la velocità media rilevata in una determinata area, costituita da due punti di controllo: in entrata e in uscita. Opera in qualsiasi condizione di visibilità, su tutte le corsie della carreggiata e individua i veicoli indipendentemente dalla loro posizione, anche nei passaggi all’interno delle aree di servizio.

    Multa per eccesso di velocità: costi

    multa per eccesso di velocità

    Quant’è la multa per eccesso di velocità? Visti i margini di tolleranza ammessi (di fatto, anche il tachimetro dell’auto ha uno scarto che ai 130 km/h indicati raramente è inferiore al 2%), elenchiamo quanto costa una multa per eccesso di velocità. L’articolo 142 del Codice della Strada dettaglia le infrazioni e prevede: per il superamento di 10 km/h del limite, un’ammenda tra i 41 euro e i 169 euro, cifre incrementate del 30% se l’infrazione avviene di notte, tra le 22:00 e le 7:00 del mattino. Aggravante applicabile a tutti i limiti che vedremo. Non è prevista la decurtazione di punti dalla patente.

    Una velocità oltre il limite tra gli 11 e i 40 km/h, comporta una multa tra i 169 euro e i 680 euro, con la decurtazione di 3 punti dalla patente. Se il superamento del limite è tra i 41 km/h e 60 km/h, allora la multa è di 532 euro, fino a un massimo di 2.127 euro e si accompagna alla decurtazione di 6 punti dalla patente, la sospensione della stessa per un periodo da 1 a 3 mesi e l’inibizione alla guida tra le 22:00 e le 7:00.

    Ancora più gravi le conseguenze per chi supera il limite di velocità di oltre 60 km/h: si va incontro alla multa di 829 euro, fino a un massimo di 3.316 euro, la decurtazione di 10 punti dalla patente, la sospensione per un periodo tra i 6 e 12 mesi della stessa. In caso di recidiva, quindi della medesima infrazione e con il medesimo superamento del limite (oltre 60 km/h), la patente viene revocata.

    L’importo multa per eccesso di velocità è il medesimo anche per i soggetti neopatentati, quanti hanno conseguito la patente da meno di 3 anni. Per questi automobilisti, tuttavia, vi sono non solo limiti diversi da rispettare, ma anche il raddoppio della decurtazione dei punti patente in caso di infrazione e la sospensione della stessa per un periodo tra i 2 e gli 8 mesi, inoltre, l’ammenda è di 160 euro se si oltrepassa il limite di 10 km/h, anziché 41 euro. I neopatentati non possono circolare in autostrada a velocità superiori i 100 km/h e, sulle strade extraurbane principali a non più di 90 km/h (contro il limite normale di 110 km/h).

    Come contestare una multa per eccesso di velocità

    multa per eccesso di velocità

    Contestare multa per eccesso di velocità può non essere sempre conveniente. Due le alternative previste per contestare una multa per eccesso di velocità autovelox (o con altri strumenti di rilevazione). Come contestare multa per eccesso di velocità con telelaser, quindi? Ricorrendo dinanzi al Prefetto, entro 60 giorni dalla notifica dell’infrazione. E’ sufficiente ricorrere in carta semplice, trasmettere il ricorso con raccomandata A/R e allegare le ragioni per le quali si ritiene non sia valida la contravvenzione. Attenzione, però. In caso di rigetto da parte del Prefetto, sarete tenuti a pagare il doppio della multa originariamente elevata! E’ un diritto ricorrere contro multe notificate oltre i 90 giorni dalla commessa infrazione, termine che parte dal momento in cui viene consegnato l’atto di notifica alle Poste per la consegna. Altri aspetti che possono dare adito alla contestazione sono legati ai dati di omologazione dello strumento impiegato per il rilevamento, che devono essere riportati sul verbale di contestazione: deve emergere l’omologazione ministeriale dell’apparecchio, il livello di tolleranza. Ricordate, inoltre, come tutte le postazioni di rilevamento della velocità – autovelox fissi o mobili, fino ai telelaser e i Tutor – devono essere chiaramente segnalati da cartelli appositi, collocati ad almeno 1.000 metri dal punto di rilevazione, sulle autostrade.

    La seconda strada percorribile su come contestare multa per eccesso di velocità, passa dal ricorso al Giudice di Pace. Percorso più costoso e con tempi di attivazione diversi. Infatti, potrete ricorrere entro 30 giorni dalla notifica dell’infrazione e dovrete sostenere delle spese: 43 euro per ricorrere contro multe entro i 1.100 euro di importo, 98 euro per multe dall’importo tra i 1.101 e 5.200 euro. E’ possibile esperire un solo dei due strumenti di ricorso, dinanzi al Giudice di Pace, se soccombenti, non subirete il raddoppio della sanzione.