Peugeot al Salone di Ginevra 2013: riflettori puntati sulla 2008 [FOTO e VIDEO]

In occasione del Salone di Ginevra 2013 (in programma dal 7 al 17 di marzo), giunto oramai alla sua 83esima edizione, la Peugeot svela le carte per quanto riguarda il rinnovamento della propria offerta

da , il

    In occasione del Salone di Ginevra 2013 (in programma dal 7 al 17 di marzo), giunto oramai alla sua 83esima edizione, la Peugeot svela le carte per quanto riguarda il rinnovamento della propria offerta. Il costruttore francese esporrà ben 31 veicoli, tra vetture di serie e concept car, su di uno stand che si sviluppa su di un’area di oltre 2.700 metri quadrati. Per quest’anno sono attesi ben 700.000 visitatori alla kermesse svizzera, i quali potranno ammirare tutta la gamma del Leone al completo, più alcune anteprime assolute. Nello specifico tutti i riflettori sono puntati sul nuovo crossover compatto, la Peugeot 2008, che verrà mostrato per la prima volta dal vivo proprio a Ginevra. Ma non finsice qui: troveremo anche la recente 208 e numerosi veicoli ibridi. Andiamo a scoprire nel dettaglio cosa ci aspetta!

    Peugeot 2008

    Destinata ad essere venduta un po’ in tutto il mondo (in Europa, in Cina e in America Latina), la nuova Peugeot 2008 si presenta come un progetto che vuole conquistare i gusti della clientela globale con caratteristiche molto interessanti. Per Peugeot si va ampliando l’offerta di crossover, fino ad oggi composta dalla sola 3008, con un nuovo modello, più compatto, destinato a far concorrenza ad auto come la Opel Mokka o la Mini Countryman. Parlando di dimensioni, la francese risulta piuttosto compatta, con una lunghezza di 4,16 metri, che la rendono comoda ed agile da utilizzare anche in città. Il design è moderno e piacevole, con numerosi richiami alla piccola Peugeot 208 ed, in generale, a tutti i più recenti modelli del costruttore. Lo stile è tutt’altro che banale ed i suoi punti di forza sono sicuramente i gruppi ottici, caratterizzati da una forma piuttosto elaborata e ben riconoscibile. Sotto il cofano troveremo più o meno le stesse motorizzazioni che compongono il listino della 208: motori diesel e-HDi e 3 cilindri benzina, tutti piuttosto parsimoniosi in tema di consumi ed emissioni nocive. Proprio della sorella minore ritroviamo alcune caratteristiche, come ad esempio il volante dal diametro piuttosto contenuto o l’head-up display. La Peugeot promette anche un comfort di elevato livello ed una qualità di materiali e finiture appagante. Per quanto riguarda l’assemblaggio, la 2008 sarà prodotta in Francia a Mulhouse, in Cina e in Brasile.

    Peugeot 208

    A poche settimane dal loro lancio commerciale verranno esposte le due nuove versioni che tra poco tempo andranno ad arricchire il listino della piccola francese: la 208 XY, versione esclusiva contraddistinta da finiture ricercate, e la 208 GTi, variante ad alte prestazioni. Per entrambe saranno esposti degli esemplari a 3 porte con cerchi in lega da 17 pollici di diametro. Partendo con ordine, la prima, la Peugeot 208 XY, si fa riconoscere a livello estetico per i numerosi particolari cromati, che contrastano con le finiture in nero lucido. Gli interni offrono finiture e materiali degne di una categoria superiore: l’ambiente si compone di selleria in pelle nappa Club con particolari in Alcantara ed impunture a contrasto. Questo nuovo allestimento è offerto con un range di motorizzazioni benzina o diesel, con potenze comprese tra i 92 ed i 155 CV.

    La 208 GTi, invece, sarà equipaggiata con il potente motore da 1.6 litri THP turbo benzina, in grado di sviluppare una potenza massima di 200 CV ed una coppa motrice di 275 Nm. La trasmissione è affidata al cambio meccanico a 6 rapporti. La potremo riconoscere per i numerosi particolari specifici: si va dai cerchi dal design specifico allo spoiler posteriore, dai gusci degli specchietto retrovisori in metallo satinato ai paraurti sportivi. Nonostante la notevole dose di potenza, le emissioni di CO2 si assestano su di un valore di 139 g/km.

    A Ginevra sarà anche esposta la variante da gara dell’utilitaria, la 208 T16, chiamata a subentrare alla 207 Super 2000 con l’obiettivo di affermarsi a sua volta come arma per conquistare titoli nazionali e internazionali nel settore dai rally.

    Peugeot RCZ R Concept

    Allo stand Peugeot di Ginevra, i visitatori potranno anche ammirare, oltre alla nuova RCZ restyling, anche una versione speciale della sportiva francese, la Peugeot RCZ R Concept. Questo prototipo vuole proporsi come una versione speciale della RCZ caratterizzata da un’aspetto ancora più aggressivo, unito a prestazioni ancora maggiori rispetto a quelle standard. Esteticamente la si può riconoscere per la verniciatura in nero opaco, unita a particolari in tinta rame, che la rendono sicuramente inconfondibile. Come abbiamo appena anticipato, sotto al cofano troviamo un motore che garantisce prestazioni di tutto rispetto: si tratta dell’1.6 litri turbo benzina THP, proposto in uno step di potenza da ben 260 cavalli. La Peugeot RCZ R dovrebbe essere effettivamente prodotta anche in serie: si tratterà della più potente vettura di serie della casa francese. Degna di nota anche la sua potenza specifica di circa 160 cavalli per litro, che aiuta anche a ridurre le emissioni di CO2, pari a soli 155 g/km. Al potente motore, questa versione aggiungerà anche un assetto specifico più rigido ed un differenziale autobloccante Torsen.

    Peugeot HYbrid

    Al Salone di Ginevra ci sarà anche la gamma Peugeot HYbrid al gran completo. La casa d’oltralpe si è dimostrata molto attenta in tema di inquinamento ed emissioni nocive: basti pensare all’introduzione di motori termici con un rendimento sempre maggiore, come ad esempio i recenti tre cilindri da 1.0 litri e 1.2 litri a benzina. A questo si aggiunge anche la gamma di modelli con alimentazione ibrida, che coniuga l’utilizzo di un motore diesel a quello di un’unità elettrica. La tecnologia ibrida a gasolio HYbrid4 era stata inaugurata in anteprima mondiale sulla 3008 HYbrid4, per poi essere adottata anche sulle su 508 RXH e 508 HYbrid4. Grazie all’uso combinato dei due motori le auto con questa tecnologia hanno la trazione integrale ed una potenza massima di 200 cavalli, con emissioni di CO2 di soli 88 g/km.

    Anteprima assoluta anche per la nuova tecnologia HYbrid Air, proposta su di un esemplare di Peugeot 2008. Di cosa si tratta? È un sistema ibrido che associa un motore benzina all’aria compressa in una tecnologia dai costi contenuti, applicabile dal 2016 sulle autovetture e i veicoli commerciali dei segmenti B e C e, quindi, accessibile alla stragrande maggioranza dei clienti.

    Infine troveremo anche la 208 HYbrid FE, che ha visto la collaborazione sia di Peugeot che di Total. Si tratta di una sorta di sfida per i due colossi francesi: unire prestazioni e piacere di guida a consumi contenuti ed emissioni di appena 49 g/km di CO2 (due volte in meno rispetto ad una 208 1.0 VTi). Le prestazioni? Si parla di un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 8 secondi, un valore paragonabile a quello della sportiva 208 GTi.

    FOTOGALLERY SALONE DI GINEVRA 2013