Renault Clio Rip Curl, nata dal sodalizio di due grandi aziende

da , il

    Renault Clio Rip Curl, nata dal sodalizio di due grandi aziende

    Proseguendo il discorso intrapreso riguardo la Renault Clio e confermando il successo di una auto francese appartenente al segmento ?B?, ma con velleità che l?avvicinerebbero a segmenti più alti, in anteprima, e in una veste inedita nella kermesse ginevrina, il mese prossimo, verrà presentata la Clio Rip Curl, mentre la commercializzazione potrebbe essere immediatamente successiva al Salone.

    La vettura servirà alla Casa francese per sottolineare ancor di più l?orientamento finalizzato nell?offerta alla propria clientela di un?auto sempre più vicina alle esigenze del moderno automobilista, soprattutto giovane e dinamico; basti solo pensare l?allestimento hi-tech della quale si dota la medio-piccola francese.

    L?auto è il frutto della collaborazione fra la Renault e la nota azienda Rip Curl, leader nella produzione di abbigliamento e attrezzature in genere per lo sport, ricordiamo i surf, gli skateboard e gli snowboard e solo da questo si vede l?orientamento delle due Case nel voler offrire un prodotto tagliato appunto su misura per gli sportivi, ovvero, per coloro che utilizzano l?auto per raggiungere agevolmente tutti i siti dove si praticano attività sportive e non certo soltanto le tre discipline appena citate.

    La Clio Rip Curl, si presenta con una piacevole tonalità blu iceberg, all?esterno, lucente e splendente come non mai, con cerchi in lega leggera da 16 pollici di diametro e targhette nei punti visibili dell?auto da dove ben si evince il logo dell?azienda di articoli sportivi. All?interno sono dominanti i colori nero e rosso che, con le tinte esterne, creano una riuscita pandance, così come non fa che confermare l?aria sbarazzina che si respira anche a bordo. La dotazione di serie è ottima ma, rispetto alla Clio tradizionale, in questa versione ritroviamo un particolare impianto radio/CD e MP3 ed iPod, già basterebbe questo per fare la differenza con gli altri allestimenti.

    Infine, un?occhiata ai propulsori, un motore benzina 16 valvole di 1.400 cc. in grado di erogare 98 cavalli di potenza e un diesel, per?altro, almeno come motorizzazione, già visto in precedenza, di 1.500 cc e 85 cavalli.

    Nulla si sa nulla sui prezzi, ma basterà aspettare qualche settimana e questi saranno svelati direttamente a Ginevra.