Suzuki SX4: restyling per il vecchio modello a Shanghai 2013 [FOTO]

La Suzuki SX4, visti gli anni sulle spalle, si concederà un leggero restyling estetico, volto a renderla più moderna e piacevole, quindi al passo con i tempi

da , il

    I giapponesi della Suzuki hanno già svelato la nuova sport utility S-Cross allo scorso Salone di Ginevra 2013, a marzo. Anche se in un primo momento siamo stati ingannati dal fatto che l’auto riportava la denominazione “SX4″, in realtà si è poi scoperto che questo nome riguarderà solo alcuni mercati: in Europa, ed ovviamente anche in Italia, si chiamerà S-Cross e non rimpiazzerà il crossover compatto realizzato in collaborazione con la Fiat (è la gemella della Sedici, per chi non lo sapesse). Questo significa che andrà solo ad affiancare la Suzuki SX4, che per l’occasione, visti gli anni sulle spalle, si concederà un leggero restyling estetico, volto a renderla più moderna e piacevole, quindi al passo con i tempi. Questo facelift è stato svelato in anteprima assoluta al Salone dell’automobile di Shanghai 2013, dove l’auto è stata immortalata nelle foto che potete trovare nella nostra gallery.

    Ovviamente questa operazione commerciale da parte dell’azienda asiatica non è certo una novità: vendere la vecchia generazione di un modello assieme a quella nuova è stato già fatto da Fiat (Panda e Punto), da Renault (Clio) e Peugeot (207 e 206), tanto per fare un paio di esempi.

    Parlando più nello specifico dell’aggiornamento estetico della “vecchia” SX4, notiamo immediatamente dalle foto che l’auto mostra una nuova faccia. A cambiare sono i gruppi ottici, che adesso hanno una forma più moderna ed elaborata che sembra proseguire idealmente la mascherina centrale. Nuovo anche lo stile della fascia paraurti, contraddistinto da una presa d’aria centrale a sviluppo orizzontale, con i fari fendinebbia posti ai lati. I cerchi in lega hanno un nuovo disegno, mentre al posteriore notiamo una differente geometria interna per i fanali, nonchè uno scudo paraurti ridisegnato. I designer Suzuki sono intervenuti, infine, anche sulle barre portapacchi sul tetto.

    La gamma prevede un motore da 1.6 litri a benzina con 110 cavalli di potenza (81 kW), ma anche – relativo al solo mercato cinese – un 1.8 litri sempre a benzina da 133 cavalli (98 kW), entrambi collegati ad un cambio manuale con cinque velocità. Non ci resta che aspettare il rilascio delle informazioni relative al nostro mercato.