Opel Adam: prezzo, motori e scheda tecnica, anche a Gpl [FOTO e VIDEO]

Opel Adam: prezzo, motori e scheda tecnica, anche a Gpl [FOTO e VIDEO]
  • Commenti (4)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Opel Adam: dimensioni, bagagliaio e motorizzazioni

Opel Adam ha fatto il suo debutto già da un anno. Fa parte del segmento delle citycar assieme ad Agila per quanto riguarda il marchio Opel. Adam ha dimensioni sono di 370 centimetri di lunghezza, 172 di larghezza per un’altezza di 148 centimetri. L’omologazione è di quattro posti. Il bagagliaio vanta di una minima capacità di carico di 170 litri ed abbattendo gli schienali si arriva a 663 litri di capacità massima. Le motorizzazioni previste in listino sono tutte a benzina: i 1.2 da 69 cavalli altrimenti i 1.4 da 87 o 101 cavalli.

FacebookTwitter

L’Opel Adam oramai da mesi sulle strade e sta pian piano scalando la vetta del suo segmento di mercato. E’ un omaggio al fondatore del marchio con il fulmine, la citycar dai tratti chic, diretta concorrente di Fiat 500 e, parzialmente, Mini Cooper. Ci sarebbero anche la Audi A1 e Citroen DS3, nel lotto degli avversari, a patto di essere molto elastici con il metro. Misura 3 metri e 70 centimetri la Opel Adam, due meno della Mini e ben 16 più della Fiat 500: annoverare pienamente la DS3 e la Audi A1 nella battaglia che vede protagonista la Adam vorrebbe dire includere due auto prossime ai 4 metri (3.95 per l’esattezza) e del segmento superiore.

Design

Opel Adam

  • Opel Adam, anteriore (3)
  • Opel Adam (2)
  • Opel Adam, anteriore (2)
  • Opel Adam, anteriore (4)
  • Opel Adam, anteriore

Detto del nome affatto convincente, i contenuti interessanti non mancano. Anzitutto lo stile. A tratti esaltante, in altri punti carta-carbone con la Fiat 500. La parentela con il gruppo Fiat è ancora presente, con il pianale SCCS eredità fruttuosa della joint venture GM-Fiat, quella che diede vita alla Corsa e alla Punto attualmente sul mercato. Il passo è di 2 metri e 31 centimetri, pressoché identico alla citycar di Torino, che segna 1 centimetro meno. Possiamo attenderci quindi la solita abitabilità buona per i passeggeri dei sedili anteriori, un po’ sacrificata per chi siede dietro. Ma attendiamo una presa di contatto dal vivo per esprimerci definitivamente.

E’ bella, non c’è dubbio, la Opel Adam. Il frontale dice qualcosa di nuovo rispetto a Mini e 500, legate con una camicia di forza al passato, legami che la Adam non ha. La calandra svolge il ruolo principale sul muso, con un baffo cromato che sostiene il logo Opel, mentre lo sfondo ha maglie disegnate per ispirare sportività. Un design prettamente maschile, fatto di scalfiture sulla fiancata, nervature sul cofano, abbozzati spoiler e linee molto movimentate: a dispetto delle dimensioni “mini”, si è ritagliata un vestito da piccola sportiva. Manca all’appello la cavalleria, vedremo perché.
I gruppi ottici sono stati posizionati in alto sul cofano, slanciando tutto il frontale, così come i fendinebbia che contribuiscono a disegnare il “ghigno” da Joker della Adam.

La fiancata ripropone un trattamento già visto sulla Astra e sulla Meriva, con la scalfatura che parte dietro i passaruota anteriori e simula un deflettore, proseguendo su tutto il profilo. Anche dalla maniglia nascono linee buone per alleggerire la visuale e collegarsi con la coda e i gruppi ottici. Un capolavoro è stato fatto nel disegnare la linea del tetto e quella dei finestrini. Là dove tanti scopiazzano la Mini, Opel è riuscita a dare un tocco personale. Grazie alla cromatura che evidenzia la cornice dei finestrini, il montante C sembra sospeso, con la targhetta Adam immediatamente sotto.
Richiami di Opel Astra GTC anche al posteriore, la parte più difficile da interpretare. Quel che proprio non piace è la zona del tre quarti posteriore, realizzata in carta-carbone sulla Fiat 500: il raccordo tra montante e passaruota segue lo stesso andamento divergente verso il basso già espresso sul modello Fiat.

Interni e dimensioni

Opel Adam foto

  • Opel Adam
  • Opel Adam con porta biciclette
  • Bagagliaio con trolley
  • Bagagliaio
  • Bocchettone aria

L’abitacolo della piccola Opel ha un aspetto piuttosto moderno ed elegante, merito dei sapienti accostamenti di colore e delle finiture “chic”, come ad esempio le cromature o le plastiche ad effetto lucido. La plancia è realizzata, nella parte superiore, con una plastica morbida al tatto e dall’aspetto gradevole ed il tutto è impreziosito da una modanatura orizzontale colorata, che spezza un po’ la monotonia del nero. Lo spazio a bordo è abbondante per chi siede davanti, meno per chi si accomoda sul divanetto posteriore, come sempre accade su questo genere di auto. Nel complesso ci troviamo di fronte ad un interno curato per il segmento di appartenenza, che indubbiamente non lascerà insoddisfatti anche i più pignoli.

In quanto a dimensioni abbiamo già accennato qualcosa in precedenza. L’Adam misura 3,70 metri in lunghezza, 1,72 metri in larghezza e 1,48 in altezza, uniti ad un passo di 231 centimetri. Il bagagliaio in configurazione standard ha una capienza di 170 litri, un po’ pochini, che possono aumentare fino a quota 663 litri abbattendo il divanetto posteriore.

Personalizzazioni infinite

Opel Adam al Salone di Parigi 2012

  • Opel Adam 2013 al Salone di Parigi 2012
  • Opel Adam 2013 al Salone di Parigi 2012-vista frontale gialla
  • Opel Adam 2013 al Salone di Parigi 2012-fiancata
  • Opel Adam 2013 al Salone di Parigi 2012-ravvicinato coda
  • Opel Adam 2013 al Salone di Parigi 2012-posteriore gialla

Grandissime le possibilità di personalizzazione. Si chiama citycar ma l’obiettivo è quello di ritagliarla sulle esigenze del cliente: tra le chicche più gustose, l’optional del padiglione dell’abitacolo impreziosito da led. Tra gli altri accessori a disposizione non mancano le luci diurne a led, il volante riscaldabile, uno schermo da 7″ a colori touch per l’infotainment, l’assistente al parcheggio e lo start&stop: una pecca quest’ultima, perché i concorrenti lo offrono di serie. Tre gli allestimenti: Jam, Glam e Slam.

Scheda tecnica, consumi e prestazioni

Capitolo motorizzazioni. Sono tre in tutti i motori disponibili in listino. Benzina o doppia alimentazione benzina e Gpl, queste le alternative. I primi sono dei 1.2 di cilindrata da 69 cavalli, altrimenti si passa ai 1.4 da 87 e 101 cavalli. Per lottare davvero con le altre, la Adam dovrà dotarsi (in fretta) di unità turbocompresse e di un diesel. Anche perché proporre un pacchetto con sospensioni sportive e cerchi in lega addirittura da 17 e 18″ in optional (16″ di serie) ha ben poco senso se non si danno le vitamine giuste per esaltare la guida.
Da poco ha debuttato nel mercato anche una nuova motorizzazione per Adam, si tratta di quella con doppia alimentazione di benzina e Gpl; nello specifico si tratta dell’1.4 litri in tecnologia ecoFLEX da 87 cavalli di potenza forte di una media percorrenza nel misto pari a 14.5 chilometri con un litro per un’autonomia totale di oltre 1.200 chilometri con un pieno (508 km solo col Gpl) ed emissioni di anidride carbonica di 112 grammi per chilometro.

Parlando più nello specifico il motore d’accesso, l’1.2 litri da 69 cavalli eroga la sua potenza massima a 5.600 giri al minuto, unita ad una coppia motrice di 115 Nm a 4.000 rpm. Le prestazioni prevedono uno scatto da 0 a 100 km/h in 14,9 secondi ed una velocità massima di 165 km/h, con un consumo medio di 5,3 litri per 100 km, che scendono a 5 litri per 100 km sulle versioni con Start&Stop. Emissioni di CO2 pari a 124 g/km (118 g/km le Start&Stop).

Il 1.4 è proposto in due step di potenza, come già detto, ma la potenza di 87 e 100 CV è sempre erogata ad un regime di 6.000 giri/minuto. Coppia massima di 130 Nm per entrambe le versioni, che però vantano prestazioni differenziate: accelerazione da 0 a 100 km/h, rispettivamente, in 12,5 ed 11,5 secondi e velocità massima di 176 e 185 km/h. Consumi ed emissioni identici: 5,5 litri/100 km e 129 g/km di anidride carbonica sulle versioni standard, 5,1 l/100 km e 119 g/km di CO2 sulle varianti con Start&Stop.

Black Link e White Link per essere sempre connessi

Opel Adam Black Link e White Link

  • Opel Adam Black Link, infotainment
  • Opel Adam Black Link, caratteristiche
  • Opel Adam Black Link, cerchi in lega
  • Opel Adam Black Link, fiancata
  • Opel Adam Black Link, interni

Al Salone di Francoforte 2013 ha fatto il suo debutto una versione speciale, la Black Link – affiancata dalla White Link – incentrata interamente su un aspetto fondamentale per i giovanissimi potenziali clienti della Adam: la connettività a bordo.
Sfoggia tra le dotazioni standard due sistemi, l’IntelliLink e il Siri Eyes Free, viceversa optional. Il primo racchiude il cuore dell’infotainment dietro uno schermo 7 pollici touch, mentre con Siri Eyes Free l’integrazione con l’iPhone (da iOS 6 in su) è totale. Nello specifico, la funzione annunciata sperimentalmente su un concept al Salone di Ginevra 2013, consente di effettuare chiamate, selezionare la traccia audio preferita, ascoltare, comporre e inviare sms, gestire il calendario e navigare sulle mappe Apple interamente con comandi vocali. Si attiverà con un pulsante sul volante e lo smartphone – posizionato nell’alloggiamento FlexDock – resterà spento durante le operazioni.

«I due modelli sono come un sofisticato smartphone su quattro ruote», ha detto Tina Muller, capo della divisione marketing di Opel e vice presidente del marchio nel presentare Black e White Link. «Dal tardo autunno offriremo il nostro sistema di infotainment IntelliLink e il Siri Eyes Free come dotazione standard, in combinazione con un design molto speciale. Con questi nuovi modelli, la nostra citycar alla moda dimostra ancora una volta di essere la miglior auto piccola connessa al web».

Esteriormente sono previste modifiche ai cerchi in lega, addirittura da 18 pollici, come anche ai vetri posteriori che diventano bruniti, oltre a numerosi inserti in alluminio spazzolato sia sulla carrozzeria che negli interni.

Prezzo

Opel Adam al Motor Show Bologna 2012, foto

  • Opel Adam Motor Show 2012
  • Opel Adam Motor Show 2012-appesa al soffitto
  • Opel Adam Motor Show 2012-dettaglio dello stand
  • Opel Adam Motor Show 2012-particolare coda
  • Opel Adam Motor Show 2012-in esposizione
  • Opel Adam Motor Show 2012-vetture coperte

Il listino prezzi ufficiale è il seguente:

Benzina:

Opel Adam 1.2 69cv MT5: € 11.770
Opel Adam 1.2 JAM 69cv MT5: € 13.370
Opel Adam 1.2 GLAM 70cv MT5: € 14.270
Opel Adam 1.2 SLAM 70cv MT5: € 14.270
Opel Adam 1.4 JAM 87cv MT5: € 13.870
Opel Adam 1.4 GLAM 87cv MT5: € 14.770
Opel Adam 1.4 SLAM 87cv MT5: € 14.770
Opel Adam 1.4 JAM 101cv MT5: € 14.370
Opel Adam 1.4 GLAM 101cv MT5: € 15.270
Opel Adam 1.4 SLAM 101cv MT5: € 15.270

Gpl:

Opel Adam 1.4 Gpl-Tech 87 cavalli Jam 14.870 Euro
Opel Adam 1.4 Gpl-Tech 87 cavalli Glam 15.770 Euro
Opel Adam 1.4 Gpl-Tech 87 cavalli Slam 15.770 Euro

1534

Vedi anche:

Peugeot Exalt al Salone di Pechino

Guarda il video della nuova Peugeot Exalt, la nuova elegante coupé che verrà svelata per la prima volta dal vivo al prossimo salone dell'auto di Pechino. Siamo di fronte ad un bellissimo concept, che riprende in diversi dettagli quello famoso della casa del Leone di nome Onyx di qualche tempo fa.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 18/10/2013 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Alessio 11 luglio 2012 12:30

Ok, non ce la faccio… di solito sono tollerante e obiettivo… ma questa macchina fa proprio schifo, e non ha nemmeno senso! Mini, 500 e DS avevano un senso in quanto sono andate a recuperare glorie passate…questa non deriva da nulla, se metti un dito a coprire il frontale ti sembra subito una 500! Non ha elementi di spicco che la differenziano dalle altre macchine, ha dimensioni che di citycar sinceramente hanno poco, nel senso che dovresti puntare sul poco ingombro, 3 e 70 è tanto per essere una tre porte! hanno fatto lo stesso errore della KA seconda serie, non ha un design che colpisce, la prima KA o ti piaceva o non ti piaceva, ma aveva uno stile personale, la seconda serie è diventata una fiesta schiacciata e non ha colpito. La nissan juke ha colpito per originalità… ma questa adam ….bah, magari verrò smentito… e sicuramente costa 15000 euro… meglio la panda!

Rispondi Segnala abuso
Mike 26 luglio 2012 12:20

Concordo, la opel adam è brutta specialmente nel posteriore. I gruppi ottici posteriori sono osceni. Farà la stessa fine della ford Ka, ossia ne venderanno poche. Meglio la Panda

Segnala abuso
archipitago
Archipitago 12 agosto 2013 12:28

In tanti non apprezzano l’Opel Adam( Non l’hanno ancora digerita è assimilata)devono farci l’occhio,poi con i contenuti tecnici che possiede( motore tre cilindri Turbo/Iniezione diretta benzina),ha le carte in regola.Poi non assomiglia alla Nuova 500(Allora si potrebbe dire che assomiglia al Maggiolino),questa faccenda delle scopiazzature deve finire,allora si potrebbe dire ,che la Giulietta assomiglia al Maggiolino perchè ha quattro ruote,non finisce mai la situazione!

Rispondi Segnala abuso
Che auto vuoi 24 agosto 2013 14:12

Non ha senso un 1400 gpl con 87 cavalli, che nel funzionamento a gas saranno non più di 80. la rca costa un botto, ma le case si ostinano a proporre motori vetusti e senza verve su auto esteticamente volte al rinnovamento. sarebbe stato meglio ” gipiellizzare ” il nuovo 1000 turbo di prossima uscita. i clienti vogliono risparmiare ma non guidare auto letargiche.

Rispondi Segnala abuso
Seguici