Salone di Parigi 2016

Pneumatici 4 stagioni: opinioni, prezzi e caratteristiche [FOTO]

Pneumatici 4 stagioni: opinioni, prezzi e caratteristiche [FOTO]
da in Consigli e Guide, Pneumatici
Ultimo aggiornamento: Lunedì 11/04/2016 16:44

    Payment pad Quatrac 3.indd

    Mentre si fa un gran parlare di gomme da neve, oggi parliamo di una tipologia differente di pneumatici: quelli da tutte e 4 le stagioni. Dal 2010 il nuovo Codice della strada (legge n° 120 del 29 luglio 2010) ha fornito la possibilità agli enti gestori del traffico stradale (Anas, Province, Comuni, società per le Autostrade e in rari casi le Regioni) di imporre l’obbligo agli automobilisti di avere catene a bordo o in alternativa di montare pneumatici invernali nel periodo compreso tra il 15 Novembre e il 15 Aprile (salvo proroghe) per la percorrenza in determinati tratti stradali. Se questo obbligo non viene rispetto, si può andare incontro a della salate sanzioni amministrative che vanno dagli 80 euro fino ai 318 euro. Siamo quindi già nel periodo in cui l’obbligo di montare pneumatici invernali è scaduto, anche se bisogna esplicitare che non vi è un divieto per chi continua a montare questa mescolatura anche dopo il 15 Aprile, però in molti già accorrono a cambiare gli invernali con gli pneumatici estivi, ma è davvero la soluzione ideale? Scopriamolo in questo speciale.

    Se anche voi fate parte di quella categoria di clienti che non ha intenzione di tenere da parte un treno di gomme per l’inverno ed uno per l’estate, questa risulta la scelta adeguata a voi. Gli All Season vi aiuteranno a risparmiare se avete intenzione di restringere le spese e guardate il cambio delle gomme strizzando l’occhio al portafoglio, e un altro vantaggio lo avete poiché la legge li ritiene adeguati per circolare nelle strade in cui vi è presente l’obbligo di catene e pneumatici invernali, anche se per poter muoversi senza remore durante l’inverno è comunque necessario che sia presente la dicitura M + S (Mud + Snow, ovvero Fango e Neve in inglese), mentre non è necessario che sia presente il simbolino Snowflake (fiocco di neve) che comunque simboleggia un’alta qualità della mescola. I quattro stagioni sono nati per garantire una buona efficienza durante tutto l’anno e durante tutti gli scenari che si possono presentare, quindi massima aderenza con le fitte piogge autunnali, con la neve e il gelo dei mesi più freddi e in egual misura viene garantita la loro prestanza nel corso delle alte temperature estive. Si tratta di una sorta di ibrido tra la tecnologia degli pneumatici estivi e di quelli termici, grazie ad uno speciale battistrada più profondo rispetto a quello dei primi, e un differente disegno rispetto a quello dei secondi. La parte lamellare quella con la dicitura M+S è quella che interviene quando la strada presenta enormi quantità d’acqua, o quando la temperatura dell’asfalto e dell’ambiente circostante risulta molto bassa, ed è possibile imbattersi nella neve e in fondi ghiacciati. La parte estiva degli pneumatici All Season è quella che interviene invece quando la temperatura del fondo stradale raggiunge temperature elevate. In definitiva le due anime del battistrada lavorano in sinergia per garantire il miglior confort e la miglior sicurezza durante il cambio delle stagioni.

    Nello specifico M+S indica quei battistrada che sono ricoperti di lamelle, e che hanno una mescola composta da silice. Come già specificato le lamelle garantiscono una maggiore aderenza e sono tipiche delle gomme invernali, ma hanno due funzioni fondamentali: la prima è quella di avere un effetto drenante superiore, mentre la seconda si verifica nel caso in cui con queste gomme un’automobilista dovesse incontrare una strada ricca di neve: queste lamelle raccolgono la neve e forniscono un effetto chiamato “palla di neve”, congiungendosi con il manto nevoso garantiscono un’aderenza salda indipendentemente dal loro spessore. Il silice è un elemento molto importante perché la sua presenza garantisce una determinata morbidezza dello pneumatico anche quando le temperature diventano rigide e scendono sotto i 10 gradi centigradi. Viceversa durante il periodo estivo le lamelle sono un handicap, specie quando queste sono presenti in gran numero, perché forniscono un maggiore attrito. Il silice quando fa caldo fa aumentare la temperatura della gomma ancora più velocemente, con la definitiva conseguenza di un deterioramento sempre più inesorabile. Snowflake è invece la dicitura oggi sinonimo di qualità dello pneumatico stesso, ed è rappresentato da un fiocco di neve. Questo simbolo ha visto la luce nel 1999 quando l’associazione dei produttori degli pneumatici del Nord America (Canada e Usa) decise di sostituire la vecchia dicitura M + S proprio con lo Snowflake. Il regolamento prevedeva che questo marchio sarebbe stato applicato esclusivamente su quelle gomme che avessero superato dei test di guida molto duri con la pioggia e con la neve. Dall’inizio di questo millennio questo simbolo è stato utilizzato dai produttori di pneumatici di tutto il Mondo, anche se non ha ancora riscontrato un riconoscimento per quanto riguarda i codici stradali vigenti in Europa, che fanno riferimento ancora alla dicitura M + S.

    pneumatici estivi e invernali

    Come è facile da intuire il comportamento dei quattro stagioni, come dimostrato da alcune prove su strada, risulta di livello inferiore rispetto alla gomma specifica per la stagione. Durante i mesi freddi infatti si riscontra un’aderenza minore su neve e ghiaccio rispetto agli pneumatici termici, anche per il fatto che la parte lamellata degli all season è meno profonda sul battistrada e garantisce un’aderenza ovviamente più bassa sul fondale. Un altro dato significativo è quello che ci vuole un tempo di frenata maggiore, cosa non da sottovalutare quando si affrontano le giornate invernali in cui neve e gelo imperversano per le strade di tutta la penisola. Sui terreni asciutti le prestazioni invece raggiungono un livello paragonabile al pneumatico estivo, anche se hanno dei lati in cui si evidenzia una certa disparità tra quello estivo e i quattro stagioni. Infatti gli All Season sono di norma più rumorosi, meno precisi e si consumano con rapidità maggiore rispetto agli estivi. Sullo sterrato invece non si riscontrano differenze, e gli All Season si equivalgono alla concorrenza. In conclusione sono pneumatici che si adattano bene ad ogni frangente anche se gli pneumatici specifici risultano superiori nel loro campo. Le performance degli All Season ovviamente dipendono dalla marca e della tipologia che viene scelta, poiché se viene scelto un pneumatico quattro stagioni di un produttore premium possiamo notare che le differenze con gli prenumatici dedicati si assottigliano e molto spesso si eguagliano; le vera differenza c’è tra una qualsiasi gomma quattro stagioni e un qualsiasi pneumatico stagionale.

    Automobilista da pochi km: Se siete un automobilista che ha una percorrenza annua limitata, parliamo di 10-15.000 km all’anno, e utilizza l’auto soprattutto per spostamenti in città, in cui la viabilità è garantita anche in caso di neve ed è raro trovarsi in condizioni critiche, allora la scelta degli pneumatici quattro stagioni sarebbe l’ideale. Quindi se siete avvezzi ad utilizzare poco la vostra auto, sarà inutile comprare un treno di termici ed uno di estivi, perché se anche il battistrada appare in buone condizioni, con il tempo il calore e la luce induriscono la mescola degli pneumatici e gli sbalzi termici a cui sono sottoposti e l’esposizione alla luce solare li invecchia e ne degrada le prestazioni, quindi per motivi di sicurezza andrebbero cambiati sicuramente entro i tre anni. Quindi per avere un sicuro risparmio conviene avere gli All Season da mantenere installati in tutte le stagioni. Automobilista da molti km: è il caso opposto a quello precedente, in cui l’automobilista supera la soglia di 20.000 km di percorrenza all’anno, e consuma due o tre treni di gomme nel giro di tre anni, scegliendo pneumatici invernali per l’inverno ed estivi per l’estate. In questa situazione l’acquisto degli pneumatici quattro stagioni non è risolutivi, ed anzi risulta in ogni caso un errore in quanto si hanno delle performance inferiori ed uno spreco di denaro.

    Per quanto riguarda il prezzo per questa tipologia di gomma si entra una sfera un po’ delicata, in quanto tutto dipende dalla grandezza del cerchio su cui viene applicata questa gomma. In linea di massima comunque i prezzi per una quattro stagioni di ottima fattura non sono proprio popolari e possono oscillare in una fascia di prezzo che si colloca tra un’intermedia ed una top di gamma fra le gomme termiche.

    1455

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI