Mercedes Generation EQ Concept 2016: il futuro della Stella [FOTO]

Mercedes Generation EQ Concept 2016: il futuro della Stella [FOTO]

2 di 3

2 di 3

Mercedes-Benz Generation EQ concept al Salone di Parigi 2016

L’aspetto della vettura concept è sorprendentemente pulito, elegante e ordinato, un design che potremmo definire elegante-retro, anche se ci sono tocchi di modernità e futurismo assoluto, come l’assenza delle maniglie delle porte e degli specchietti laterali, questi ultimi sostituiti con macchine fotografiche rear-facing (che sono stati autorizzati in Europa quest’anno, anche se nessuno ha pensato di metterli in una macchina in produzione). La concept car ha una batteria da 70 kWh e due motori elettrici capaci di produrre fino a 402 CV di potenza e 516 Nm di coppia, abbastanza buoni per avere un’accelerazione da 0-100 km/h in meno di cinque secondi.

All’interno, l’EQ Generation sfrutta appieno il bagaglio digitale che Daimler possiede (insieme a Audi e BMW), quindi ci sono i massimi sistemi di assistenza alla guida e soprattutto la possibilità di avere la guida autonoma. La mappatura digitale della Mercedes oltre ad essere sufficientemente dettagliata da sapere l’esatta struttura di ogni autostrada, intersezione e curva che potrebbe mai affrontare, consente anche di avere una nuova interfaccia digitale 3D sul display da 24 pollici TFT ad alta definizione della vettura. Il sistema evidenzia gli edifici che sono utili alla navigazione, ma sfuma il resto per evitare confusione, mentre l’EQ Generation percepisce a bordo i dati da altre macchine, edifici e infrastrutture per tenersi fuori dai guai.

Il primo veicolo di produzione EQ Generation presentato a Parigi sarà una versione molto più vicina alla forma stradale pronta che alla concept car di Parigi. Queste caratteristiche sono dovute al layout del telaio, che combina acciaio, alluminio e fibra di carbonio. Mentre le leggi del 2020 sulle emissioni EU7, renderanno la tecnologia diesel quasi costosa come quella delle auto elettriche, ha spinto il Gruppo Daimler a sviluppare auto a batteria elettrica, ma non è stato l’unico. Le infrastrutture di ricarica sono migliorate per rendere i veicoli elettrici a batteria una possibilità reale per la maggior parte delle persone, in particolare grazie al nuovo standard europeo Combinating Charging System (CCS).

2 di 3

Pagina iniziale

2 di 3

Parole di Tommaso Giacomelli

Potrebbe interessarti

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.