Aston Martin V8 Vantage Roadster, il bello assoluto

Aston Martin V8 Vantage Roadster, il bello assoluto
da in Aston Martin, Aston Martin v8, Jaguar, Roadster, Salone Los Angeles 2016
Ultimo aggiornamento:

    La vedremo per la bella stagione, per questo all’Aston Martin hanno preparato di tutta fretta la nuova V8 Vantage Roadester presentandola a Los Angeles

    Il bello è la massima espressione di quest’auto, con un design impeccabile e obiettivamente riuscito e la stessa mancanza del tetto, oltre ai colori, tutti riusciti al meglio, “verde California”, “rosso fuoco”, “blu glaciale”, “giallo raggiante”, “ghiaccio mattutino”, con al cliente la scelta di altre tonalità, quanto mai personalizzati, sono i primi gradini per chi vuol scalare il successo del gusto estremizzato, con un’auto del genere, all’apice del bello in assoluto.

    Ciò che in quest’auto strabilia è la capacità del costruttore di essere riuscitioa trasformare una coupè in roadester al punto da far sembrare le due versioni diverse e progettualmente lontane l’una dall’altra, vista la spiccata personalità di ognuna di esse, così come grande merito va ascritto a chi è riuscito a congegnare una capote in tela elettrica tanto comoda e versatile come quella applicata in quest’auto.

    All’interno, un tripudio di tonalità in chiaro scuro che trasmettono da subito l’eleganza sobria di un marchio in chiaro stile anglosassone, dove l’Alcantara è l’elemento di spicco che risalta per la finezza e la cura dei particolari e che si miscela al meglio con la stessa qualità elevatissima della pelle della selleria, eppure, parlando di una roadester questi particolari risaltano tanto di più, se si pensi che troppo spesso altri costruttori ci avevano abituati a delle auto “scoperte”, ma approssimative proprio perché intese come vetture per il solo tempo libero.

    E il ricorso a quei richiami del passato che ricordano l’intramontabile antico, quando è ben dosato, fanno la differenza in quest’auto, si guardi la strumentazione, il portacenere in cristallo e i pannelli porta in alluminio, senza mai dimenticare che di un’auto di questo millennio parliamo, dove l’elettronica, in tutte le sue forme, anche sofisticate, entra di diritto, dal climatizzatore automatico, al computer di bordo, al navigatore satellitare, ai radar parcheggio e ai fari bi-xeno, al potente impianto radio, al controllo della pressione degli pneumatici, compresi i sensori tergicristallo.

    Il resto, che ad un vero amatore di Aston Martin potrebbe non sorprendere più, fa parte del sound dei propulsori della ex Casa inglese, ma qui, c’è un bel mix di meccanica Aston Martin e Jaguar insieme, col risultato di avere una vettura dalle fibrillanti emozioni che schizza nelle accelerate rapide e che scarica i suoi prorompenti cavalli, ben 380, sulla strada, senza indugi, mai e in questo anche coadiuvato dall’ottimo e preciso cambio Sportshift sempre pronto e attento, oltre che morbido e maneggevole.

    Per il resto, le prestazioni sono una costante riscontrabile su Aston Martin che anche in questa versione roadester non delude mai, due dati per tutti, la velocità massima, assestatasi a 280 orari e lo scatto, da 0 a 100 orari in appena 5 secondi; certo meno bene i consumi, con una media intorno a 9 chilometri con 1 litro di benzina, ma da un’auto del genere non si può pretendere di più, cui, nel novero delle spese da sostenere per una V8 Vantage Roadester deve intendersi il prezzo d’acquisto, 125.000 euro, tanti, tantissimi, che superano di gran lunga il costo di altre prestigiose europee con un solo difetto; quest’ultime, di non chiamarsi Aston Martin a bordo delle quali, pregi e goduria a parte, chi la possiede si sente un po’ James Bond e forse questo è il lusso più alto che ci si può permettere su un’auto del genere, a chi invece certi sogni non sono concessi o non è interessato più di tanto a queste manifestazioni oniriche, il piacere di gustarsi le belle immagini che ritraggono in tutte le pose la V8 Vantage Roadester.

    649

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Aston MartinAston Martin v8JaguarRoadsterSalone Los Angeles 2016
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI