Motor Show Bologna 2016

Crash test auto EuroNCAP: nuovi criteri di valutazione e doppio esame

Crash test auto EuroNCAP: nuovi criteri di valutazione e doppio esame
da in Crash test, Sistemi di sicurezza
Ultimo aggiornamento:
    Crash test auto EuroNCAP: nuovi criteri di valutazione e doppio esame

    Arrivano i risultati dei primi crash test europei con i nuovi criteri di valutazione adottati dall’ente Euro Ncap. Si tratta di un doppio esame. I modelli sottoposti ai test vengono provati prima nelle versioni base, poi con gli equipaggiamenti optional più avanzati per la sicurezza attiva.
    In questo modo chi sta per acquistare un’auto ha un importante elemento in più per valutare la scelta. Cioè quanto e sicura l’auto in versione base e quanto la sicurezza aumenta con l’installazione di quegli optional, racchiusi nel nome standard di safety pack, appunto pacchetto per la sicurezza.
    Il dispositivo di sicurezza attiva avanzata che più aumenta la valutazione nei test è la frenata automatica d’emergenza, fondamentale per la protezione dei pedoni. Troviamo ormai sempre più spesso anche l’avviso dell’invasione di corsia e il monitoraggio dell’angolo cieco degli specchietti. E’ il costruttore che decide se sottoporre il proprio modello al doppio test; è chiaro comunque che chi lo fa ha poi un vantaggio in più da presentare ai clienti, almeno quelli sensibili alla sicurezza.

    Il primo modello sottoposti alla doppia valutazione di Euro Ncap è stato la Suzuki Baleno. Nella versione standard la vettura giapponese ha ricevuto 3 stelle. Ma con l’aggiunta del pacchetto opzionale Radar Brake Support (dove la frenata automatica è sia urbana che interurbana), la sicurezza è aumentata al punto di raggiungere le 4 stelle.
    In questi giorni sono stati diffusi anche i risultati dei test sulla Toyota Prius. Questo modello, grazie all’adozione di serie della tecnologia Toyota Safety Sense, ha dimostrato eccellenti caratteristiche nella sicurezza verso i pedoni, ottenendo le 5 stelle, cioè la valutazione massima.
    Queste tecnologie sono ormai abbastanza diffuse e offerte dalla maggior parte delle case. Hanno ovviamente un costo.

    La scelta d’includerli o meno nell’equipaggiamento base tiene chiaramente conto anche di considerazioni di carattere commerciale.
    Però si possono trovare quasi sempre, sia pure come optional. L’ultima scelta quindi spetta all’automobilista. Sarà lui a decidere quale componente del prezzo finale ha per lui la maggiore importanza. Tuttavia è utile considerare i potenziali costi, non solo economici, conseguenti ad un incidente (soprattutto il danno fisico alle persone, che può comportare anche gravi conseguenze penali, cioè la galera); allora, dovendo scegliere, forse è meglio rinunciare alla vernice metallizzata, ai sedili in pelle, ai colori alla moda o alla connessione internet; queste cose sono belle da vedere ma non aiutano per niente quando si tratta di evitare un incidente, o almeno diminuirne le conseguenze.

    450

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Crash testSistemi di sicurezza

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI