La guida sulla neve, prudenza, innanzitutto!

La guida sulla neve, prudenza, innanzitutto!
da in Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    La guida sulla neve tecnica e giudizio!

    Saper guidare non significa soltanto aver preso la patente, guidare bene è un’ operazione che richiede esperienza e conoscenza dei propri limiti e, soprattutto, del veicolo che si conduce. Ma, ancor di più, il vero guidatore o pilota che dir si voglia, lo si vede nelle condizioni difficili, quando cioè, è in grado, per lo meno, di arrestare la vettura, possibilmente non contro un palo e, ancor di più, quando riesce a portare sana e salva la pelle a casa e di quelli che sono con lui. Premesso questo, una delle condizioni più difficili, in assoluto, per chi guida un’ auto, è districarsi, senza particolari problemi, sulla neve.

    Prima cosa prevenire
    Non c’è nessun podio da occupare, nessuna medaglia da esibire in pubblico, perciò, se non ve la sentite di guidare sulla neve, restatevene a casa, o affidatevi ai mezzi pubblici. Meglio un giorno di lavoro perso che rischiare di perderne tanti di più per una degenza all’ ospedale, quando va bene. Morale, cercate di prevenire le condizioni ambientali, anticipando o posticipando un viaggio, sopratutto se siete consapevoli che nel vostro tragitto incontrerete percorsi innevati che non vi sentite di affrontare. Consultate le previsioni meteo, praticamente ce ne sono per tutti i gusti e sono costantemente aggiornate. Ma se, nonostante tutto, vi trovate a dover percorrere strade innevate e, per di più, non lo avevate messo in conto, gravissima imprudenza, qualche consiglio vi potrà risultare utile, almeno per uscire dalle condizioni di emergenza e sperare che tutto torni presto alla normalità.

    La dolcezza innanzitutto
    Una delle prime cose da tenere in considerazione, nella guida sulla neve, è che, qualunque macchina possediate, dimentichiate di sollecitare il motore, i freni e lo sterzo come quando vi trovate sull’ asfalto asciutto. Dimenticate anche le partenze brucianti e ringraziate il cielo se riuscite ancora a muovervi. Per cui, prima cosa da farsi, guardare come si comportano gli altri automobilisti, ovvero, prevenire gli sbagli altrui, ricordando che spesso sono più “ imbranati “ di voi e preoccupati, almeno, quanto voi. Non stategli addosso credendo di trovarvi al seguito di un pilota da rally, un loro errore, potrebbe essere fatale anche per voi. Tuttavia, cercate, nel possibile, di non isolarvi, cercando di mantenere un flusso, con gli altri veicoli, omogeneo nel rispetto massimo e questa è una regola essenziale, della distanza di sicurezza che va aumentata sensibilmente rispetto a quella che si è abituati a mantenere in condizioni normali di traffico. Una piccola considerazione che non guasta mai. Non siate egoisti, se c’è qualcuno in difficoltà, ancor di più in pericolo, aiutatelo, soprattutto se vedete che nell’ auto ci sono bambini o persone anziane, accostatevi e prodigatevi, per lo meno, nell’ allertare i soccorsi. Per quanto la riguarda la tecnica di guida vera e propria, l’ imperativo categorico da adottarsi è quello, nel possibile, di evitare lo slittamento eccessivo dell’ auto. In salita, non vi sognate di risparmiare carburante usando una marcia troppo alta o comunque la stessa che usereste procedendo con l’ asfalto asciutto. In questo caso, rischiereste di far slittare le ruote, rendendo ingovernabile l’ auto.

    La frenata senza ABS
    Ormai la maggior parte delle auto è dotata del dispositivo ABS che evita il bloccaggio delle ruote. Ma se non l’ avete, perché la vostra auto non ne è dotata, oppure perché al momento dell’ acquisto avete privileggiato il risparmio a tutto il resto, ricordatevelo, ma le soluzioni, senza farsi prendere dal panico per uscire da una situazione difficile, esistono lo stesso, d’ altro canto l’ auto esiste da più di un secolo e l’ ABS da un ventennio, prima di voi, altri automobilisti se la son cavata pur senza l’ utilissimo dispositivo.

    Prima regola da attuarsi: prevedere, davanti a voi, le condizioni di traffico. Ciò significa, evitate di essere costretti a frenate improvvise, il rischio è quello di non riuscire a scongiurare l’ eventuale impatto e, soprattutto, sfruttate il freno motore, ciò significa, nel possibile, privilegiare le marce basse.

    La frenata dovrà essere sempre dolce e progressiva, non affondate il piede sul freno se volete evitare di vedere pattinare la vostra auto come un pattinatore olimpionico! Se, nonostante ciò, le ruote si sono bloccate o stanno slittando, calma e sangue freddo, non insistete oltremodo sui freni, rischiereste di compromettere tutto rilasciate il pedale del freno, le ruote dovrebbero sbloccarsi, sentirete il freno motore agire nuovamente, a questo punto riprovate a frenare, ma leggermente, freni e motore dovrebbero salvarvi da questa situazione. Attenzione, uno dei rischi più gravi in queste condizioni è paralizzarsi schiacciando di più il pedale del freno, convinti che solo così si possa frenare l’ auto, è pericolosissimo, la vettura diventa ingovernabile e la “ frittata “ può essere in agguato.

    La Partenza
    Il momento della partenza sulla neve è una delle operazioni più difficili e non è detto che, con tutta la buona volontà di questo mondo, debba riuscire in ogni caso. La prima regola è evitare gli slittamenti, per farlo, è fondamentale che si acceleri in maniera progressiva senza strappi o accelerate a vuoto. Il rischio è quello di non potervi più muovere, in quanto le ruote si “ scavano “ letteralmente “ la fossa “ abbassando l’ auto sotto la neve. Se non riuscite subito, non insistete col comportamento che state adottando, evidentemente è quello sbagliato, utilizzate, invece, una marcia più alta, diminuendo la forza impressa dalle ruote sulla neve, dovreste spostarvi. C’è un accorgimento estremo che, a volte, riesce. Esso consiste, nel caso in cui l’ auto sia in un punto in cui la neve è più alta, nel togliere i tappetini dell’ auto e posizionarli davanti le ruote in modo che ci passino sopra, dovrebbe aiutarvi ad uscire dalla difficile situazione, soprattutto se davanti a voi la strada si presenta più percorribile.

    Le curve
    Sono un momento delicato della guida sulla neve, almeno quanto le frenate. Infatti, altro è restare fermi in mezzo alla neve, ben più grave muoversi e non riuscire a fermarsi rischiando di finire fuori strada. Le curve in discesa sono le più pericolose, pertanto, prima regola, diminuire la velocità, prevedere la fine di un rettilineo con larghissimo anticipo, Dio non voglia che vi troviate all’ ultimo momento, soprattutto se in discesa, a dover affrontare la curva senza aver, preventivamente rallentato la velocità dell’ auto. In curva, anche la forza esercitata sul volante dovrà essere dolce, mai scatti, per nessuna ragione, il prezzo da pagarsi sarebbe quello di vedere le ruote perdere aderenza ed uscire dalla traiettoria. Tuttavia, se ciò accade lo stesso, bisogna riportare l’ auto in condizioni di sicurezza, pertanto, se la vettura ha perso completamente l’ aderenza è giunto il momento per dimostrare quanto bravi siamo alla guida. Per prima cosa si dovrà ridurre la velocità del mezzo abbandonando l’ acceleratore e, se proprio non ne potete fare a meno, potrete leggermente toccare i freni, ma non in maniera decisa e brusca, evitando al massimo di bloccare le ruote. Le vetture con trazione anteriore slittano al retrotreno, il modo per riportare la situazione alla normalità, in questo caso, è accelerare un po’ in modo da riequilibrare l’ auto e non bisogna mai frenare, il rischio è quello di impuntare la vettura facendo ulteriormente aumentare il retrotreno.

    Un’ ultima raccomandazione, se ritenete che vi riesce impossibile continuare a procedere sulla neve, chiamate i soccorsi che giungeranno con veicoli attrezzati per queste emergenze, non avventuratevi quando sapete in partenza che fallireste l’ obiettivo. Meglio attendere qualche ora che rischiare l’ irreparabile!

    1291

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI