Migliori auto ibride in vendita, la classifica [FOTO]

Ecco un prospetto con le migliori auto ibride attualmente in vendita in Italia. Quale scegliete tra i modelli attualmente in commercio nel nostro paese? Ecco la nostra classifica.

da , il

    Vediamo insieme la classifica delle migliori auto ibride in vendita. La possibilità di godere del motore termico e della variante elettrica ha gradualmente conquistato diversi potenziali acquirenti. La mobilità ibrida risulta essere al momento un ottimo compromesso tra razionalizzazione dei costi e prestazioni. La presenza del propulsore elettrico consente sui bassi regimi di contenere il consumo del carburante e delle emissione. Di converso la variante termica assicura performance di prim’ordine sui medi e alti giri. Il mercato, al momento, prospetto ben 111 modelli ibridi. Molti di questi presentano dei costi di vendita proibitivi, mentre altri sono alla portata dell’acquirente medio. Vediamo di capire quali sono le migliori ibride attualmente a listino.

    Toyota Yaris Hybrid

    In Italia l’ibrido Toyota detiene la stragrande maggioranza delle quota di mercato. La Yaris Hybrid è la più venduta del segmento d’appartenenza. La variante 2014 monta un propulsore 1.5 VVT-i Hybrid a benzina da 100 CV (potenza complessiva del sistema) con cambio automatico ECVT (Euro 6, anche per neopatentati). Questo modello gode di una percorrenza di 30,30 chilometri per litro nel ciclo misto ed emissioni di CO2 di 75 g/km. Ottima la resa del mezzo, sebbene il cambio automatico non abbia ancora raggiunto livelli ottimali.

    Toyota Auris Hybrid

    Toyota Auris Hybrid

    Toyota Auris Hybrid è la seconda ibrida più venduta d’Italia dopo la Yaris. I dati di vendita la pongo al vertice del segmento C ibrido, visto che la concorrenza è ben lontana dai risultati ottenuti da Auris. Il propulsore termico benzina da 1.8 litri fa il paio con un motore elettrico da 60kW. La percorrenza, grazie all’uso congiunto dei propulsori, può raggiungere quota 21 km/l. La parola chiave di questo modello è indubbiamente “uniformità di guida”. Ciò consente concretamente di contenere i consumi ed ottimizzarli.

    Volkswagen Golf GTE

    Volkswagen Golf

    Volkswagen Golf è da decenni un’autentica leggenda del settore automotive. La versione ibrida ha mosso da poco i primi passi sul mercato, ed è chiaro che al momento sia improvvido parlarne in chiave di best-seller. Una cosa però è certa: la Golf ibrida ha tutte le carte in regola per imporsi anche in questo segmento inedito. La Golf GTE plug-in hybrid monta un motore turbo 1.4 litri a iniezione diretta sviluppa 150 CV mentre quello elettrico arriva a 102 CV. I due motori garantiscono una potenza complessiva di 204 cv e una coppia massima di 350 Nm. La GTE vanta una progressione da 0 a 100 in 7,6 secondi raggiungendo una velocità massima di 222 km/h. Con una guida uniforme nel ciclo combinato il consumo è di circa 1,6 litri di benzina ogni 100 km a fronte di emissioni di CO2 pari a 35g /km.

    Bmw i3

    La BMW i3 (è lunga 4 metri) è una monovolume elettrica spinta da un motore sincrono collocato fra le ruote posteriori, alle quali è affidata la trazione. Forte di 170 CV a disposizione, la BMW i3 completa lo “0 a 100” in appena 7,2 secondi e 150 km/h di velocità massima. Lo spazio complessivo all’interno del mezzo è sufficiente, ma l’accesso ai posti dietro non è così agevole dal momento che le porte posteriori, che si aprono contromarcia, non sono così ampie.