NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Reduce dai successi del benzina, ecco la Mini Diesel

Reduce dai successi del benzina, ecco la Mini Diesel
da in Bmw, Mini, Mini Cooper, Utilitarie
Ultimo aggiornamento:

    Ormai si ha quasi l’impressione che la Mini attuale non sia più d’ispirazione anni 60, tanto ci siamo abituati a questo modello, eppure il percorso della celebre utilitaria si appresta a tagliare il traguardo del mezzo secolo ed è così attuale da svegliare gli appetiti automobilistici di intere generazioni, passate e attuali e, probabilmente, anche future.

    Tanto è attuale e moderna la Mini, che troveremo in commercio, per la prima volta nella sua storia, anche una diesel che BMW, proprietaria del marchio, ha fortissimamente voluto e ciò è avvenuto al traguardo dei 200.000 esemplari che il solo stabilimento di Oxford ha sfornato l’anno scorso e che diventeranno 240/250 mila nel 2008.

    E che la Mini sia quanto mai ubiquitaria lo dimostra il fatto che si vende ovunque, oltre che in Inghilterra che si è sempre assunta la paternità di quest’auto, anche in Italia che si assesta a quota 20.000 vetture all’anno ma che crescerà, proprio con l’avvento del diesel.

    E parlando di Mini Diesel, non possiamo non ricordare la potenza di questo propulsore che si avvale di 95 cavalli per la One e 110 per la Cooper, entrambe caratterizzate dall’effervescenza dei propulsori, oltre che dall’estrema elasticità di marcia, grazie anche ad un cambio a 6 rapporti manuale o, a scelta automatico, con comandi al volante per quest’ultimo con prezzi quanto mai concorrenziali che partono da 17.600 fino a 20.700 al top degli allestimenti, per la One e 21.000, fino alla più sportiva, che costa 23.600, per la Cooper.

    267

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BmwMiniMini CooperUtilitarie
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI