Auto usate, la classifica dei SUV più venduti nel 2020

Auto usate, la classifica dei SUV più venduti nel 2020

Quello dei SUV è un mercato in costante ascesa: sono, infatti, sempre di più gli automobilisti italiani che scelgono uno Sport Utility Vehicle per girare all’interno delle proprie città. Un aumento esponenziale che ha effetti anche sulla vendita dell’usato tanto che, anche in questo campo, sono sempre di più i SUV acquistati. Ma quali sono i più scelti dagli automobilisti italiani?

Leggi anche: SUV economici, i migliori sul mercato

Fiat 500X è il SUV usato più venduto, sul podio anche Jeep Renegade e Nissan Qashqai

A stilare la classifica dei SUV usati più venduti nel 2020 ci ha pensato brumbrum, il primo rivenditore diretto di auto online d’Italia che avvalendosi dei dati raccolti dall’Osservatorio brumbrum, ha notato come, in cima alla classifica di vendite, ci sia un modello made in Italy. Si tratta, infatti, della Fiat 500X che precede la “sorella” Jeep Renagade. A completare il podio, invece, ecco Nissan Qashqai. Scorrendo la top ten, però, si incontrano altri modelli molto importanti come MINI Countryman al 4° posto, capace di precedere Jeep Compass, Volkswagen Tiguan e Renault Captur. A chiudere la top ten, invece, ci sono Range Rover Evoque, BMW X1 e Audi Q3.

Interessante, poi, anche il dato che riguarda la fascia di prezzo dei SUV più venduti. Quasi il 43% dei SUV acquistati online costano dai 20.000 ai 30.000 euro. È questa la fascia di prezzo più gettonata su internet, seguita da quella che va dai 10.000 ai 20.000 euro, scelta dal 30% degli italiani. Solo il 3% dei SUV sono stati comprati a meno di 10.000 euro, mentre quasi il 25% costano più di 30.000 euro. In fatto di motorizzazioni, invece, si conferma il diesel tanto che tre su quattro dei SUV acquistati vantano questo tipo di propulsione. Un dominio netto, per nulla intaccato dal benzina che si ferma al 18% mentre le altre alimentazioni raggiungono numeri irrisori con l’ibrido al 3%, il GPL al 2% e metano ed elettrico sotto all’1%.

Parole di Matteo Vana