Decreto Sostegni-bis: probabile nuovo fondo di 350 milioni per incentivi auto

I precedenti fondi sono andati esauriti ad aprile: dopo le lamentele delle associazioni di categoria, il Governo potrebbe inserire nel nuovo decreto importanti incentivi anche per i veicoli commerciali

Decreto Sostegni-bis: probabile nuovo fondo di 350 milioni per incentivi auto

Foto Shutterstock | di Kichigin

I 250 milioni stanziati con la legge di bilancio per il 2021 destinati agli incentivi per l’acquisto di nuove auto ibride a benzina o diesel (con emissioni tra i 61 e 135 g/km) sono stati esauriti lo scorso aprile. Per incentivare una ripresa del settore dell’auto, si sta valutando se inserire nel Decreto Sostegni-bis un emendamento che prevede, secondo Quattroruote, lo stanziamento di 350 milioni per un nuovo bonus auto.

Fino a poche settimane fa non era incluso un sostegno per l’acquisto di nuove automobili e questo aveva spinto le associazioni di categoria UNRAE, FEDERAUTO e ANFIA ha pubblicare un comunicato stampa congiunto in cui veniva criticata tale decisione. Ora però parrebbe esserci stata un’inversione di marcia.

Il decreto però è ancora molto lontano dall’essere in fase definitiva, infatti, è oggi alle 16 il termine ultimo per presentare gli emendamenti, mentre quello per le eventuali modifiche è ancora più in là, perciò è ancora tutto in forse. Le proposte dovranno essere presentate in commissione e poi votate. Il Decreto Sostegni-bis dovrà essere approvato in Parlamento entro il 25 luglio.

Decreto Sostegni-bis: incentivi anche per i veicoli commerciali

L’intenzione del Governo Draghi parrebbe comunque quella di sostenere ancora il settore auto e contemporaneamente incentivare la diffusione di veicoli meno inquinanti, facendo in modo che vengano rottamati quelli più vecchi e superati.

A conferma di questo, è probabile che nel nuovo decreto siano inclusi incentivi anche per i furgoni e i veicoli commerciali leggeri: si parla di circa 60 milioni di cui 10 indirizzati verso la mobilità elettrica anche in questo settore.

Altro aspetto che dovrebbe essere rivisto è la tassazione sulle auto aziendali, con un ampliamento delle fasce in base alle emissioni di CO2: passerebbe da 61-160 g/km a 61-190 quella tassata al 30%, da 161-190 a 191-230 quella al 50% e da 190 g/km e oltre a a 230 g/km quella al 60%.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.