Incentivi Ecobonus, esaurito un terzo dei fondi

Dei 250 milioni di incentivi ecobonus messi a disposizione dalle legge di bilancio, 170 sono già stati utilizzati

automobili

Foto Getty Images | Carl Court

Gli incentivi dell’ecobonus, per le auto a basse emissioni, hanno destato un grande interesse. A dirlo sono i numeri: in due settimane, da quando sono state avviate le prenotazione nei concessionari, i fondi messi a disposizione si sono esauriti di quasi un terzo. Questo, per quello che riguarda i veicoli diesel e benzina puliti.

Dei 250 milioni messi a disposizione dalle legge di bilancio, quindi, 170 sono già stati utilizzati. Questo ha portato le associazioni a chieder nuovi incentivi a favore del settore automobilistico. Un ramo che ha sofferto moltissimo gli effetti dalla pandemia da Coronavirus.

Per tutte le vetture di ultima generazione, ad alimentazione tradizionale, nella fascia tra i 61 e i 135 g/km, la richiesta è stata molto alta. L’incentivo, con durata di 6 mesi, prevede un importo pari a 1.500 euro. Questo può essere utilizzato solo con rottamazione e si possono aggiungere 2mila euro di sconti del rivenditore.

Incentivi, richieste minori per auto elettriche e ibride

Nonostante gli incentivi, le richieste sono state minori per i veicoli elettrici e ibridi. Infatti, per le auto di questo tipo, tra 0 e 60 g/km, sono stati richiesti poco meno di 8 milioni di euro. Per quanto riguarda invece le altre tipologie di auto elettriche e ibridi, dei 120 milioni stanziati i richiesti sono meno di 10.

Questo è quanto emerso dal portale Ecobonus, consultabile sul sito del ministero dello Sviluppo economico. Si legge infatti che, per le auto con emissioni tra 61 e 135 grammi di CO2 al km, gli incentivi richiesti sono pari a circa 75 milioni di euro.

Alla “bassa” richiesta di incentivi sulle auto ibride potrebbe essere correlata la mancanza capillare delle colonnine di ricarica e i costi più alti per questo tipo di vetture. Quindi, nonostante con gli incentivi, tra sconti dei concessionari, rottamazioni e bonus, si possa arrivare fino a 10mila euro in meno, le auto elettriche e ibridi sono comunque le “meno richieste”.

Inoltre, per le auto elettriche rimangono attivi anche gli incentivi del primo ecobonus, essendo rimasto un fondo residuo di più di 260 milioni di euro.

I fondi potrebbero esaurirsi prima del 30 giugno

Il forte interesse per l’ecobonus richiama immediatamente l’attenzione sull’esiguità degli stanziamenti previsti. È lecito prevedere che le risorse pubbliche disponibili per l’acquisto di auto con alimentazione tradizionale, di gran lunga più richieste, si esauriranno molto prima del 30 giugno. Si pone quindi il problema di stanziare nuovi fondi per proseguire la campagna di rottamazione anche nel secondo semestre 2021” ha detto Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.