mercedes c 300 h design profilo

Mercedes C300 Hybrid: prova su strada, scheda tecnica, prezzi e interni dell'ibrida di lusso [FOTO]

1 di 9

1 di 9


La Mercedes-Benz Classe C ibrida, oggetto di questa prova su strada, fornisce una risposta efficace ad alcune domande la cui importanza aumenta sempre di più col passare del tempo: come diminuire consumi ed emissioni senza rinunciare a prestazioni di alto livello? Come abbassare l’impatto ambientale dell’automobile evitando pesanti limitazioni nel suo utilizzo? Come unire tutto questo in un’auto di prestigio che sia anche un valido strumento di lavoro? Sappiamo tutti che la tradizionale alimentazione a benzina o gasolio ha un impatto pesante nell’inquinamento atmosferico; non ci sfugge nemmeno il particolare che fra qualche decennio le riserve petrolifere del pianeta si esauriranno e neanche il metano è infinito (senza dimenticare che è necessario per impieghi più critici come il riscaldamento degli edifici, la cucina e la generazione di energia elettrica nelle centrali di quei paesi, come il nostro, che hanno scioccamente rinunciato all’energia nucleare). Inoltre noi che amiamo l’automobile e non ci lasciamo incantare dalla demagogica propaganda ambientalista sappiamo che la cosiddetta propulsione ad emissioni zero, cioè vetture ad alimentazione totalmente elettrica tramite energia accumulata in batterie o convertita attraverso l’idrogeno, soffre ancora di grandi limitazioni tecniche che la rendono attualmente impossibile da usare su larga scala. Ci vorranno ancora molti anni di ricerche, soprattutto nella capacità delle batterie e nei relativi tempi di ricarica. Di conseguenza, l’unico modo ragionevole per incidere oggi sull’inquinamento legato all’autotrazione è l’automobile ibrida: uno o più motori elettrici usati accanto ad un tradizionale propulsore a benzina o diesel.

1 di 9

Pagina iniziale

1 di 9

Parole di Roberto Speranza

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.