Alfa Romeo: ritorno negli USA in ritardo di 10 anni

L'Alfa Romeo sta da tempo pianificando il proprio ritorno sul mercato degli Stati Uniti

da , il

    alfa romeo giulietta spot

    Alfa Romeo non tornerà negli Stati Uniti prima del 2013, almeno secondo quanto riporta Automotive News. Con questo ennesimo rinvio si arriverà a 10 anni esatti di ritardo rispetto all’atteso rientro del marchio italiano sul mercato degli USA. Il modello che dovrebbe riaprire le porte dell’America all’Alfa Romeo dovrebbe essere un crossover o un SUV compatto, seguito dalla nuova Alfa Romeo Giulia. In ogni caso, i vertici dell’azienda, in particolare l’amministratore delegato di Fiat-Chrysler Sergio Marchionne, continuano a dire che il rientro avverrà nel 2012.

    L’Alfa Romeo ha lasciato il mercato a stelle e strisce nel 1995. Non essendo propriamente una casa costruttrice giapponese in termini di affidabilità, il pubblico americano ha presto abbandonato le auto del Biscione creando intorno all’azienda milanese una nomea di scarsa affidabilità, di qualità sacrificata sull’altare dello stile e del design.

    Nel 2000 l’allora ad Paolo Cantarella annunciò che l’Alfa sarebbe rientrata in pompa magna negli USA già a partire dal 2003 come parte dell’alleanza di Fiat con General Motors, destinata a ben più miseri risultati. Il piano ha iniziato a subire ritardi da subito, già nel 2002, e da allora non è più stato confermato. Fino all’ultimo rinvio che porta il ritardo a 10 anni esatti.

    Nell’attesa, il Biscione ha fatto capolino in America con la supercar in edizione limitata Alfa Romeo 8C che ha venduto circa 100 unità. Un ritorno dell’Alfa Romeo nelle concessionarie Fiat-Chrysler sul territorio americano dovrà però ancora attendere.