Anticipazioni Alfa Romeo Giulia 2014: disegnata negli States?

Anticipazioni Alfa Romeo Giulia 2014: disegnata negli States?
  • Commenti (2)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Alfa Romeo Giulia 2014 render di Car Magazine

Non si spengono le voci e le anticipazioni sulla nuova Alfa Romeo Giulia 2014. Proprio in questi giorni si è tornati a parlare della nuova berlina sportiva del Biscione, dopo che avevamo visto i nuovi render proposti dai colleghi di Car Magazine (uno di questi è quello che potete vedere proprio qui sopra). Stando ai rumors che hanno alimentato nuovamente la discussione sulla nuova Alfa Giulia, il design sarebbe la principale causa di tutti questi continui ritardi. In un primo momento l’auto sarebbe dovuta arrivare nel 2012, poi è stata spostata al 2013 e successivamente si è parlato del 2014: tutto questo, salvo ulteriori ritardi, è dovuto al fatto che il managment del colosso torinese, ed in particolare Sergio Marchionne stesso, non sarebbe soddisfatto delle varie proposte di stile avanzate dal Centro Stile Fiat. Probabilmente perchè le aspettative di Marchionne sulla nuova berlina sportiva Alfa Romeo sono elevatissime: dev’essere un’auto che riesca a rielaborare in chiave moderna tutti i pregi della sua antenata di 50 anni fa.

Lo stile della nuova Alfa Romeo Giulia 2014 dev’essere sportivo, elegante e personale allo stesso tempo: un compito difficile che, a quanto pare, i designer italiani non sono in grado di soddisfare. In passato per auto così importanti il Gruppo Fiat si era rivolto a designer esterni, grandi nomi, come Giugiaro o Pininfarina ad esempio. Adesso, però, la soluzione sembra ben diversa: le voci di corridoio dicono che lo stile dell’auto sarà deciso negli Stati Uniti, anche perchè comunque nelle intenzioni di Marchionne la Giulia dev’essere un’auto globale, che deve piacere sia in Europa che in America allo stesso tempo. Insomma, una mezza delusione per gli appassionati alfisti, che probabilmente speravano in un’auto completamente made in Italy. Proseguendo sembra che anche la produzione della nuova berlina di segmento D Alfa Romeo avverrà negli States.

Le altre anticipazioni sulla nuova Alfa Romeo Giulia riguardano finalmente la meccanica: mentre da un lato in passato sembrava anche possibile che l’auto avrebbe adottato una piattaforma di origine Chrysler a trazione posteriore, ora pare che sia confermato quasi al 100% che la berlina avrà sotto alla carrozzeria il pianale C-Wide a trazione anteriore o integrale. Logicamente verranno apportate profonde modifiche per renderlo degno di un’Alfa di questo calibro: si parla già di modifiche alle misure, ma anche al comparto sospensivo, dove ci potrebbero essere soluzioni più raffinate rispetto a quelle odierne (che prevedono un MacPherson evoluto all’anteriore ed una sorta di Multilink al posteriore). Dal punto di vista del motori ci sarà sicuramente il 1.750 cc sovralimentato a benzina, proposto forse negli step di potenza da 200, 250 e 300 cavalli. Le versioni più sportive potrebbero essere dotate di una motorizzazione Chrysler Pentastar, appositamente rivista, a sei cilindri a V, con cilindrata di 3.2 o 3.6 litri. I diesel saranno sempre i soliti 2.0 JTDm e 3.0 turbodiesel di origine VM Motori, con forse anche il 1.6 JTDm a rappresentare la versione entry level. Sembra che lo sviluppo del reparto motori avvenga congiuntamente con la Maserati.

562

Vedi anche:

Peugeot Exalt al Salone di Pechino

Guarda il video della nuova Peugeot Exalt, la nuova elegante coupé che verrà svelata per la prima volta dal vivo al prossimo salone dell'auto di Pechino. Siamo di fronte ad un bellissimo concept, che riprende in diversi dettagli quello famoso della casa del Leone di nome Onyx di qualche tempo fa.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 02/08/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Gabry 2 agosto 2012 14:30

no, il pentastar no!

Rispondi Segnala abuso
Jimmymigliore 9 agosto 2012 18:59

Sicuramente con queste premesse tutte americane il caro marchionne se le comprera’ tutte lui le giulia …che interesse potrebbero avere gli italiani a comprare questi carrozzoni americani ..come e’ stato fatto per la freemont…brutti orrendi e che neanche gli americani vogliono piu’

Rispondi Segnala abuso
Seguici