Assicurazione auto, un nuovo salasso per i cittadini?

Assicurazione auto, un nuovo salasso per i cittadini?

L'Europa leggifera, ma circa dieci milioni di italiani potrebbero trovarsi fra qualche giorno a piedi!

da in Assicurazione auto, Auto nuove
Ultimo aggiornamento:

    Assicurazione

    Fino adesso, una polizza assicurativa, non la si negava a nessuno, comunque si guidasse, a qualunque ceto sociale si appartenesse, qualsivoglia auto si possedesse, ma domani?

    Secondo la Commissione Europea, quest’obbligo delle Compagnie di concedere la copertura per la Responsabilità Civile sulle vetture, obbligatoriamente, deve cessare e molto presto, addirittura entro e non oltre il 19 giugno prossimo, pena il deferimento dell’Italia alla Commissione di giustizia europea.

    Risultato? Pietiremo dinnanzi alle Compagnie il contratto RCA disposti a pagarlo a cifre astronomiche, pur di averlo, oppure, apriremo le danze di una vera e propria bolla speculativa che alla fine penalizzerà e scontenterà tutti? Intanto insorge l’Adiconsum, la quale paventa per almeno dieci milioni di italiani, il rischio di rimanere a piedi, soprattutto se residenti in regioni, da un punto di vista assicurativo, ritenute a rischio, Puglia, Campania, Calabria etc. e davanti a questo scenario angosciante che soluzione si dovrà tentare?

    L’ANIA, l’associazione che raggruppa le principali Compagnie di assicurazione, una soluzione l’avrebbe trovata, ovvero, chiedere l’intervento del governo per coprire quelle fasce di popolazione che, per la particolarità dei modelli posseduti, dell’utilizzo che fanno dell’auto o comunque ricadenti nelle fasce a rischio, possano ottenere l’ambito contrassegno ugualmente, a prezzi fuori da ogni controllo e, pertanto più alti.

    Un nuovo modo per continuare imperterrito l’arricchimento delle Compagnie di Assicurazione?

    284

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Assicurazione autoAuto nuove
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI