Audi A1: per l’azienda il prezzo è giusto

Nonostante le vendite della Audi A1 stiano procedendo a ritmi leggermente più bassi del previsto, la casa costruttrice si dichiara fiduciosa e difende la politica di prezzi applicata sulla sua nuova berlina compatta

da , il

    audi a1 prezzi

    Non è il prezzo il problema che sta rallentando le vendite della Audi A1. Lo sostiene la casa costruttrice tedesca, aggiungendo che il costo della sua nuova berlina compatta è assolutamente adeguato. Nonostante le grandi aspettative la vettura ha attirato un numero relativamente limitato di compratori e sembra difficile che Audi riesca a raggiungere l’obiettivo di 30.000 unità vendute entro l’anno, anche se l’azienda si dichiara fiduciosa. Le aspettative di inizio anno erano comunque superiori: si parlava infatti di oltre 50.000 vetture immatricolate per la fine del 2010.

    «La Audi A1 sta avendo un notevole successo – ha dichiarato un portavoce della casa costruttrice intervistato da Automobilwoche – Sta rispettando le aspettative al momento del lancio di assemblare 50.000 auto e di consegnarne 30.000. La A1 è una vettura premium per la mobilità urbana ed è dedicata ad un target piuttosto vasto».

    La Audi si dichiara dunque convinta della correttezza della politica di prezzi applicata alla Audi A1, nonostante le vendite procedano a un ritmo più basso, o comunque non superiore, rispetto al previsto. La compatta dei quattro anelli è disponibile in Italia a partire da 16.951 Euro.

    Al lancio l’auto era disponibile con quattro motorizzazioni, due a benzina e due diesel, tutte turbo a iniezione diretta. L’entry level è l’1.2 TFSi da 86 cv e 160 Nm di coppia, seguito dall’1.4 TFSi da 122 cv e 200 Nm; i diesel sono l’1.6 TDi da 105 cv e 250 Nm di coppia e l’altro 1.6 TDi da 90 cv e 230 Nm di coppia. L’azienda ha stimato i consumi medi tra i 3,8 e i 5,4 litri per 100 km.