Audi cerca nuovi lavoratori

Nonostante la crisi Audi è alla ricerca da 1200 nuovi lavoratori esperti in nuove tecnologie per consentire al Gruppo di continuare l'ascesa nel mercato

da , il

    audi 2011

    Nonostante la crisi del mercato auto, Audi per il 2011 sta cercando circa 1.200 nuovi lavoratori. La casa automobilistica tedesca per migliorarsi e continuare a fare bene cerca specialisti nei campi legati alle tecnologie . Thomas Sigi, responsabile per le risorse umane alla Audi AG spiega che l’innovazione si basa sulle persone, 1.200 esperti troveranno impiego nel settore dell’elettromobilità e della costruzione leggera, andando ad aumentare la competenza. Nel 2010 sono già stati 500 gli esperti assunti dalla Audi a Ingolstadt e Neckarsulm, a cui si aggiungono 780 apprendisti.

    La notizia più importante è che entro il 2015 Audi investirà 11,6 miliardi di euro e sarà il più grande investimento nella storia dell’azienda. Tutto questo per gettare le basi per una crescita sostenibile e profittevole, mirata all’obiettivo della leadership nel segmento premium, quello delle auto di lusso. L’80% dell’investimento sarà destinato allo sviluppo di nuovi modelli e tecnologie che saranno i sistemi di trazioni elettrici e ibridi. In particolare, la R8 e-tron, prima sportiva elettrica che arriverà a fine 2012.

    Nel 2011 sarà presentata la Audi Q3, la prima Suv compatta della Casa tedesca e inoltre tra il 2011 e il 2015, saranno investiti cinque miliardi di euro nell’ampliamento dei siti produttivi di Ingolstadt e Neckarsulm, dopo aver considerato le prospettive di crescita. Un importante passo in avanti ulteriore dopo quello del 2009 quando Audi stanziava 7,3 miliardi di euro per i successivi tre anni, dovuto anche all’aumento del 15% delle immatricolazioni: record di oltre un milione di unità vendute nel 2010. Nel 2011, Audi dovrebbe lanciare, fra l’altro, la A6, la A7 Sportback, la Q5 Hybrid e la Q3. Che daranno il loro contributo affinché il Gruppo Volkswagen riesca a diventare il numero uno al mondo nel 2015.