Aumento delle immatricolazioni: timida ripresa o fuoco di paglia?

Aumento delle immatricolazioni: timida ripresa o fuoco di paglia?

Dopo un anno di passione, arrivano i primi segnali positivi dai mercati automobilistici

da in Mercato Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Crisi del mercato automobilistico

    Un’altalena di buone e cattive notizie. Dopo un anno di passione, arrivano i primi segnali positivi dai mercati automobilistici. Ma non bisogna illudersi: l’industria dell’auto è ancora lontana dall’uscita definitiva dalla crisi.

    Dopo i primi segnali di ripresa del mercato italiano, vediamo altre due “buone notizie”.
    La prima arriva da Oltralpe e riguarda il mercato dell’auto francese. L’associazione dei costruttori francesi di auto (CCFA) ha comunicato che, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le immatricolazioni di auto in Francia sono aumentate del 7% nel mese di agosto, raggiungendo quota 110.607 unità.
    Bene soprattutto i marchi francesi che registrano un incremento delle vendite pari all’11,5%. Male invece il gruppo Fiat, che ha visto calare le vendite del 18,5%, raggiungendo una quota di mercato del 4%.

    Segnali positivi anche dagli USA. Un mercato importante la cui ripresa è cruciale per l’intero settore.

    Secondo il Dipartimento dei Trasporti, il piano di incentivi alla rottamazione ha spinto in meno di un mese le vendite di auto, fino a toccare le 700.000 unità.

    Un ottimo risultato che supera la già ottimistica aspettativa del governo americano, che si attendeva un aumento di “appena” 250.000 unità in tre mesi.

    Gli effetti a lungo termine non sono però ancora chiari. Secondo le stime di alcuni analisti il piano spingerà il PIL americano di 0,5 punti percentuali nel terzo trimestre, mentre per la JPMorgan le vendite di auto subiranno una forte battuta d’arresto già da settembre, appena sarà passato l’effetto degli incentivi.

    Le cattive notizie? Nonostante gli aumenti delle immatricolazioni, l’industria dell’auto resta in grave difficoltà a causa del forte indebitamento e da un notevole eccesso di capacità produttiva.A fronte di questi elementi, la società di consulenza Alix Partners ha pubblicato un rapporto sul settore: ebbene la ripresa del mercato automobilistico (cioè un ritorno ai livelli pre-crisi del 2007) non avverrà prima del 2014… E questo solo nel caso di una ripresa generale dell’economia!

    372

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mercato AutoMondo auto

    Salone di Ginevra 2017

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI