Motor Show Bologna 2016

Auto a guida autonoma, PSA: prime funzioni nel 2018

Auto a guida autonoma, PSA: prime funzioni nel 2018

Una Citroen C4 Picasso ha guidato da sola per 580 km da Parigi a Bordeaux

da in Auto 2015, Citroen, Curiosità Auto, Peugeot
    Auto a guida autonoma, PSA: prime funzioni nel 2018

    Sarà il 2018 l’anno in cui vedremo un’auto a guida autonoma con un marchio del gruppo PSA sul cofano. Non da intendere come l’auto che guida da sola nell’accezione più completa, quanto come funzioni che si integrano sul veicolo e permetteranno determinate manovre senza l’intervento del guidatore. L’annuncio era trapelato già nei mesi scorsi, quando si guardava alla futura generazione di Peugeot 508 come l’auto che avrebbe portato su strada la guida autonoma per PSA. Target confermato in occasione dell’Intelligent Transport Systems World Congress, tenutosi a Bordeaux, dove una Citroen C4 Picasso a guida completamente autonoma si è recata, percorrendo i 580 km che separano Parigi dalla cittadina nel sud della Francia.

    Fa parte della flotta di prototipi (4) autorizzati a circolare su strade pubbliche per affinare la tecnologia, autorizzazione ricevuta nel mese di luglio, che fa del gruppo PSA il primo ad aver ottenuto tale permesso. Si estenderà ulteriormente l’impiego di prototipi nel 2015, triplicando i modelli oggi a disposizione.
    Come spiegato dal gruppo PSA, attualmente ci troviamo in una fase 2 dell’automazione alla guida, essendo previsto l’intervento dell’elettronica per controllare i movimenti laterali e longitudinali dell’auto, pensiamo, ad esempio, al cambio di corsia e l’adeguamento della velocità dalle auto che precedono, per una marcia in colonna senza intervento del guidatore.

    Lo step successivo sarà quello di un’auto capace di guidare da sola in certi frangenti, sempre con il guidatore al suo posto e pronto a riprendere il comando se necessario. Da notare: perché si materializzi tale scenario e diventi realtà, serve un intervento legislativo, norme che autorizzino le auto a muoversi da sole, seppur con il guidatore presente.

    Il prototipo di PSA che ha guidato da Parigi a Bruxelles ha interagito con le altre auto e l’infrastruttura, grazie ai protocolli Car-to-car e Car-to-infrastructure, necessari per interpretare l’ambiente circostante e scambiare informazioni sulla base delle quali effettuare gli interventi relativi sul veicolo. Radar, telecamere, unità di controllo, sono i dispositivi che ormai abbiamo imparato a conoscere, tipici delle auto che vogliono fare tutto da sé.
    Quando un tale scenario diverrà realtà è prematuro dirlo, certo i passi da compiere sono ancora tanti.

    430

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2015CitroenCuriosità AutoPeugeot

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI