NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Auto elettriche all’Ara Pacis, le immagini

Auto elettriche all’Ara Pacis, le immagini

La Dany, piccola utilitaria in mostra all'Ara Pacis di Roma gratuitamente ha scatenato numerose polemiche nella Capitale

da in Auto Elettriche, City car, Curiosità Auto, Mondo auto, Salone auto
Ultimo aggiornamento:

    L’esposizione gratuita di due modelli di una stessa utilitaria dentro l’Ara Pacis a Roma non è andata giù a molti e ha scatenato numerose polemiche. La vettura in questione è la Dany, una piccola automobile che in quel contesto non è piaciuta, ed è stata definita una volgarità commessa contro la cultura e l’arte italiana. Quel che non è ancora chiaro è il perché non abbiano chiesto dei soldi per questa esposizione, in una location così prestigiosa, a Stefano Maccagnani, patron della Dany, che non sa spiegare perché abbiano concesso a lui quello che hanno negato ad altre case automobilistiche come Maserati.

    È vero, mi hanno fatto un favore, forse per premiare un prodotto tutto italiano, che sarà costruito interamente a Roma” e respinge le accuse di raccomandazione che gli vengono mosse, essendo stato in affari con Silvio Berlusconi. Almeno con il pagamento degli spazi non sarebbe stato accusato così aspramente, anche perché sfruttare i monumenti, sempre nel rispetto delle regole, per fini commerciali, guadagnando qualcosa, potrebbe dare respito a qualche amministrazione comunale sommersa dai debiti. Non è la prima volta nella Capitale che un’automobile si mostra in un luogo storico o esclusivo. Il Comune di Roma sostiene di aver voluto l’esposizione pubblicitaria gratuita della versione elettrica e della versione a benzina della Dany per amore della cultura, ma non hanno ottenuto nessun vantaggio, anzi hanno peggiorato la situazione, sia per la vettura che per l’immagine dell’Ara Pacis, abituata ormai da anni a subire ogni genere di torto.

    Questa iniziativa è stata approvata della Sovraintendenza di Roma e dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, forse un favore.

    Un errore da parte del sindaco di Roma Gianni Alemanno, più chiaro in occasione di altre iniziative promozionali, che ha provveduto a far rimuovere le vetture in seguito alle polemiche, tramite l’Assessore alla Cultura del Comune di Roma Umberto Coppi, anche se il programma prevedeva qualche giorno in più di esposizione. Sabato mattina alle nove, alla riapertura del museo, le city car erano sparite e con esse tutte le brochure informative sulla nuova Dany prodotta dalla Belumbury di Stefano Maccagnani. L’opposizione attacca, vuol sapere “Chi ha consentito questo spregio delle ricchezze culturali di Roma e quali siano i criteri adottati dal centrodestra per l’utilizzo dei monumenti: probabilmente nessuno, considerata la disinvoltura con cui uno dei simboli della città è stato tramutato in un parcheggio promozionale per qualche amico imprenditore“. Vana la difesa del Soprintendente: “La disponibilità dell’Ara Pacis è stata concessa a fronte di un contributo di 80.000 euro che andranno a finanziare i restauri“.

    505

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto ElettricheCity carCuriosità AutoMondo autoSalone auto
    PIÙ POPOLARI