Autostrada Salerno-Reggio Calabria: un disastro!

da , il

    La Salerno Reggio Calabria, un vero incubo

    Che disastro la Salerno- Reggio Calabria e non soltanto per la presenza di continui cantieri, ma anche per tratti lunghissimi in cui parlare di autostrada sembra persino comico, se si pensa che i tratti dove è possibile superare gli 80 km/h sono quasi un miraggio, visto che, su 443 chilometri complessivi di strada, in ben 294 non è possibile superare questo limite, per non contare le erbacce che risiedono, ormai permanentemente, sui margini della carreggiata, arricchiti da spazzatura, qua e là e aree di servizio con bagni ridotti a ruderi.

    Lo ha verificato la nota rivista Quattroruote il cui inviato segnala anche che, “ soprattutto a lasciare perplessi sono i limiti di velocità, che in molti casi appaiono privi di senso. E in altri risulta addirittura pericoloso rispettarli. Fra Salerno e Reggio Calabria cambiano, in direzione sud, 126 volte nel raggio di 443 km. Per la presenza di cantieri, certo, ma a volte anche senza apparente motivo. “Quattroruote” ha provato a rispettarli in modo scrupoloso: per percorrere l’intera autostrada ci sono volute sei ore e cinque minuti, con una velocità media di circa 72 km/ora. Un dato che potrebbe sembrare non del tutto negativo, ma bisogna tenere conto che le condizioni di traffico sono state, nella circostanza, ottimali (nessuna coda, nessun rallentamento)”.

    Insomma, chi percorre la Salerno Reggio Calabria si trova davanti soltanto 61 chilometri dove poter viaggiare al limite dei 130 chilometri orari, per il resto, 6 chilometri sono col limite dei 110, 71 col limite dei 100 e 11 col limite dei 90, fatte le somme, si giunge al desolante risultato che, ben 294 chilometri hanno limite al di sotto degli 80 km/h .

    Fra le situazioni più paradossali c’è il tratto dopo Eboli, con tre corsie per senso di marcia (più corsia di emergenza): nonostante la strada appaia in perfette condizioni, bisogna percorrerne almeno 5 Km sotto gli 80 all’ora. Ancora peggio, denuncia Quattroruote, il pezzo finale ( a due corsie), dopo Bagnara, con un limite di velocità di 40Km/h per quasi 10 chilometri. Chi lo rispetta rischia di essere travolto da camion e tir che procedono a velocità doppia.