Cadillac STS-V, una americanata?

da , il

    Cadillac STS-V, una americanata?

    Come accade ad un promettente musicista, la Cadillac si è cimentata in una prova di virtuosismo, presentando un’ auto, già sulle strade statunitensi da qualche mese e prodotta negli stabilimenti di Lansing Grand River. Parliamo del modello di punta della Casa americana, la STS-V.

    Immaginare lo sforzo ciclopico, da parte dei progettisti di quest’ auto non è sbagliato, in linea di principio, se solo si pensi al propulsore tanto esagerato che i tecnici Cadillac son riusciti a “ comprimere “ nel non larghissimo spazio a disposizione offerto dal vano motore. Eppure, in tale volume, sono riusciti ad allocare un propulsore da ben 4.4 litri ,comprensivo di compressore volumetrico con intercooler a otto cilindri denominato Northstar SC supercharged, con ben 440 cavalli di potenza e capace di un’ accelerazione da 0 a 100 Km/h in soli 5 secondi, per una trazione posteriore molto aggressiva.

    A chi e a cosa sarà destinata questa primizia americana non è facile intuirlo, perché in effetti gode di prestazioni e di accorgimenti più da auto da competizione che da strada. Ma se questa fosse la scelta americana ci sembrerebbe per lo meno bizzarra, non foss’ altro per le caratteristiche generali di questa ammiraglia che danno più l’ impressione di un’ auto nata per impieghi autostradali che da autodromo. Come mai, allora, la STS-V è equipaggiata con una trasmissione automatica, Hydra-matic 6L-80 a sei marce? Perche mai monta due frizioni a controllo delle variazioni dei rapporti ad impulso, del tipo riscontrabile in vetture di Formula Uno?

    Misteri americani. Per quanto riguarda il corpo vettura, a parte qualche eccesso esteriore nella carrozzeria, a metà strada fra un’ ammiraglia compatta e una mancata limousine, gli interni sono gradevoli, interamente in pelle, dalla selleria ai rivestimenti con grande cura dei particolari e nel montaggio degli stessi. A questo punto, l’ ultima parola spetterà al mercato, sentito il quale, potremo esprimere un giudizio personale sulla filosofia attuata dalla Cadillac con la STS-V e ritenere valida o meno la proposta per questa ammiraglia.