Salone di Parigi 2016

Car sharing, DriveNow di Bmw potrebbe arrivare a Roma e Milano

Car sharing, DriveNow di Bmw potrebbe arrivare a Roma e Milano
da in Bmw, Car Sharing
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18/03/2015 17:56

    Bmw vuole una fetta di mercato italiano del car sharing, e con DriveNow punta a entrare in due realtà chiave: Roma e Milano. Nulla di deciso, ancora, perché siamo allo studio di fattibilità ancora, come emerso nel corso della comunicazione dei risultati finanziari 2014 a Monaco di Baviera, ma l’intenzione di aggredire il settore c’è, d’altronde il piano di espansione di DriveNow prevede per il 2015 l’arrivo in 15 nuove città europee e 10 negli Stati Uniti. <

    Come funzionerà?

    | LEGGI ANCHE: IL CAR SHARING ENJOY | IL CAR SHARING CAR2GO |

    In particolare, le valutazioni da condurre su Roma e Milano sono legate essenzialmente alla disponibilità di parcheggi liberi nei quali lasciare l’auto dopo il noleggio e alla possibilità di ritiro e consegna dei veicoli negli aeroporti. Non sarebbe un car sharing “classico”, aggressivo sulla politica dei prezzi, piuttosto si configurerebbe come un servizio premium: nei modelli offerti così come nelle possibilità che ruotano intorno. D’altronde, con una gamma che altrove si compone di Bmw Serie 1, Mini, Bmw i3 e Bmw X1, il car sharing della casa tedesca appare come qualcosa di diverso dal solito pick&drive cittadino, dove la fanno da padrone citycar ultracompatte. Si aprirebbero nuove opportunità per una clientela a sua volta diversa, disponibile a spendere qualcosa in più nel canone di noleggio a fronte di servizi anch’essi premium.

    Fabiano Polimeni

    274

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI