NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Carburanti: introduciamo l’accisa mobile, altrimenti son guai!

Carburanti: introduciamo l’accisa mobile, altrimenti son guai!

O si regolarizza il meccanismo di calcolo dell'accisa sui carburanti o pagheremo sempre di più a causa dell'Iva su benzina e gasolio

    Carburanti

    Una volta c’erano le “sette sorelle”, ovvero, le sette compagnie petrolifere che di fatto hanno in parte decretato le sorti dell’Italia ma oggi le “sorelle” potrebbero essere diventate anche otto, l’ottava, infatti, potrebbe essere il fisco che, alla stregua di una compagnia petrolifera, nuota all’interno di un sistema che gli assicura guadagni stratosferici, per certi versi persino vergognosi!

    Per giungere a tanto ci vuole molto poso, un aumento del greggio e se consideriamo quante volte all’interno di una settimana il petrolio varia in su il costo del barile ci si rende conto dei motivi che fanno si che lo Stato incameri sempre più soldi; di questo fatto sono convinti sia Adusbef che Federconsumatori che precisano in una nota che, ”se non si interviene non solo si potranno calcolare gli extragettito che hanno implementato le casse dello stato e che negli ultimi due anni e’ stato di oltre i due miliardi, ma questo carico fiscale che si e’ determinato comportera’ ogni anno un ulteriore aumento di circa 2124 milioni di euro”.

    Secondo le due Associazioni dei consumatori, tenendo a riferimento il mese di giungo di quest’anno con quello dello scorso anno, l’erario ha aumentato il suo carico fiscale di ulteriori 3 centesimi in più riguardo al costo della benzina e 5 rispetto al gasolio.. ”Cio’ comporta -spiegano- che oltre a quanto gia’ incassato nel passato, nel futuro ogni anno ci saranno una maggiore entrata di 624 milioni di euro per la benzina e di ben 1500 milioni di euro per il gasolio”. ”Si tratta allora -concludono- non solo di restituire agli utenti almeno 4 centesimi sui costi carburanti ma definire una volta per tutte la cosiddetta ”accisa mobile” e cioe’ uno strumento che contrasti automaticamente l’aumento dell’ Iva quando il prezzo del petrolio si impenna, evitando cosi’ che gli utenti sopportino aumenti clamorosi del prezzo del carburante pagando di piu’ non solo chi produce ma anche chi incamera per le tasse”.

    369

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriMondo autoPrezzo benzina
    PIÙ POPOLARI