NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Carburanti: regolarizziamo le oscillazioni dei prezzi ogni settimana

Carburanti: regolarizziamo le oscillazioni dei prezzi ogni settimana

“L’unica soluzione per tenere a bada lo strapotere dei petrolieri e salvare il portafogli delle famiglie è tornare ai prezzi amministrati nel settore dei carburanti - conclude Rienzi - con lo Stato che fissa il prezzo massimo di benzina e gasolio e l’obbligo di autorizzazione per qualsiasi variazione al rialzo dei listini”

da in Associazioni Consumatori, Mondo auto, Prezzo benzina
Ultimo aggiornamento:

    carburanti

    Scende in campo il Governo per regolarizzare in qualche modo l’oscillazione dei prezzi dei carburanti alla pompa e lo fa con una dichiarazione del Sottosegretario allo Sviluppo Economico, Stefano Saglia che pensa ad un aggiornamento dei prezzi non più con una frequenza giornaliera, semmai settimanale.

    Secondo l’esponente del Governo, poter sapere che se aumenti ci dovranno essere questi saranno regolarizzati ogni settimana anzicchè giornalmente, potrebbe mettere in condizione i consumatori di godere di una maggiore contezza su ciò che accade nell’ambito dei carburanti. Infatti, il Sottosegretario Saglia ha assicurato che il fenomeno viene monitorato quotidianamente ed ha detto di aver “chiesto all’Unione petrolifera di venire in audizione di fronte al Consiglio nazionale dei consumatori per un confronto diretto”. Così i consumatori potranno chiedere direttamente all’Up quali sono gli andamenti dei prezzi”.

    Tuonano invece le Associazioni dei Consumatori, a partire dal Codacons che si scaglia contro la proposta del Sottosegretario Saglia asserendo seccamente che, “Aggiornare settimanalmente i listini dei carburanti produrrebbe un danno per i consumatori e un vantaggio immenso per le compagnie petrolifere. Il prezzo settimanale, infatti, da un lato impedirebbe ribassi veloci dei carburanti in caso di cali nelle quotazioni del petrolio – spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – e dall’altro consentirebbe alle compagnie una libertà eccessiva nell’aggiornamento settimanale dei listini, che siamo certi verrebbero fissati sempre al rialzo rispetto all’andamento del petrolio.

    Chi ci assicura inoltre che il singolo distributore si attenga al prezzo settimanale senza modificare di giorno in giorno i listini?”.

    “L’unica soluzione per tenere a bada lo strapotere dei petrolieri e salvare il portafogli delle famiglie è tornare ai prezzi amministrati nel settore dei carburanti – conclude Rienzi – con lo Stato che fissa il prezzo massimo di benzina e gasolio e l’obbligo di autorizzazione per qualsiasi variazione al rialzo dei listini”

    356

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriMondo autoPrezzo benzina
    PIÙ POPOLARI