Motor Show Bologna 2016

Citroen SpaceTourer: dimensioni. Al salone di Ginevra 2016, Hyphen concept [FOTO]

Citroen SpaceTourer: dimensioni. Al salone di Ginevra 2016, Hyphen concept [FOTO]
da in Auto 2016, Auto nuove, Citroen, Multispazio, Salone auto, Salone di Ginevra 2016
Ultimo aggiornamento: Martedì 15/03/2016 18:12

    Citroen SpaceTourer Salone di Ginevra 2016

    Svelato al Salone di Ginevra 2016 il nuovo Citroen SpaceTourer. Ci sarà uno Citroen SpaceTourer per tutte le esigenze. Il multispazio assicura ben tre diverse dimensioni nel passo, due nello sbalzo posteriore, abbinamenti che portano ad avere tre “taglie”, tutte con una capacità di carico elevatissima, da gestire all’interno con una configurazione dei sedili che spazia dai 5 fino ai 9 posti. E’ mezzo personalizzabile a piacimento, nato sul pianale EMP2 evoluto, perché se l’anteriore è quello che ritroviamo su Citroen C4 Picasso e Grand Picasso, con disposizione del motore, del cambio e dei componenti elettrici, la porzione centrale e terminale è stata evoluta per consentire un carico fino a 1.400 kg, nonché molteplici soluzioni di passo e dimensioni.

    Resta fissa la quota in altezza, 1 metro e 90 centimetri, mentre ragionando della lunghezza, Citroen SpaceTourer XS misura 4 metri e 60 centimetri, con il passo corto da 2 metri e 92 e una capacità di carico di 1.978 litri in versione cinque posti, con le sedute della seconda fila avanzate. SpaceTourer M adotta il passo lungo, da 3 metri e 27 centimetri e lo stesso sbalzo corto della taglia XS, a 80 centimetri: complessivamente raggiunge i 4 metri e 95 centimetri, con una capacità di carico di 2.381 litri nella stessa configurazione 5 posti avanzati già vista. Le dimensioni maggiori le stacca Citroen SpaceTourer XL, con passo lungo e sbalzo posteriore lungo, da 115 centimetri: in 5 metri e 30 centimetri ci sono 2.932 litri di volume di carico a bordo. Quattro gli allestimenti, Feel e Shine sono disponibili con tutte le tre varianti di lunghezza, in versione 5, 7 o 8 posti; Business è dedicata ai professionisti, a chi cerca una navetta capiente ed ecco i 9 posti alternativi alla configurazione a 5, sempre con 3 lunghezze tra cui scegliere. Business Lounge è, invece, l’allestimento dedicato a chi vuole un ufficio viaggiante, un salottino con 6 o 7 posti, sedute in pelle e dimensioni M o XL tra cui optare.

    A bordo si ritrovano le soluzioni tecnologiche dei modelli Citroen più “tradizionali”. Quattro possibili rivestimenti per i sedili, due tessuti, un TEP e un rivestimento in pelle; con il padiglione comfort, poi, i sedili posteriori hanno a disposizione bocchette d’aerazione dedicate, insieme a luci di lettura. Si è lavorato a fondo per garantire una qualità della vita a bordo elevata, in quest’ottica vanno lette le soluzioni dei vetri stratificati e un’insonorizzazione attenta all’interno del passo. L’infotainment ruota intorno allo schermo 7 pollici, compatibile con Apple Car Play e Mirror Link, al quale affiancare i sistemi di head up display e il navigatore 3D Citroen Connect Nav, con servizi live. Quanto alla sicurezza attiva, è presente l’allerta sul rischio di collisione, con frenata automatica, il Coffee Break Alert che suggerisce una sosta ogni 2 ore di guida ininterrotta, il sistema di lettura della segnaletica stradale, quello che rileva gli angoli morti, il superamento di corsia in volontario, poi cruise control adattivo, conversione anabbaglianti/abbaglianti automatica. Al Salone di Ginevra 2016, accanto a Citroen SpaceTourer ci sarà la show-car Hyphen, caratterizzata da colorazioni vivaci sia fuori che dentro l’abitacolo. Un look a metà strada tra MPV e suv, creato in collaborazione con il gruppo pop degli Hyphen Hyphen e proposto nella versione integrale, curata da Automobile Dangel.

    Tornando alla tecnica, l’MPV Citroen propone la soluzione degli ammortizzatori variabili a seconda del carico, sistema passivo che si combina anche con la possibilità di avere la trazione integrale, per uno SpaceTourer a proprio agio anche su fondi a bassa aderenza. La trasformazione in integrale è curata da Automobiles Dangel. I motori sotto al cofano sono, ovviamente, tutti turbodiesel BlueHdi. Gli 1.6 sono proposti in versione 95 e 115 cavalli, il primo è possibile averlo con start&stop e cambio ETG6, oppure, manuale e privo di sistema di spegnimento e riavvio. I consumi oscillano tra i 5.5 litri/100 km di questa configurazione, ai 5.2 litri/100 km assicurati con start&stop e cambio ETG6. Salendo al 115 cavalli, lo start&stop è di serie e i consumi scendono a 5.1 litri; garantiscono prestazioni superiori i 2.0 BlueHdi, da 150 e 180 cavalli, entrambi con s&s, il più potente abbinato di serie al cambio automatico EAT6. Quanto ai consumi, bastano 5.3 litri al 2.0 BlueHdi 150 cavalli.

    797

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI