Motor Show Bologna 2016

Crisi dell’auto: situazione sempre più drammatica

Crisi dell’auto: situazione sempre più drammatica

Continua il tracollo verticale del settore auto, stavolta lo spaccato pur riguardante in special modo l'Italia non risparmia nessu Paese fra quelli maggiormente industrializzati interessati dal fenomeno recessivo

da in Immatricolazioni Auto, Mercato Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Traffico auto

    Auto a picco, non siamo davanti ad una crisi dell’auto, ma ad un vero e proprio tonfo verticale del settore che non si può più edulcorare con notizie quali una momentanea situazione di stallo e di stagnazione del mercato o qualsiasi altra cosa servisse per rendere meno amaro il “boccone”.

    Quel che contano sono i dati che riportano una flessione del 26,3% da un anno ad un altro, della produzione, ovvero il mese di settembre 2008 e lo stesso mese riguardante il 2007 e questi sono dati incontrovertibili, li rende noti l’Istat.

    A documentare ancor meglio la situazione del comparto automotive in Italia è lo spaccato in ambito alla produzione automobilistica nel periodo relativo ai primi nove mesi di quest’anno ove si è assistito ad una flessione del 10,9% che è continuata prendendo a riferimento periodi più brevi ma importanti da un punto di vista industriale, ad esempio, tra gennaio e settembre 2008, prendendo a paragone lo stesso periodo dello scorso anno, il calo è stato del 20,6%, con conseguente flessione delle vendite auto.

    Le cause di questa situazione sicuramente drammatica e che non può che peggiorare la situazione economica del nostro Paese visto il contesto sempre più precario nel comparto occupazionale, sono dovute ad una crisi economica mondiale con effetti recessivi per singola nazione soprattutto fra quelle più sviluppate, un fenomeno questo seguito al rincaro del prezzo del greggio che ha caratterizzato parte della fine dello scorso anno e dell’inizio dell’attuale, col risultato che l’intera economia delle nazioni, influenzata negativamente dal crollo delle borse e della crisi quasi senza precedenti avvenuta in America ha di fatto azzerato, per quel che ci riguarda, i consumi degli italiani, spostando l’acquisto di beni semidurevoli e durevoli verso quelli di prima necessità che, per’altro, segnano essi stessi un grosso contraccolpo.

    347

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Immatricolazioni AutoMercato AutoMondo auto

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI