Ferrari 458 Italia e Ferrari California, richiamo in fabbrica per 206 esemplari

Ferrari 458 Italia e Ferrari California, richiamo in fabbrica per 206 esemplari
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Ferrari 458 Italia

Ancora un richiamo in casa Ferrari, a distanza di pochi mesi da quello in cui, sul finire dello scorso anno, vennero riportate a casa 1248 esemplari della Ferrari 458 Italia. Allora si trattò di un difetto della paratia che isola il passaruota dal calore dei collettori di scarico. Difetto che causò alcuni casi di combustione con un costosissimo “barbecue” per i proprietari della 458 Italia. Si intervenne sostituendo il collante utilizzato per il fissaggio della paratia con dei ben più tradizionali rivetti, visto che venne riscontrato che in condizioni estreme il materiale usato per incollare le paratie poteva prendere fuoco. Sembra non esserci pace per la berlinetta, ma questa volta è in buona compagnia. Il richiamo interessa, infatti, non solo la Ferrari 458 Italia, ma anche la Ferrari California. Sia chiaro, si tratta di appena 206 vetture (considerando entrambi i modelli; ndr) su un totale di 13 mila prodotte: numeri minimi.

L’intervento riguarda esemplari sparsi un po’ per tutto il mondo e interessa la finitura dell’albero a camme, che per un’imperfezione causerebbe delle vibrazioni nocive per il propulsore. Senza la sostituzione, il motore potrebbe danneggiarsi. Il difetto sarebbe nato da un macchinario – che si occupa dell’operazione di finitura dell’albero a camme – non correttamente calibrato. La stessa Ferrari contatterà i clienti proprietari degli esemplari da richiamare, perché riportino l’auto al concessionario dove verrà sostituito il componente.
Al momento si sa che 10 Ferrari 458 Italia e 6 Ferrari California tra quelle interessate sono in Inghilterra.
Il lancio della Ferrari 458 Italia risale al 2009, quando ha sostituito la Ferrari 430. Motore V8 in posizione centrale, 570 cavalli e uno zero-cento da 3″4 completano – insieme al prezzo da 200 mila euro – la carta d’identità della berlinetta di Maranello. Più “anziana” la Ferrari California. Nata nel 2008, ha rappresentato una “rivoluzione” per il marchio, visto che è stata la prima coupé-cabrio con tetto rigido del Cavallino rampante. Altra grande novità introdotta con la California è stato il cambio doppia frizione 7 marce. Diversa l’architettura tecnica rispetto alla 458 Italia: la California segue il layout con motore anteriore e trazione posteriore, rispetto al motore centrale della 458. Quattromila e trecento cc di cilindrata per l’otto cilindri a V, capace di esprimere 490 cavalli e raggiungere i 310 km/h di velocità massima. Il tutto a 180 mila euro.
C’è da giurare che in Ferrari non saranno troppo contenti di finire sulle cronache motoristiche per un altro richiamo. Pro e contro di essere una leggenda: ogni cosa è amplificata oltre le debite proporzioni.

487

Vedi anche:

Peugeot Exalt al Salone di Pechino

Guarda il video della nuova Peugeot Exalt, la nuova elegante coupé che verrà svelata per la prima volta dal vivo al prossimo salone dell'auto di Pechino. Siamo di fronte ad un bellissimo concept, che riprende in diversi dettagli quello famoso della casa del Leone di nome Onyx di qualche tempo fa.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 10/05/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici